Home Magazine Speciali Archivio' Redazione'
topcontenuti

 

ANTEPRIMA DI: OPOONA

 

Sistema: Nintendo Wii
Target: 7+
Genere: Gioco di Ruolo
Giocatori: 1
Produttore: Koei
Sviluppatore: Koei
Distributore: Nintendo
Versione: Demo
Requisiti: /

Uscita:
EU: N.A.
JAP: Primavera
USA: Primavera

 

 


Ecco: lui è Opoona. Con un nome ed una faccia simile, il GDR di Koei non può che essere un gioco davvero strambo!

 

 


Opoona sembra davvero un prodotto particolare. Di quelli come piacciono a noi.

 


La grafica non tirerà al massimo le potenzialità del Wii, ma gli ambienti evocativi non sembrano mancare.

 


Il sistema di combattiment a turni sembra piuttosto classico, ma gli sviluppatori ci hanno promesso una gran dose di novità.

ASPETTATIVA

4 STELLE SU 5!

 

Di Opoona in realtà sappiamo ancora poco, ma quel poco c'è bastato per iniziare ad aver fiducia in questa stramba ma promettente fatica di Koei che sembra davvero sprizzare nintendosità da ogni poro...

Un GdR davvero particolare sta per arrivare su Wii

 

Siamo sinceri: il binomio console casalinghe Nintendo e GdR non ha mai funzionato più di tanto. Se con il glorioso SNES si è certamente toccato l’apice di produzioni GdRistiche, dal Nintendo 64 in poi la situazione non si è mai sollevata più di tanto, Wii incluso. In questo primo anno di Wii infatti non ci sono state produzioni alcune di tale genere ad apparire sulla rivoluzionaria console Nintendo, con sommo dispiacere di chi vive quotidianamente di Final Fantasy e affini. La situazione fortunatamente è differente quando si parla delle console portatili della grande N, infatti sia GBA che DS hanno omaggiato gli appassionati del genere con alcune perle difficilmente dimenticabili. Fortunatamente, con il 2008 appena iniziato, le cose paiono destinate a cambiare. Sono infatti ben cinque i potenziali GdR che sono attualmente in sviluppo per Wii e tutti e cinque in assoluta esclusiva, segno evidente che le terze parti hanno posto immensa fiducia sul Wii.

 

 "il binomio console casalinghe Nintendo e GdR non ha mai funzionato più di tanto. Se con il glorioso SNES si è certamente toccato l’apice di produzioni GdRistiche, dal Nintendo 64 in poi la situazione non si è mai sollevata più di tanto, Wii incluso."

 

Stiamo parlando di Tales of Symphonia 2, sequel di uno dei migliori GdR degli ultimi dieci anni, il nuovo Fire Emblem, storico GdR strategico di Intelligent System, Fragile, in sviluppo presso Konami, il seguito di Final Fantasy Chronicles e infine Opoona…

 

SEGNATEVI QUESTO NOME: OPOONA

Nella lista nuda e cruda appena stilata, ho lasciato Opoona per ultimo, anche se di ultimo ha ben poco. Anzitutto, sarà il primo della serie con ogni probabilità a comparire nei negozi europei e, in quanto a qualità, dalle prime informazioni, ha ben poco da invidiare rispetto agli illustri concorrenti menzionati qualche riga fa.

E’ abbastanza strano scoprire come in realtà gli sviluppatori siano i tizi i Koei, che in questi anni si sono distinti soprattutto per la saga medievale di Dinasty Warriors. Opoona ovviamente non c’entra una mazza con Dinasty Warriors, proponendo una ricetta di gioco completamente differente.

Della trama si sa ancora poco ed in fondo è meglio così. Sappiamo solo che il protagonista è un buffo e colorato personaggio di nome, appunto, Opoona il quale è stato costretto a dover effettuare un atterraggio assieme di emergenza assieme ai suoi fratelli. Il problema è che questo nuovo pianeta è abitato da esserini alquanto particolari, ma non è finita qui. Opoona e i suoi due fratelli per ritornare nel loro pianeta originario, hanno bisogno di una sorta di “licenza”. Lo scopo del gioco insomma sarà quello di esplorare il pianeta circostante e di ottenere questa tanto agognata licenza al fine di tornare a casa. Ovviamente è probabile che poi la trama decolli definitivamente, dipanandosi in mille strade come accade in tutti i GdR di stampo classico. E siamo sicuri che Opoona sotto questo aspetto non ci deluderà.

 

E’ IL TUO TURNO

Il sistema di gioco ora come ora è avvolto dal sipario, anche se da sotto si riesce a scorgere qualcosina.

I combattimenti anzitutto, vero fulcro di ogni GdR che si rispetti, dovrebbero avere uno stampo classicheggiante, essendo infatti casuali e a turni. Certo, per chi si aspetta un cambio di rotta da questo punto di vista ne rimarrà deluso, perché con Opoona torneremo in quella classica situazione nella quale, camminando, scatta lo scontro, senza che i nemici si possano verificare sullo schermo. E’ una scelta abbastanza discutibile, specie in questi ultimi anni dove i GdR hanno imparato ad evolversi. Ancora non sappiamo la bontà degli scontri con gli avversari, speriamo vivamente che Koei sia in grado di organizzare combattimenti sempre equilibrati e soprattutto mai noiosi. Dovrebbe dare al giocatore, in soldoni, incentivi validi per affrontare orde di battaglie casuali (anche la cosa non è certo semplicissima, me ne rendo perfettamente conto). Tra l’altro Opoona e i suoi due fratelli utilizzeranno come arma principale bensì la loro testa a mo’ di palla! Siamo molto curiosi di sapere come questa “arma” bizzarra si potrà evolvere nel corso dell’avventura.

 

WIIMOTE IN SOFFITTA?

Un’altra particolarità non di poco conto sta nel sistema di controllo, che prevede stranamente l’utilizzo soltanto del Nunchuk. Ancora non conosciamo nel dettaglio la mappatura dei tasti (anche se sono soltanto tre inclusa la levetta, quindi la difficoltà di Opoona non starà certo nel sistema di controllo), ma possiamo già fare qualche riflessione. Sappiamo che Opoona sarà un GdR molto profondo e classico, al cospetto di un comparto grafico coloratissimo e deformed, con tanto stile da vendere. Il fatto di assegnare tutto il canovaccio giocoso di Opoona all’espansione del Wiimote, è una chiara (e sostanzialmente condivisibile) scelta di Koei di rendere la sua fatica accessibile più o meno a tutti, anche a quelli che magari trovano un po’ troppo i complessi i GdR, portando a compimento la politica tanto cara a Nintendo di allargare gli orizzonti videoludici.

Purtroppo, tutto quello che sappiamo di Opoona è stato già disquisito e anzi, perdonateci per l’anteprima non molto lunga. Tuttavia, ci è sembrato doveroso dedicare comunque qualche riga di approfondimento ad Opoona, perché noi del Meyf siamo pronti a scommettere tanto sulla fatica Koei. Dietro infatti ad un aspetto buffo e poco credibile, si potrebbe nascondere un GdR profondo e molto classico, dotato poi di un sistema di controllo che si basa soltanto sul Nunchuk, per cui semplice e, conseguentemente, accessibile ai più. La più piacevole sorpresa del 2008 per Wii sta per arrivare?

Autore: Alessio Dossena

Torna al Magazine - Torna alla Home

footer