Home Magazine Speciali Archivio' Redazione'
topcontenuti

Passano i mesi, si alternano le stagioni, eppure il nostro angolino della posta non sembra affatto risentire dello scorrere ciclico del tempo. Noi, io e voi, ce ne stiamo qui: nel nostro bel locale, nel nostro Café, incurante di chi troppo preso dalla vita passa frettolosamente di fronte alle nostre vetrine senza accorgersi che, qualche volta, una bella chiacchierata col barista di fronte ad una buona tazzina di caffé, è proprio ciò che ci vuole per ricominciare. Lo dice anche Bartolo!

 

L'indirizzo cui far riferimento è sempre quello: carloscafe@libero.it

Scriveteci numerosi, mi raccomando!

 

WII: IL PESO -ECONOMICO- DELLA "CULTURA"!

Buongiorno Carlo e buongiorno a voi, lettori del Mario & Yoshi's friends -MAGAZINE-

Mi chiamo Nicodemo (Nicdax per la rete), ho appena compiuto i 23 anni e sono un felice possessore della grande Wii.

Ovviamente seguo con interesse il vostro webzine, inutile dire che attendo con genuina trepidazione il primo del mese solo per poter leggere le vostre evanescenti pagine virtuali.

Vorrei oggi affrontare con Carlo, e anche con tutti i vostri lettori, un tema che mi sembra non abbiate ancora affrontato: quello del costo esagerato dei titoli per la Virtual Console.

Non so quanti tra voi abbiano già iniziato a scaricare titoli, io, sinceramente, avendo venduto per via di un trasloco la mia collezione ludica, ho sottoscritto il servizio dal giorno dell'inaugurazione, solo per poter giocare a quelle glorie che da piccino mi tenevano così compagnia. Zelda A Link to the Past, Donkey Kong Country 1,2 e 3, Super Mario World, Mario Kart, Sonic, Alex Kidd... i più bei giochi dei primi anni '90 li avevo praticamente tutti. Dopo aver speso 20 euro nella mia prima Wii Card mi sono detto, un po' scocciato: "vabbé, avrò speso anche la cifra utile a comprare un gioco Wii nuovo, ma almeno chissà quanti me ne posso scaricare". Infatti, sulla carta, il mio pensiero filava liscio, basterebbe andare su e-bay o anche in quei mercatini dove si vende un po' di tutto per procurarsi dieci titoli SNES, 20 NES e 10 per Megadrive più o meno alla stessa cifra (20 euro, appunto). Invece no: sul Wii Shop ecco che faccio l'amara scoperta! Per comprare un titolo NES devo sborsare 5 euro, otto se voglio uno per SNES, dieci carte (dieci!!!) per uno che girava su Nintendo 64!! Ci sono rimasto davvero male... Spendere dieci mila delle vecchie lire per un titolo del 1980 mi pare infatti una richiesta assurda, così come mi pare assurdo che per scaricarsi Super Mario 64 ti lire ne devi spendere ben 20.000, quando oggi, con 15€ ti porti a casa la variante riveduta e corretta per DS...

Questo è quanto, sono ora ansioso di scoprire cosa ne pensi tu, Carlo, sperando che altri lettori siano invogliati ad unirsi a me in questo accorato grido di protesta.

Ancora complimenti per lo splendido lavoro che fai!

Nicdax.

 

Naturalmente sono d'accordo con te su tutta la linea, anzi, sappi che non appena ho letto la tua mail, mi sono sentito in dovere di aprire un'apposita discussione nel nostro Forum per sentire quanti più pareri possibili.

Non vedo che altro aggiungere ai tuoi logici ed inattaccabili ragionamenti. Basta infatti fare un giro oggi nei supermercati per vedere che agli stessi prezzi sono venduti titoli per GameCube, Playstation 2 e X-Box, dunque perché farsi fregare pagando così caramente titoli vecchi e molto spesso anche deludenti? Insomma, parliamoci chiaro: nella Virtual Console si annidano tanti giochi davvero pessimi e l'utenza molto spesso non ha modo di verificare la bontà del prodotto visto che per la rete le recensioni di titoli così vecchi non si trovano facilmente (è per questo che vi consigliamo di leggere i nostri articoli sulla Virtual Console!!). Spendere sei euro, dodici mila lire, e ritrovarsi per le mani un Bonk's Adventures non so quanto possa entusiasmare il tapino di turno... Senza contare, poi, che con il listino attuale, basta comprare due giochi per Nintendo 64 per veder sfumare la propria costosissima Wii Card...

Anche noi siamo grandi fan dei videogiochi e anche a noi fa piacere avere la possibilità di rigiocare ai titoli illustri del passato ma questo non vuol certo dire che dobbiamo farci fregare, giusto?

_______________________________

 

WII, UNA CONSOLE PER RICCHI!

L'altro giorno, dopo aver insistito a lungo, ho finalmente convinto mio cugino a comprarsi il Wii. Dovete infatti sapere che lo scroccone amava questa console, amava Zelda e forse ancor di più Wii Sports, quindi, tutti i giorni, dopo gli allenamenti in piscina, passava a casa mia e con la scusa di giocare assieme si piazzava davanti alla tv e non riuscivo più a schiodarlo prima di cena. Non che avere il cuginozzo in casa mi dispiaccia, anzi, siamo cresciuti insieme e gli voglio bene come ad un fratello, però mi sarebbe piaciuto godermi in santa pace il mio Wii al ritorno dalla piscina... Così, la scorsa settimana, gli ho detto: "o ti pigli almeno un telecomando Wii, vieni, e giochiamo in due, o ti pigli un Wii e ti ci giochi a casa tua!". Lui ha optato, più comprensibilmente, per la seconda, però continua fortunatamente a venire, solo che ora giochiamo tutti e due e non mi monopolizza più la console.

Però, ieri, alla prima partita in multiplayer, ho fatto una scoperta agghiacchiante! La mia sala è troppo piccola per ospitare un doppio a Wii Sports. Ci sgomitiamo di continuo, i telecomandi sfiorano mobili, vasi e suppellettili, richiamo anche di farci male e non riusciamo, soprattutto, a giocare come si deve. Insomma, siamo due regazzi piuttosto ben piazzati visto che facciamo nuoto da una vita, ma anche se fossimo più esili probabilmente non riusciremmo lo stesso ad evitare colpi, lividi e botte al telecomando Wii... Abbiamo provato a spostare, nei limiti concessi da mia madre, il televisore ma niente: per giocare a Wii Sports in due occorrerebbe una sala davvero molto più grande -e sgombra- della mia. In Red Steel il problema si avverte meno ma del resto là si tratta solo di puntare il telecomando alla tv, nei giochi in cui c'è da muoversi, però, o si ha una stanza bella grande oppure è impossibile giocare. Io ho una casa di 65 metri quadrati... mi sa tanto che Nintendo non ha pensato a noi prima di creare il Wii.

Saluti,

Stefano.

 

Stefano, la tua lettera è davvero simpaticissima e pone in risalto un problema al quale nessuno, probabilmente, aveva ancora pensato... In effetti per giocare al Wii ci vuole una certa attenzione e, soprattutto, si ha bisogno di stanze grandi e sgombre. Bisogna comunque pensare che il Wii è stato pensato e studiato da giapponesi, tipi piccoli e mingherlini che abitano in monolocali quasi privi di arredo. Laggiù, insomma, a meno che a confrontarsi non siano due lottatori si sumo, non devono aver riscontrato problemi di questo tipo nelle fasi dei test. In Europa, l'altezza media dei ragazzi è ormai sui 175cm, senza contare che le nostre case strabordano di suppellettili e ammenicoli vari. E poi ci sono i tappeti su cui la mamma non vuole che saliamo, i caminetti in marmo pronti a spaccarci qualche dito al primo passo falso in Wii Tennis, il prezioso vaso della nonna a cui si fa puntualmente il pelo nelle partite di Wii Bowling... Sta di fatto che noi saremmo anche più grossi dei giapponesi, ma le nostre case sono davvero pericolose, così zeppe di spigoli puntuti e oggetti pronti a rompersi in mille -taglientissimi- pezzi. Probabilmente basterebbe avere meno suppellettili, meno tavoli, tavolini e tappeti, e non una stanza più grande per giocare come si deve, ma le mamme sono già sul piede di guerra, dunque iniziate a convincerle che il Wii non è poi così male: chissà che in futuro non vi permettano di spostare il prezioso soprammobile in vetro di Murano ricordo del viaggio di nozze...

_______________________________

 

RESIDENT EVIL... NON CI CREDO!

Carissimo e saggissimo Carlo,

sono Phunnfax89, vi seguo da almeno sette mesi, e avrei una domanda veloce veloce per te. L'altra mattina, infatti, un mio compagno di scuola mi ha detto di aver letto su di un sito di un possibile Resident Evil 4. Sapendo che è già stato convertito per PC e PS2 non gli ho creduto anche perché non avrebbe senso, con Umbrella Chronicles alle porte. Non vorrei, inoltre, che proprio quest'ultimo fosse riconvertito nell'ennesimo remake di RE 4. Purtroppo non ho modo di collegarmi spesso ad internet, dunque spero mi saprai dare tu qualche delucidazione in proposito.

Grazie mille.

Phunnfax89

P.S.: Siete mitici!!!!

 

Caro Phunnfax89 (non dico che dobbiate chiamarvi tutti Mario, Yoshi e Link, ma nomi più semplici no, eh?), è dall'inizio del mese ad oggi (ti sto rispondendo al 24 di Marzo) che una voce circola per la Rete con una certa insistenza. Dubitare sulla sua veridicità a priori, senza prove, a mio avviso potrebbe essere sbagliato visto che Capcom ci ha abituato più volte ai remake dei suoi giochi, senza contare, inoltre, che un Resident Evil 4 si adatterebbe benissimo al Wii: pensa al Wiimote impiegato come arma da fuoco o sventagliato per menar fendenti col coltello... Ti sembrerebbe così strano? A me sinceramente no, se poi consideri che il Wii è attualmente la seconda console più venduta al globo (la prima è il DS), capirai bene il giochetto di Capcom: con un semplice remake conta infatti di farsi un sacco di quattrini! Al momento, comunque, non ho ulteriori informazioni, di sicuro in quegli studi qualcosa di grosso bolle in pentola, ma non penso che Umbrella Chronicles potrà mai fondersi con RE4. Sarebbe un errore, un grosso errore, e Capcom non ne ha mai fatto di così clamorosi...

_______________________________

 

AL BUIO è MEGLIO!

Grandissimo Carlo,

mi chiamo Olasparty, ho 17 anni e tra poco avrò finalmente finito il liceo sociopsicopedagocico che tanto ho detestato! ;-P

Ieri ho convinto un mio compagno altamente sonaro a provare il Wii, console che ha sempre insultato e offeso.

Ci mettiamo lì, lui è già pronto a trovare difetti più o meno visibili, gli faccio vedere come si gioca, quindi gli porgo il telecomando invitandolo ad un duo in Wii Sports. "Giocare con un telecomando! Che scemata!" La nostra partita inizia con questa sua frase, ma dopo pochi minuti siamo tutti e due sudati ma felici e divertiti! Alla fine del pomeriggio mi confesserà persino di iniziare a pensare di volere un Wii... per sua sorella... visto che la PS3 tanto costa ancora troppo. Certo, certo, caro Marco: mica sono scemo!

Gli faccio vedere gli altri giochi, Red Steel, Call of Dury, Wario Ware, Excite Truck, Zelda Twilight Princess. Gli piacciono più o meno tutti ma ad un certo punto si fa scuro in volto e mi dice: "sai cosa c'é? la grafica per me è più brutta di una playstation 2". Io gli rispondo che sulla carta il Wii è più potente anche del Game Cube, lui ovviamente non mi crede, andiamo così sul vostro sito e gli faccio leggere il vostro Wii, finalmente è quii! di Dicembre con le specifiche.

Insomma, avrò avuto anche ragione... però neppure quel sonaro di un Marco ha poi tutti i torti. Secondo voi com'è che da un lato abbiamo un 360 con giochi fotorealistici e dall'altro un Wii che, graficamente, sembra persino meno potente di un GameCube?

Vostro, per sempre!

Olasparty.

 

Vuoi sapere la verità?

La stessa tua domanda ce la stiamo ponendo anche noi da almeno tre mesi! Passi la scanzonata grafica di Wario Ware Smooth Moves, passino gli ambienti non sempre ineccepibili di Red Steel, ma quando ci guardiamo intorno e facciamo il punto della situazione, scopriamo allora che il titolo dalla grafica più bella arrivato fino ad ora su Wii è Zelda Twilight Princess, gioco che, guardacaso, è nato e gira anche sul GameCube! Insomma, sotto il profilo grafico il Wii non ha ancora stupito nessuno. Neppure Super Mario Galaxy e Metroid Prime Hunters 3 Corruption sembrano distaccarsi tanto da quelle che erano le potenzialità del GameCube. Personalmente sono arrivato alla conclusione che gli sviluppatori impieghino la maggior parte nel tempo non allo sviluppo visivo, quanto in quello del gameplay. I giochi del Wii stupiscono e dovranno stupire "pad alla mano", gli occhi per una volta dovranno forse accontentarsi...

_______________________________

 

 

Volete dire la vostra?

Scrivete a carloscafe@libero.it e potreste venire pubblicati!

 

Torna al Magazine - Torna alla Home


ifooter