Home Magazine Speciali Archivio' Redazione'
topcontenuti

 

ANTEPRIMA DI: DANCE DANCE REVOLUTION - HOTTEST PARTY

 

Sistema: Nintendo Wii
Target: 3+
Genere: Musicale
Giocatori: 1/4
Produttore: Konami
Sviluppatore: Konami
Distributore: Halifax
Versione: Demo
Requisiti: /

Uscita:
EU: Maggio
JAP: Maggio
USA: Maggio


Alcuni ballerini sono abbigliati in modo davvero strano...

 


Un gruppetto di belle ragazze rallegra sempre il cuore, non trovate?

 


Passano gli anni, cambiano le console, eppure Dance Dance Revolution rimane sempre quello...

ASPETTATIVA

3 STELLE SU 5!

 

Come si fa a non voler bene a Dance Dance Revolution!? Noi non lo sappiamo e infatti stiamo fremendo dalla voglia di provarlo. Ma prima Konami deve convincerci di aver apportato al concept la giusta dose di novità...

SIETE PRONTI A SALIRE SUL MAGICO TAPPETO VOLANTE DI KONAMI!?

 

La luci si accendono, e un ominide vestito in frac sale sul palco, gesticolando come un maestro d’orchestra; la canzone è quella di The Legend Of Zelda, il protagonista è Miyamoto e il grande evento l’E3 2006.

Nella conferenza che dovrebbe delineare il futuro della rivoluzionaria macchina da gioco Revolution, la Nintendo mostra come primissimo gioco ingame un gioco musicale, genere relativamente appena nato e dalle potenzialità incredibili. La casa di Kyoto crede molto in questo sottovalutato genere e con una presa di posizione molto pericolosa ha annunciato anche un certo Wii Music ( che presenterà anche il simulatore di batteria che tanto abbiamo ammirato all’E3).

A tale conferenza devono aver assistito anche quei mattacchioni della Konami, che con il loro tappeto magico hanno stregato tanto l’occidente quanto l’oriente.

Non ci sono storie: Dance Dance Revolution ( o  Dancing Stage come viene chiamato in Europa ) ha segnato dalla sua prima uscita (1998 in Jappone ) ben 10 sistemi, tra cui spiccano i mitologici arcade, totem dove sono infuriate moltissime competizioni anche a livello nazionale (soprattutto nelle sempre verdi sale giochi Giapponesi. Qui da noi molto meno, purtroppo).

La meccanica di gioco è molto semplice: sullo schermo appaiono frecce colorate indicanti diverse direzioni: a noi tenere il ritmo calpestando le relative frecce nel momento corretto sul tappetino.

Con una meccanica tanto elementare e divertente la Konami è riuscita a creare un vero e proprio fenomeno, ricevendo consensi sia dal pubblico sia dalla critica.

Con un gameplay quindi ben assoldato, bisogna capire come il gioco si adatterà al doppio controller del Wii e come questo espanderà le meccaniche di gioco.

 

“Chu Chu Chu!”

Se avete colto la citazione, e se citando giochi tipo “Samba The Amigo” o “Parappa the rapper” il vostro cuore si scalda, allora posso dirvi fin da subito che i vostri prossimi 60 euro saranno spesi per questo gioco.

Difatti questo Hottest Party è un mix talmente adrenalinico e divertente da non poter suscitare in voi nemmeno un sentimento, dalla vergogna per uno stile tanto folle al sano divertimento.

Oltre al classico tappetino incluso nella confezione, il giocatore dovrà tenere ben impugnati i due jopad, poiché in questo capitolo non dovrete tenere il tempo solo con i piedi, ma anche con le mani!

Preparatevi quindi ad esercizi ginnici e maratone che vi faranno davvero sudare e, perché no, dimagrire: il ritmo è frenetico e non c’è tempo per fermarsi a pensare.

Le canzoni che faranno da sfondo alle vostre figuracce casalinghe apparterranno alla produzione musicale dagli anni '70 in poi: aspettiamo in questo senso una lista ufficiale, così da poter iniziare a cercare i nostri motivi preferiti.

Grazie agli  screenshot mostrati possiamo intravedere anche una modalità multigiocatore: fino a quattro partecipanti potranno lanciarsi nella sfida, per poter poi dare la corona di vincitore al nuovo Tony Manero.

Sicura la presenza di una sezione dedicata tutta ai minigiochi, da godersi sia in singolo sia con altri 3 amici. Ancora però non è dato sapere quanto questa modalità sarà importante nel gioco complessivo: vera alternativa al classico gioco e semplice aggiunta? Solo il tempo saprà risponderci.

La grafica, come nel più classico degli schermi, si presenta come assolutamente fuori di testa: colori accesi e psichedelici produrranno assuefazione e i pochi modelli poligonali appaiono ben definiti e senza sbavature.

Senza pudore possiamo quindi consigliare di tenere sott’occhio questo nuovo capitolo della famosa saga Dance Dance Revolution: lo stile sopra le righe sembra essere rimasto intatto e l’utilizzo dell’accoppiata wiimote+nunchaku promette faville.

Il gioco sarà disponibile nei nostri negozi in una data imprecisata del 2007: noi siamo pronti a scommettere sul periodo autunnale o Natalizio.

Fino a quel momento potete intrattenervi con Ossu!Tatakae!Ouendan! ( Beat Agents in occidente) e con Electroplankton, due giochi disponibili su Nintendo Ds che sapranno risvegliare in voi, nel caso ce ne sia la necessità, il senso del ritmo.

Autore: Niccolò Ballerio

Torna al Magazine - Torna alla Home

footer