Home Magazine Speciali Archivio' Redazione'
topcontenuti

2008, l'anno della verità

Che il Wii sia un progetto che funziona lo hanno dimostrato i quasi tredici mesi appena trascorsi fatti solo di incredibili successi lungo tutti i continenti. In Giappone domina alla grande e mentre Super Mario Galaxy gode di una seconda giovinezza nelle prime cinque posizioni della top ten, titoli che da noi nessuno più ricorda come Wii Play e Wii Sports continuano a vendere più di centomila copie al mese. Negli USA, poi, non si vede più un Wii nei negozi da mesi. I pochi iperstore che riescono ad accaparrarsi qualche pezzo non riescono neppure a posizionarlo sugli scaffali perché tutti gli arrivi sono già prenotati da tempo. Nintendo ha persino raddoppiato i turni alle catene di montaggio, preso delle squadre speciali di rinforzo, saltato qualche giorno festivo e diversi weekend, dirottato nuove macchine dai mercati europei, ma la fame statunitense di Wiimote sembra inesauribile ed infatti almeno il 65% degli acquirenti ha passato il Natale gironzolando da un centro commerciale ad un negozio specializzato nel vano tentativo di rivenire ancora una scatola rimasta per caso invenduta. Non parliamo poi di Super Mario Galaxy, che è diventato un vero e proprio fenomeno, tanto che giornali, TG e talk show continuano a menzionarlo come "gioco del secolo", ed il bello è che il secolo è appena iniziato!

Ma la cosa che più di ogni altro ci ha stupito, consiste nel fatto che in molti hanno acquistato l'ultima avventura di Mario pur senza avere ancora trovato un Wii! Già, per la sola paura 

 

di non riuscire poi più a trovare il gioco quando finalmente sarà disponibile la console.

Anche in Europa la febbre da Wii si è fatta sentire, specie con l'arrivo delle festività natalizie. In Francia, Germania e Inghilterra la bianca ammiraglia di Nintendo colleziona risultati incredibili e ha ormai staccato di varie decine di migliaia X-Box 360 e PlayStation 3. In Italia non esistono dati ufficiali, ma ci è bastato fare qualche giro nei centri commerciali e nei supermercati più noti per constatare che, mentre non mancano le voluminose scatole etichettate Microsoft e Sony, scarseggiano abbondantemente gli imballaggi targati Nintendo. In molti negozi hanno venduto persino le console utilizzate nelle vetrinette come dimostrazione!

Inoltre si registra una forte penuria di diversi giochi quali: Resident Evil The Umbrella Chronicles, Link's Crossbow Training e Metroid Prime 3 Corruption. Mentre in molte zone dello Stivale sono ormai introvabili i Wii Points, stando almeno a quanto affermano diversi nostri lettori davvero preoccupati.

Ma questo excursus non ci è servito per celebrare Nintendo.

Tutt'altro. Abbiamo infatti voluto fare il piano della situazione per tentare di capire come potrà essere il 2008 per il Wii.

Sarà infatti con il nuovo anno che, a detta degli analisti, si deciderà il vincitore di questa tornata di console.

Sony e Microsoft, dal canto loro, si sono già armate, e nei prossimi mesi spareranno le cartucce migliori.

La PlayStation 3, dopo un Natale davvero deludente, promette forse i titoli più interessati, tant'è che secondo

 

alcuni esperti di mercato potrebbe persino superare Microsoft e la sua 360. Ma la macchinona di zio Bill solleticherà i palati dei giocatori con un'ennesima versione che a detta dei rumors potrebbe persino contenere un lettore HD-DVD.

Il 2008 di Nintendo, invece, si aprirà all'insegna della tradizione. Molti, infatti, sono i sequel in arrivo: da Battalion Wars II a Mario Kart Wii passando per l'atteso Super Smash Bros. Brawl. Almeno per qualche mese, insomma, metteremo da parte il Wiimote e ci ritufferemo nei titoli tanto amati dagli hardcore gamers. Per il resto la nebbia avvolge tutto ciò che verrà dopo i primi tre mesi dell'anno. I titoli annunciati, infatti, sono davvero pochi, ma di sicuro quest'anno l'E3 fungerà soprattutto da grande vetrina Nintendo, non solo in quanto la Casa di Kyoto dovrebbe finalmente mostrare quei nuovi brands tanto attesi (più Zelda per Wii), ma anche perché seconde e terze  parti ormai hanno dichiarato da tempo di voler sempre più concentrare i loro sforzi verso il Wii.

L'anno che verrà, insomma, si preannuncia davvero interessante.

Forse non tanto dal punto di vista videoludico, visto che i titoli in arrivo sono ancora pochi, quanto sotto il profilo della console war, che mai come ora potrebbe risultare foriera di importanti novità. Noi, dal canto nostro, non mancheremo di documentare la situazione minuto per minuto, con la puntualità e la serietà che ci hanno sempre contraddistinto.

Buon anno a tutti.

 

 

 

 

Carlo Terzano.

Torna al Magazine - Torna alla Home


ifooter