Home Magazine Speciali Archivio' Redazione'
topcontenuti

RECENSIONE DI: KIRBY - TOPI ALL'ATTACCO

Sistema: DS
Target: 3+
Genere: Piattaforma
Giocatori: 1/4

Wireless Single Card:

Wi-Fi: No
Produttore: Nintendo
Sviluppatore: Hal Lab.
Distributore: Nintendo
Versione: PAL
Requisiti: /
Uscita: Disponibile

 

Doppiaggio e testo a schermo in buon italiano.


Chissà chi ha rubato la merendina a Kirby e, soprattutto, chissà a chi è venuta in mente una trama tanto piatta...

 


Se c'è un aspetto che conquIsta da subito, è l'incredibile e spiritoso character design dei nemici! Sono tanto carucci che papparseli fa quasi male al cuore...

 


Saper gestire al meglio le abilità acquisite dai mostriciattoli avversari è essenziale per risolvere gli enigmi.

 


Sopra uno scorcio da favola, sotto lo stomaco di Kirby con i poteri e i power up immagazzinati nel corso dell'avventura.

TRAMA: 6,4

+ Simpatica...

- ...e demenziale!

GRAFICA: 8,8

+ Sfondi e scenari incredibili.

- ...Manca il 3D...

SONORO: 8,2

+ Di gran classe la qualità audio.

- Pochi i brani campionati.

GIOCABILITà: 8,2

+ Tantissimi poteri.

- Il nuovo sistema funge a caso...

LONGEVITà: 8,5

+ Tanti livelli...

- ...Pochi gli extra...

GLOBALE: 8,1

In conclusione, 

Kirby Topi All'attacco merita senz'altro il titolo del miglior gioco dell'estate, quello insomma destinato ad accompagnarvi alla volta di inesplorate mete esotiche ed a tenervi compagnia durante i noiosi viaggi in autostrada. Certo, a Luglio usciranno anche Pokémon Diamante e Perla, ma se ora state cercando un buon platform, non potete perdervelo!

In una parola: delizioso, come il dolcetto che dà l'imput alla storia...

IL PERENNEMENTE AFFAMATO KIRBY HA FORSE TROVATO PANE PER I SUOI DENTI!?

 

Se c’è una cosa che noi redattori abbiamo sempre amato poco, quella è l’ultima consegna prima delle vacanze. Un po’ come da piccoli si è soliti sbrigarsi con gli ultimi esercizi dei compiti a casa per correre fuori a giocare, oggi ci ritroviamo a piluccare appena i titoli da recensire prima di potersi finalmente sentire davvero liberi. La metà di luglio è tristemente vicina, i telefoni tacciono, segno che anche i PR sono già partiti per le vacanze, ed il sole sempre più caldo non invoglia certo a passare le proprie giornate di fronte a questi polverosi computer, che tra l’altro si surriscaldano e saltano con una certa facilità. Mentre il pensiero corre a Leonardo, il nostro unico rappresentante ad essere partito alla volta dell’E3, ci si affretta così a terminare il lavoro rimasto: Luigi si è chiuso a chiave per immergersi nel nuovo Pokémondo di Diamante e Perla, Niccolò invece gusta gli agrodolci sapori del discreto Transformers per DS, il Dosse è alle prese con gli esercizi scolastici del Dr. Kawashima e Carlo, invece, prepara già la scaletta e gli articoli che compariranno a Settembre, quasi non sentisse il richiamo della bella stagione. E io? Già, cosa faccio io?

 

KIRBY S’ABBRONZA!

A me questa volta è andata bene dato che mi è toccato in sorte un titolo a dir poco simpatico: Kirby Topi All’attacco. L’ultimo nato in casa Hal, infatti, è sicuramente la consegna più gradita che mi potesse capitare per soffrire meno tutto il tempo in cui non sarò ancora in vacanza dal momento che si rivela essere un gioco fresco e divertente, insomma il compagno ideale da portarsi al mare e con il quale divertirsi tra un tuffo ed un’oretta di tintarella!

 

MERITARSI LA MERENDA!

Quei cattivoni dei topacci viola hanno osato fregare il dessert al nostro Kirby, ed ora la palletta rosa è davvero furente! Ad un tipo così affamato, del resto, sottrarre del cibo prelibato costituisce il peggiore degli affronti!!

Ha inizio così la fanciullesca e demenziale trama di Kirby Topi All’attacco, titolo dal canovaccio e dal nome sfacciatamente infantile che nascondono però un gameplay ed una realizzazione tecnica ragionati e di tutto rispetto.

Giudicare Kirby Topi All’attacco dalle prime schermate, infatti, sarebbe un grosso errore. Una traduzione in italiano non sempre all’altezza ed una storia a dir poco banale fanno da preludio ad uno dei platform 2D più interessanti degli ultimi tempi.

Il Game Boy Advance sarà anche defunto, ma i vecchi piattaforma di una volta sembrano trovarsi a proprio agio anche su DS, e quest’ultima avventura di Kirby ne è una dimostrazione.

Kirby Topi All’attacco, infatti, tende a lasciare in secondo piano le peculiarità tecniche del doppioschermo Nintendo in favore di un concept marcatamente vecchio stampo. L’intera avventura, insomma, profuma di SNES e, attenzione, non abbiamo detto “puzza”, perché infatti non c’è nemmeno l’ombra dell’odore di muffa o della naftalina, in quanto le meccaniche, nonostante siano dichiaratamente datate, reggono perfettamente il gioco anche oggi, nel 2007!

Si corre, si salta, si nuota e si ingoiano i nemici: Kirby non è cambiato di una virgola, così come non sono cambiati i suoi rivali o i livelli che dovrà affrontare. Le ambientazioni, difatti, sono le solite, il level design non si srotola lungo i due schermi, i boss non richiedono l’intervento della stylus e i power up non impongono di soffiare nel microfono. Il divertimento, quindi, è quello “vecchio stampo”, privo di novità di rilievo ma certamente ricco di maestria.

Se avete giocato ad uno dei precedenti Kirby per Game Boy, NES, SNES o Advance, con Topi All’attacco vi sentirete da subito a casa. Le meccaniche sono infatti rimaste invariate: si tratta di un solido e godibile platform 3D che conta su di un’unica peculiarità rappresentata dalle innate capacità del personaggio. La rosea palletta di Hal infatti può svolazzare per brevi tratti riempiendosi d’aria, ma anche ingollare qualsiasi nemico gli si pari di fronte, acquisendone le abilità.

 

UN ASPIRAPOLVERE CHE NON S’INCEPPA!

Proprio così! Kirby è uno Yoshi spremuto all’ennesima potenza, dato che non si limita ad ingoiare qualsiasi tarpano trovi sul suo cammino, ma unisce l’utile al dilettevole, potenziandosi di nuovi poteri acquisiti dall’assorbimento dell’avversario. Un nemico che sputa fuoco, ad esempio, vi tramuterà in un roseo draghetto, mentre un mostriciattolo particolarmente combattivo saprà trasformarvi in un campione di boxe! A tutto questo si aggiungono i molteplici enigmi del gioco che richiederanno, per essere risolti, la trasformazione in un particolare tipo di nemico. Se dei blocchi di ghiaccio vi bloccano la strada, ad esempio, dovrete munirvi di un alito particolarmente pesante e infuocato per riuscire a procedere, mentre se la piattaforma più vicina è comunque troppo lontana per le normali abilità del nanetto sferiforme, allora dovrete rintracciare chi vi “insegni” a volare! Sparsi per i livelli, in più, ci saranno diverse strade nascoste che attendono appunto la trasformazione giusta per essere aperte. Ma non finisce qui, sennò saremmo di fronte ad un Kirby del tutto normale…

Il touch screen funge infatti da stomaco: tutte le abilità immagazzinate ingollando i nemici verranno raccolte sul secondo visore per entrare in funzione quando lo vorrete con un deciso colpo di stylus. I poteri, poi, potranno essere combinati tra loro per dar vita ad ulteriori trasformazioni, in un continuo e camaleontico tourbillon di maschere e nuove abilità!

 

…O NO?

Non tutto, però, funziona come dovrebbe: le abilità, ad esempio, si combinano a caso e il frutto delle loro “somme” rimane incerto fino a quando il gioco non svela l’arcano. Non è possibile dedurre in maniera logica se e quando l’addizione di due dati poteri si risolve in un terzo previsto; si risolve con un terzo che non avevamo previsto o non dà luogo proprio a nulla, con la conseguente perdita dei poteri usati per questa fusione (situazione frustrante, specie quando uno dei due poteri era stato ottenuto dall’abbattimento di un nemico magari raro e particolarmente ostico). Insomma, se il libretto, un tutorial o qualcuno, nel gioco, spiegassero i meccanismi che stanno dietro a queste operazioni, Kirby Topi All’attacco acquisirebbe tutto un altro significato, ma purtroppo si è soli e costretti a procedere a tentoni nel buio. Non rimane che armarsi di santa pazienza, nonché di carta e penna, e annotarsi tutte le combinazioni provate e i loro risultati, anche perché i poteri da ingollare sono talmente tanti che affidarsi alla semplice memoria non porterebbe ai risultati sperati…

 

UN KIRBY IN BIANCO E NERO!

Nonostante questo parziale “difetto”, Kirby Topi All’attacco rimane un’avventura a dir poco piacevole. A voler essere pignoli potremmo dire che il level design non è neppure così moderno come la realizzazione farebbe intendere, ma infondo quando abbiamo iniziato questa review abbiamo detto che il titolo “profumava di SNES”, con pregi e difetti annessi, naturalmente.

Graficamente l’ultimo parto in casa HAL è a dir poco una bomba: gli scenari acquerellati o disegnati con un arcobaleno di pastelli a cera sono maniacalmente curati e incredibilmente variopinti; gli sprite dei nemici risultano essere di grandi dimensioni in modo da farci cogliere tutte le caratteristiche dei buffi mostriciattoli che ci si parano di fronte. A livello del sonoro il buon Kirby mantiene alta la bandiera: tante musichette, tutte trasognate, tutte simpatiche, sapranno accompagnarvi dal menu introduttivo alla comparsa dei titoli di coda senza mai spingervi ad abbassare di un grado il volume.

Il gameplay, invece, è forse la parte meno fresca del titolo: un level design ispirato ma troppo poco complesso (con tutte le trasformazioni disponibili, infatti, era lecito aspettarsi una decina di bivi e segreti vari per livello) e la totale carenza di innovazioni sul fronte del concept della saga, minano lievemente Kirby, che non può dunque venir considerato come un capolavoro ma comunque come uno dei platform più belli usciti da gennaio ad oggi. E non è poco.

 

UN DOLCE RIMASTO A METà!

Concludendo, Kirby Topi All’attacco è sicuramente il titolo che vi possiamo consigliare per affrontare al meglio la bella stagione. Come si è detto, non è certo esente dai difetti, ma neppure i pregi sembrano mancare, ne è una prova l’altisonante voto che trovate in pagella. Dunque, se le vostre priorità non sono rappresentate dalle battute di caccia di Pokémon Diamante e Perla, o dagli esercizi logici di More Brain Training, la buffa e rotonda palletta di Hal è sicuramente il goloso compagno d’ombrellone che stavate cercando!

Autore: Luisa Grotti

Fai shopping con il Mario & Yoshi's friends -MAGAZINE-

Offerta valida solo per i nostri lettori: acquistando un titolo Wii da Multiplayer Shopping, riceverete in regalo un capolavoro sempreverde per GameCube!

Ampio assortimento: consulta il catalogo delle novità per Nintendo Wii!

Torna al Magazine - Torna alla Home

footer