Home Magazine Speciali Archivio' Redazione'
topcontenuti

RECENSIONE DI: PICROSS DS

Sistema: DS
Target: 3+
Genere: Rompicapo
Giocatori: 1/5

Wireless Single Card:

Wi-Fi:
Produttore: Nintendo
Sviluppatore: Jupiter
Distributore: Nintendo
Versione: PAL
Requisiti: /
Uscita: Disponibile

Testo a schermo in italiano


Seguendo questo tutotial dovreste aver chiare le regole di gioco.


Nonostante la grafica piatta, non mancano le colorazioni a tema con il puzzle.


Per riuscire a disegnare questo polpo abbiamo sudato sette camice. Ma che soddisfazione!

TRAMA: /

+ /

- /

GRAFICA: 7,0

+ Colorata e funzionale.

- Niente di che.

SONORO: 7,0

+ Musiche rilassanti...

- ...Alla lunga noiose.

GIOCABILITà: 8,5

+ Si punzecchia il touch screen con fare sospetto.

- Può non piacere.

LONGEVITà: 8,5

+ Intratterrà a lungo...

- ...Ma, appunto, può anche non piacere!

GLOBALE: 7,7

In conclusione, Picross DS è quel gioco che arriva all'improvviso e ti colpisce al primo sguardo. Semplice ed intrigante, è il nuovo gioco dell'estate 2007!

Ne salto uno, poi ne metto due...o forse no ?

 

Qualche tempo fa l’occidente è stato invaso da quel gioco da Settimana Enigmistica chiamato Sudoku, che grazie alla sua semplicità e allo spessore delle meccaniche di gioco si è diffuso rapidamente tra le riviste di casa nostra.

Ora è arrivato il Picross, altro puzzle di origine orientale, nel quale, a differenza del precedente, i quadratini devono essere anneriti e i numeri si trovano all’esterno dell’area di gioco.

Le regole di base sono molto semplici: basta scurire il numero di caselle indicato dai numeri posti sopra e a sinistra della tavola.

 

"Come sarebbe fare le parole crociate disegnando? Picross DS vi offre la sua personalissima risposta!"

 

Quelli superiori si riferiscono alle rispettive colonne, mentre quelli a sinistra alle righe.

Quindi vorrà dire che se troveremo scritto 2 3 2, dovremmo selezionare prima due caselle, poi lasciarne libera almeno una, oscurarne tre, lasciarne libera di nuovo una e di successivamente coprirne due.

Sfruttando contemporaneamente le indicazioni delle righe e delle colonne potremo comporre il disegno e man mano che verrà completata ogni linea i rispettivi numeri diventeranno grigi, informandoci così che la selezione è giusta.

 

"All'inizio di ogni puzzle, specie quelli più difficili, ci si ritrova spaesati e spauriti. Tutte quelle caselle da riempire in così poco tempo e con così poche indicazioni... In realtà basta analizzare la situazione con un po' di sangue freddo per iniziare a giocare e... non riuscire più a smettere!"

 

Oltre alla “penna virtuale” abbiamo a disposizione, fra i nostri strumenti, quello per segnare le caselle sicuramente vuote, quello per lo zoom, utile nelle fasi avanzate e quello per spostarci sull’area di gioco, essenziale per le tavole da 15x15.

Nelle prime due modalità (Facile e Normale), inoltre, ogni volta che sbaglieremo ci sarà data una penalità, che consiste in un aumento delle tempo segnato dal cronometro, il quale, arrivato a 60 minuti ci darà partita persa.

 

UNA SETTIMANA ENIGMISTICA VIRTUALE!

Nelle fasi iniziali ci sarà chiesto, ad ogni inizio di partita, se volgiamo un aiuto che consiste nel completamento automatico da parte del gioco di una colonna e di una riga, scelte casualmente.

Nella terza (chiamata Libera), invece, non ci sarà data nessuna assistenza e dovremo ricorrere solamente alla nostra abilità e affidarci alla logica.

 

"La modalità multiplayer ci permette di sfidare i giocatori di tutto il mondo, in una gara di velocità, nella quale il vincitore sarà colui che completerà lo stesso puzzle nel minor tempo.

Stessa dinamica per le sfide in locale, effettuabili anche con una sola cartuccia e fino a cinque sfidanti."

 

Per questo motivo, Picross, non è da considerare come un rompicapo rapido e frenetico come lo storico Tetris, o i più recenti Meteos e Pokemon Link, bensì un puzzle calmo e riflessivo.

Una volta completato il disegno esso verrà visualizzato nelle schermo superiore, accompagnato da una simpatica animazione a colori.

 

"La grafica, per quanto piatta e poco colorata, non manca di offrire simpatiche combinazioni di toni sempre in tema con il disegno celato sotto quelle malefiche caselline..."

 

Oltre a queste modalità di “esercitazione” ce n’è anche una chiamata Ogni Giorno Picross, nella quale verremo messi alla prova e la nostra abilità verrà misurata e segnata giorno per giorno, in modo da vedere i miglioramenti, un po’ come succede in Brain Training.

L’immensa modalità principale, costituita da circa 300 puzzle totali è accompagnata dal multiplayer, sia in locale che tramite Wi-Fi, e da un editor dei livelli che potranno essere condivisi con i proprio amici.

 

La connessione che fa la differenza.

Come già detto, oltre che a completare le tavole ne potremo creare di nuove e in seguito mandarle ai nostri amici oppure scaricarle da loro o da Nintendo stessa tramite WiFi.

La modalità multiplayer ci permette di sfidare i giocatori di tutto il mondo, in una gara di velocità, nella quale il vincitore sarà colui che completerà lo stesso puzzle nel minor tempo.

 

"DOPO IL SUDOKU, PICROSS, UN ALTRO ROMPICAPO DI ORIGINE ORIENTALE CHE PROMETTE DI RENDERE INTRICATA LA NOSTRA ESTATE.

PICROSS DS: IL GIOCO IDEALE DA UTILIZZARE SOTTO L'OMBRELLONE TRA UN TUFFO E L'ALTRO!"

 

Stessa dinamica per le sfide in locale, effettuabili anche con una sola cartuccia e fino a cinque sfidanti.

Per quanto riguarda il reparto tecnico, anche Picross è caratterizzato dallo stile tipico di quei giochi che fanno della giocabilità la loro essenza.

 

TESSERE COLORATE.

La grafica è semplice, chiara ed efficace, quanto basta per non stancare l’occhio del giocatore e allo stesso svolgere egregiamente il proprio ruolo.

Inoltre si potranno scegliere anche altri temi, in modo da accontentare anche i giocatori più smaliziati e raffinati.

Unica pecca quella dell’audio, con musiche ripetitive ed anonime ed effetti ridotti all’osso.

i Final Fantasy IV in lavorazione vogliamo che il piccolo DS venga sfruttato meglio!

 

Autore: Luigigiuseppe Prosperi

Torna al Magazine - Torna alla Home

footer