Home Magazine Speciali Archivio' Redazione'
topcontenuti

 

ANTEPRIMA DI: TOMB RAIDER UNDERWORLD

 

Sistema: Nintendo Wii
Target: 12+
Genere: Piattaforma
Giocatori: 1
Produttore: Eidos
Sviluppatore: Eidos
Distributore: Halifax
Versione: Demo
Requisiti: /

Uscita:
EU: 21 Novembre
JAP: N.A.
USA: 18 Novembre

 

 


Lara Croft questa volta sembra davvero in forma...

 

 


Per la gioia degli animalisti all'ascolto, anche in Tomb Raider Underworld occorrerà uccidere decine e decine di specie...

 


...Sia sulla terraferma, sia nelle profondità oceaniche.

 


L'ultima avventura di Lara sta venendo su bene, ora resta da capire che ruolo avrà in tutto questo il Wiimote.

ASPETTATIVA

4 STELLE SU 5!

 

Mondi ispirati, tesori nascosti, misteri insolubili ed una figura davvero indimenticabile per scoprirli tutti: Lara Croft è tornata, e l'avventura che sta per affrontare sembra davvero sconvolgente.

Dopo tutti gli alti e bassi della saga, però, qualche dubbio rimane...

Dimentichiamoci di Indiana Jones e buttiamoci nell’ottava avventura della sua controparte femminile, disponibile per entrambe le console Nintendo.

 

Lara Croft sembra tornata finalmente in forze sotto le sapienti mani di Crystal Dynamics, dopo aver passato un brutto periodo (sancito dal pessimo Angel Of Darkness per Playstation 2) fuori dai riflettori. Eidos ha giustamente deciso di riprendere in mano la propria più grande icona (e una delle icone più grandi ai tempi della Playstation One nel mondo dei videogiochi in generale) con due giochi veramente ottimi, anche se non definibili capolavori: Legend e Anniversary. Se il primo era un capitolo nuovo a tutti gli effetti, il secondo era però solo una rivisitazione, dopo vent’anni, del vecchio titolo. Questo Underworld invece, in dirittura d’arrivo entro la fine dell’anno, è il diretto sequel dello stesso Legend, che avrà come obbiettivo principale, o almeno si crede, quello di risolvere alcuni degli enigmi nati dal precedente titolo. Che fine ha fatto la madre di Lara? Cosa si cela in realtà dietro il mistero di Re Artù e della spada Excalibur? Tutti quesiti che verranno probabilmente risolti in questo fiammeggiante ritorno della cacciatrice di tombe. Lentamente la trama che i fan della serie hanno sempre desiderato andrà però formandosi con nuovi dubbi e misteri. Quello che sembra già un capolavoro si rivelerà infine tale?

 

Caverne mortali

La trama di Underworld come già detto riprendere immediatamente dopo il finale del suo precedente capitolo ma sembra che diverrà ancora più interessante. L’unica location che è stata potuta provare dai giornalisti si svolgeva nel Messico del Sud, dove, seguendo i classici canoni della serie, ci si ritrova ad esplorare antiche caverne per scoprirne i più celati misteri. Anche se appunto questa locazione è l’unica presentata per via ufficiale dagli sviluppatori, essi ci hanno rassicurato sul fatto che ne saranno presenti molte di più da esplorare a fondo. Il Messico è strettamente legato all’antica civiltà Maya, e infatti sembra proprio che questo Underworld avrà una trama connessa alle teorie più disparate e pazze (o forse no, chi lo sa) che segnano come data ultima prima della fine del mondo il 2012. Nulla di ufficiale, ma se così fosse vedremo Lara impegnata in un’avventura veramente imponente, forse fin troppo per lei. Certo, non sarebbe la prima volta che ha salvato il mondo, dopotutto… Abbandonando ora la questione riguardante la trama, è doveroso spendere qualche parola sul nuovo gameplay, che per come dice la stessa Eidos, si rivelerà molto più interattivo di quanto è mai stato. La nostra Lara si ritroverà infatti ad affrontare situazioni veramente critiche, e dovrà attraversare con coraggio tutte le prove che la natura vorrà imporgli. Già, perché in base a quello che faremo l’habitat circostante si modificherà consentendo una sfida sempre nuova e variegata, da piogge torrenziali a siccità infinite. I video pubblicati finora mostrano un netto miglioramento per quanto concerne l’interazione con gli ambienti da un punto di vista anche poligonale e tecnico. Non più compenetrazioni irreali, ma, per esempio, quando Lara si troverà di fronte un albero discosterà le foglie con il braccio. Se il prossimo ostacolo invece fosse una pozzanghera di fango, vedremmo l’eroina sporcarsi realisticamente e trascinarsi macchie per tutto il percorso. O almeno questo si è visto dalle versioni graficamente migliori (360 e PS3), ma il Wii non dovrebbe avere molti problemi a ridurre la qualità mantenendola comunque a livelli lodevoli.

Se vedere la fanciulla tutta imbrattata per voi è un problema, forse potreste porgli rimedio con dell’acqua, no? Ma guarda, quella cascata dovrebbe proprio fare al caso vostro! Se vi ci fionderete, ecco che tutta la sporcizia sul bel corpo di Lara verrà debellato.

 

Scenari mozzafiato

Un altro miglioramento dal punto di vista tecnico sembra sia la scenografia, per la quale gli esperti di Crystal Dynamics sembra abbiano dato molta cura ai particolari. Dite quindi addio a fasi platform scritte e dirette dai creatori, e preparatevi per quello che sembra il senso d’esplorazione più alto che sia mai stato raggiunto da un gioco di questo genere. Potrete scegliere svariate strade per andare a scoprire quel sotterraneo preciso, ma grazie a questo sarà anche dannatamente più facile perdersi. Insomma, queste grotte non avranno certamente allegata una mappa che vi segni il percorso, quindi probabilmente vi ritroverete a più riprese al centro di una stanza vuota con più uscite, a chiedervi: “E ora dove vado?”. Il tutto sarà comunque decisamente meno frustrante grazie all’ausilio dell’interattività con l’ambiente. Ogni piccolo masso potrà essere spostato per rivelare la presenza di un passaggio segreto, ogni tronco tranciato (scusate la triste allitterazione) e scavalcato, oppure spostati per creare una sorta di ponte. Insomma, ci saranno veramente infiniti modi per portare a termine una missione, e questo potrebbe aumentarne considerevolmente la longevità. Shakerate il tutto con il fatto che Eidos, al solito, ha personalmente pagato studiosi (veri) di ogni genere per fotografare ambienti fantastici e immensi per poi riprodurli poligonalmente. Un aggettivo che sovviene pensando a tutto ciò riferendosi a questo gioco sembra proprio: immenso.

 

Enigmi e sparatorie

Il punto di forza di Tomb Raider e di ogni titolo del genere è una strutturazione degli enigmi di tutto rispetto. Avendo le possibilità tecnologica il connubio Eidos e Crystal Dynamics ha infatti creato, o almeno dice, molti enigmi di natura più complessa e vasta rispetto ai precedenti capitoli. Tra piramidi e templi antichi, chissà che cosa riservano per far spremere bene le meningi ai giocatori. D’altro canto, con la sua fama di cacciatrice di tombe Lara si è comunque creata un gruppo considerevole di nemici. Non saranno i nazisti di Indy, ma anche loro sanno il fatto loro e proveranno a porre in orizzontale la signorina molteplici volte in sparatorie spettacolari e pericolose. Anche da questo punto di vista, le meccaniche di base sembrano essere invariate ma al contempo incredibilmente espanse. Oltre le classiche pistole gemelle infatti avremo moltissime nuove armi con cui difenderci da questi criminali, come granate o fucili. Insomma, sarà una dolce donzella ma Lara di scheletri nell’armadio ne ha veramente tanti, e verranno aggiunti in questo ottavo capitolo in quantità considerevole. Un ritorno piuttosto atteso dai fan è la possibilità di massacrare a mani nude i nostri nemici, in veri e propri combattimenti corpo a corpo, ma da quel che sembra ci sarà anche una novità. L’interazione degli ambienti sembra così intelligente che non è difficile pensare alla possibilità di raccogliere un ramo particolarmente appuntito o un sasso pesante per affrontare questi nemici. Se però fossero solo umani i nemici di Lara sarebbe anche fin troppo facile, ecco quindi che dalle foto finora pubblicate vediamo spuntare bestie affamate come pantere, e creature fantastiche. Come se non bastasse, la dolce Croft potrà usufruire di moltissimi mezzi di trasporto, tra i quali la famosa moto, per trasportarsi nelle zone principali (e non in livelli a bivi come in Legend).

 

In conclusione

Insomma, dal punto di vista tecnico questa nuova avventura dell’archeologa più sexy del mondo sembra veramente strabiliante. Il Wii comunque è una console molto diversa dalle concorrenti e quindi sorgono due dubbi principali: prima di tutto, dal punto di vista grafico ci sarà sicuramente un livellamento, ma quanto sarà grave realmente la riduzione? E in secondo luogo, come verranno sfruttati i controlli tra wiimote e nunchuck? L’uscita è ormai prossima ma in effetti non sappiamo ancora darvi risposte precise, quindi tutto ciò che possiamo fare e incrociare le dita. Per quel che si è visto, Lara Croft sembra tornata veramente in grande stile (tra l’altro ha cambiato look), e la trama sembra magistrale. Underworld si prospetta davvero un degno seguito di Legend, comunque, e difficilmente deluderà gli appassionati.

Autore: Alessandro Turelli

Clicca per tornare al numero di Agosto 08!

Fai shopping con il Mario & Yoshi's friends -MAGAZINE-

Vuoi utilizzare questo spazio pubblicitario?

Scrivi una mail a carloscafe@libero.it con oggetto: banner pubblicità!

Torna al Magazine  - Torna alla Home

footer