Home Magazine Speciali Archivio' Redazione'
topcontenuti

RECENSIONE DI: BOOG & ELLIOT A CACCIA DI AMICI - OPEN SEASON

Sistema: Game Cube
Target: 3+
Genere: Avventura
Giocatori: 1

Wireless Single Card: /

Wi-Fi: /
Produttore: Ubisoft
Sviluppatore: Ubisoft
Distributore: Ubisoft
Versione: PAL
Requisiti: /
Uscita: Disponibile

Doppiaggio e testo a schermo in italiano.


La realizzazione grafica non farà certo gridare al miracolo ma ricalca fedelmente quella del film.

 


I cacciatori rappresentano i canonici boss di fine livello. Per superarli dovrete di volta in volta scoprire i loro punti deboli.

 


Anche se è impossibile morire, le frenetiche sessioni di guida sul carrello della miniera risultano spettacolari e divertenti.

 


Come sarà fare rafting sul tetto di un bagno pubblico? Chiedetelo a Boog & Elliot!

TRAMA: 7,5

+ Segue fedelmente la pellicola.

- Filmati non sempre eccelsi...

GRAFICA: 7,0

+ Personaggi ben curati e animati.

- Ambientazioni poco evocative.

SONORO: 7,5

+ I brani provengono dal film.

- Il doppiaggio in italiano spesso fa le bizze.

GIOCABILITà: 7,2

+ I più piccoli verranno guidati passo passo in tutte le sfide.

- I giocatori più grandi lo troveranno troppo facile.

LONGEVITà: 7,0

+ Divertentente e ricco di situazioni comiche.

- Consigliato solo ad un pubblico di bimbi. Diciamo dai 3 ai 12 anni.

GLOBALE: 7,2

In conclusione,  Boog & Elliot - A Caccia di Amici è senz'altro il titolo ideale per fare un regalo gradito al proprio/a fratellino/sorellina. E' infatti un gioco pensato e sviluppato per i più piccoli ma, nonostante sia curato e ricco di situazioni divertenti, non è consigliabile ai giocatori già arrivati alla terza media...

un orso obeso ed unO scatenato cervo monocorno sono pronti a far baldoria sui vostri game cube! scateniamoci con questo divertimento selvatico!!

 

Chissà quante mamme avranno dovuto svincolarsi, dopo aver visto con i propri pargoli il film di Boog&Elliot, dalle richieste di comprare loro un orso o un cervo!

Non temete, mamme, perché Ubisoft ha pensato bene di realizzare una fedele trasposizione videoludica del film d'animazione di casa Sony che terrà buoni e felici i vostri pargoletti!

Il gioco ripercorre la trama del film e quindi ci mette nei panni (forse sarebbe meglio dire nella pelliccia) di Boog, un tenero orso grizzly addomesticato fin da cucciolo dalla buona e cara ranger Beth. Boog passa il tempo esibendosi nello spettacolo sulla vita selvaggia organizzato dalla sua padrona nonché compagna di giochi, viaggiando sul suo fuoristrada tutto felice e dormendo in un garage, all’interno di una cuccia per cani... La sua vita scorre tranquilla nella cittadina di Timberline fin quando non incontra Elliot un ciclonico cervo mono corno che irrompe nella vita dell’orso cambiandola radicalmente. Questo enorme peluche, grande, grosso e ingenuo, viene infatti spinto da Elliot ad intrufolarsi nel Mars Market per far incetta di dolci ma viene colto con le zampe nel sacco... delle patatine! Lo sceriffo di Timberline costringe quindi Beth a sbarazzarsi del duo, che è destinato così a far ritorno nella foresta. Ed è proprio con il ritorno alla vita animale che hanno inizio i guai di questi due provetti ed educati cittadini!

 

Il vero mondo selvatico.

Il bosco è per Boog un mondo completamente nuovo ed inesplorato, come se non bastasse, poi, gli animali che lo popolano gli sono inizialmente ostili. Scoiattoli, puzzole e conigli non lo vedono di buon occhio ma dopo aver visto che il grande orso bruno è disposto a dargli una mano nei loro problemi quotidiani ricambieranno il favore aiutandolo nella fuga e nel ritorno verso Timberline.

La meccanica di gioco è abbastanza semplice e lineare, si tratta infatti di un'avventura ad obbiettivi o capitoli: il giocatore si deve concentrare su delle specifiche missioni che gli vengono proposte via via con il proseguo del gioco. Non abbiamo mai l'opportunità di esplorare la foresta liberamente ma la nostra azione è sempre circoscritta a particolari zone e mansioni. Una voce fuori campo, in perfetto italiano (quella di Miss Gufella, per la precisione), ci descrive puntualmente cosa e come lo dobbiamo fare. Non sarà mai troppo difficile portare a termine i nostri compiti anche se con andando avanti con l'avventura dovremo mettere insieme quello che abbiamo imparato inizialmente per uscire dalle situazioni più ingarbugliate. Per un giocatore esperto non sarà troppo difficile arrivare a vedere i titoli di coda, anzi, forse gli sembrerà fin troppo semplice ma come abbiamo detto sin dall'inizio, Boog & Elliot – A Caccia di Amici è rivolto principalmente ad un pubblico di tenera età e per questi la sfida sarà di sicuro appagante e divertente.

La nuova avventura targata Ubisoft inizia con il nostro orsacchione alle prese con i problemi degli animali selvatici che incontrerà sul suo cammino: recuperare i piccoli e il cibo per una coppia di puzzole, far scappare i taglialegna per non far perdere la casa agli scoiattoli, per poi passare all'evasione dal mondo selvatico evitando e terrorizzando i cacciatori. Con il proseguo del gioco ci verrà insegnato a ruggire come dei veri e famelici orsi ma per riuscire a terrorizzare i cacciatori bisognerà anche coglierli di sorpresa avvicinandoci di soppiatto alle loro spalle. Un sistema di icone ci guiderà puntualmente nell'azione, in particolare ci avviserà quando i cacciatori sono distratti e quindi quando possiamo avvicinarci senza essere visti, e quando invece sono in allerta, in questo caso dovremo mimetizzarci tra i cespugli per non farci notare (basterà premere il tasto L del controller). Gli animali che abbiamo aiutato ci potranno essere d'aiuto soprattutto quando si tratta di terrorizzare i cacciatori più malvagi e astuti. Le puzzole sfodereranno il loro proverbiale odore per stordirli, gli scoiattoli gli distrarranno lanciando loro addosso le ghiande mentre i conigli… bhé, loro verranno usati da Boog alla stregua di proiettili viventi! Nessuno chiami la protezione animali, però. Possiamo quindi combinare una serie di disturbi per rendere più suscettibile al nostro ruggito anche il cacciatore più temerario. Anche se Boog può essere colpito dai proiettili dei fucili, comunque, non finisce mai in game over dato che anche dopo aver perso tutta l’energia basta premere ripetutamente il pulsante A per recuperare le forze e ricominciare da dove avevamo lasciato.

 

 

Un mondo divertente.

E’ interessante notare come alcune varianti sul tema rendano l'azione di gioco meno monotona e più varia di quanto ci si aspetterebbe da un titolo sviluppato appositamente per i giocatori più piccoli. La presenza di diverse tipologie di cacciatori, da quello “puzzone”, resistente cioè alle puzzole a quello “guerriero” ovvero resistente agli scoiattoli, la presenza di veri e propri campeggi di cacciatori, trappole e varie sessioni di guida tengono alto l'interesse e il senso di sfida.

Già, avete letto bene: sessioni di guida! Abbiamo infatti anche la possibilità di mettere alla prova i nostri riflessi nella corsa su di un carrello di una miniera abbandonata, affrontando le rapide a bordo di un gabinetto (con dentro un cacciatore!) e rotolando sotto forma di una palla di neve gigante dalla cima di una montagna! Ci sono inoltre momenti in cui prenderemo diretto controllo di Elliot che di solito si limita a seguire Boog ed ad assillarlo con le sue chiacchiere ma che a volte tornerà anche utile contro animali ostili e cacciatori particolarmente duri da superare. E' infatti solo grazie all' ”Abilità Di Sopravvivenza Finale” che, scagliando Elliot, riusciremo a superare le ultime insidie! 

Anche se gli ambienti non eccellono per la loro qualità, bisogna ammettere che i personaggi, soprattutto i protagonisti, sono stati realizzati con cura e animati al meglio, in modo fluido e naturale. Uno dei momenti più divertenti è vedere l'espressione terrorizzata dei cacciatori mentre se la danno a gambe abbandonando per sempre il loro infame hobby. Anche il sonoro non delude, almeno per quanto riguarda la colonna sonora che risulta essere fedele a quella cinematografica. Un'altra nota positiva riguarda i dialoghi, completamente in italiano anche se comunque non eccellono per la loro qualità dato che, a volte durante il gioco, si notano degli sbalzi di volume davvero fastidiosi.

 

In cerca di amici.

Nella modalità avventura è anche possibile dedicarsi alla raccolta dei Distintivi Ranger sparsi per la foresta che attraverso il Diario di Beth ci faranno imparare qualcosa di nuovo sulla natura. Tale raccolta è semplificata dalla possibilità di poter rigiocare i capitoli già portati a termine. Ben più divertenti a nostro parere sono però i minigiochi presenti nella modalità multigiocatore, in cui sino a quattro persone possono sfidarsi in giochi d'azione come “Sui Tronchi” in cui il nostro obbiettivo è quello di far cadere i nostri avversari che come noi possono spostarsi di tronco in tronco; oppure di memoria come “Coro Di Anatre” in cui dobbiamo ripetere la sequenza di “quaqua” alla Simon; di intuito come “Fiori Per La Mia Lei” in cui, combinando fiori di un determinato colore, dobbiamo formare un mazzo di un altro colore.

 

Si torna a casa!

Abbiamo valutato il gioco tenendo ben in mente la fascia di pubblico a cui è indirizzato; se i giocatori più smaliziati possono benissimo passare oltre e cercare giochi più impegnativi ed adatti alla loro esperienza e ai loro gusti più raffinati, tutti i genitori che vogliono rendere felice il proprio figlio che si è divertito da matti al cinema, possono tranquillamente acquistare il titolo Ubisoft che grazie anche alla collaborazione diretta con Sony Pictures Animation propone un gioco fedele alla trama del film. I più piccoli sicuramente si divertiranno nel rivivere le situazioni e le scene della pellicola nei panni dei loro pulciosi eroi, in un gioco che a nostro parere proprio per tal motivo non è mai troppo complicato o intricato. La stessa realizzazione tecnica è priva di virtuosismi e di particolari dettagli ma si limita a ricreare nel limite del possibile un ambiente simile a quello apprezzato su pellicola.

Autore: Guido Tangorra

Torna al Magazine - Torna alla Home

footer