Home Magazine Speciali Archivio' Redazione'
topcontenuti

 

ANTEPRIMA DI: WARIO LAND SHAKE IT!

 

Sistema: Nintendo Wii
Target: 3+
Genere: Piattaforma
Giocatori: 1
Produttore: Nintendo
Sviluppatore: GoodFeel
Distributore: Nintendo
Versione: Demo
Requisiti: /

Uscita:
EU: 26 Settembre
JAP: Disponibile
USA: Estate

 

 


A sorpresa, Wario Land Shake It si presenta su Wii con un piattaforma vecchio stile, interamente bidimensionale (ad eccezione dei modelli poligonali dei personaggi).

 

 


Per lanciare un oggetto occorre mimare il medesimo movimento Telecomando Wii alla mano.

 


Invece, per scuotere i sacchi ricolmi d'oro, occorrerà sciabolare nell'aria il povero pad!

 


Tutti gli attacchi del rude Wario andranno effettuati agendo a più non posso sui sensori del Telecomando Wii.

ASPETTATIVA

3 STELLE SU 5!

 

Wario Land Shake It! è davvero un gioco straniante: annunciato solo poco prima del suo lancio, interamente bidimensionale, dal titolo importante, dato che si ricollega alla grande saga platform per Game Boy.

Insomma, i colpi ad effetto non sono mancati. Anzi, forse sono stati persino troppi, tant'è che siamo ancora così frastornati da non esser riusciti a capire se questo sia un gioco su cui valga la pena puntare il tutto per tutto o se sia meglio far finta di nulla e passare oltre...

IL BUZZURRO Più AMATO DI TUTTI I TEMPI STA PER TORNARE IN AZIONE.

IL TITOLO è UNA PROMESSA MOLTO CHIARA: WARIO SCONQUASSERà IL WII!

 

I più giovani e coloro che si sono avvicinati solo negli ultimi anni alle console Nintendo, conosceranno Wario soprattutto per i suoi party game demenziali prodotti dalla industria Wario Ware Inc. o per le sue numerose incursioni nei vari titoli sportivi di Mario e compagnia bella.

In realtà, però, Wario è un personaggio ben più profondo ed interessante, che in passato ha saputo persino monopolizzare il genere, assai inflazionato, dei platform su Game Boy.

Di acqua ne è passata parecchio, da quando debuttò, nelle vesti di boss finale, in Mario Land 2 Six Golden Coins (che speriamo possa essere presto emulato su Virtual Console!). Da allora il tarpano giallo-viola ha accresciuto via via la sua personalità con i vari capitoli della saga Wario Land. Ogni episodio ha aggiunto un particolare in più sul suo carattere e sul suo stile di vita.

Wario si è evoluto ed è andato ad occupare il posto del personaggio più distante da Mario, ma anche quello meno nintendoso e, per usare un termine che va tanto di moda oggi, davvero poco “politicamente corretto”.

E’ rude, sgarbato, invidioso, maligno, maleducato e dai gusti tremendamente pacchiani. Ama il denaro e le sue avventure, tranne in rari casi (rappresentati dalle incursioni della sua nemica di sempre, l’unica in grado di adombrare l’odio per Mario, la capitana Syrup), vertono sempre sulla ricerca di chissà quale bottino.

Nel discreto Wario World s’è poi anche scoperto che adora l’aglio, mentre nel dimenticabile Wario Master of Disguise s’è persino cimentato nell’attività di ladro, tentando di competere nei furti con un emulo di Arsenio Lupin.

Tuttavia, se si escludono le sue fugaci apparizioni sui green del golf, sui campi da tennis, in quelli da calcio o nelle griglie del gioco dell’oca dei vari Mario Party, il “buon” Wario non mette a segno più un colpo degno del suo famigerato nome dai tempi, lontanissimi, del Game Boy Color.

Le avventure tridimensionali sono infatti naufragate su GameCube, mentre il DS non è ancora riuscito a partorire quell’erede della saga che attendiamo da ormai troppi anni.

 

DA PORTATILE AL SALOTTO

Sarà allora il Wii a continuare la progenie, mettendo in cantiere un gioco che, già dal titolo, fa ben evincere i propri intenti.

Wario Land The Shake Dimension o, come sarà poi chiamato in Europa e USA, Wario Land Shake It! non è certo un nome scelto a caso.

Anzitutto c’è quel Wario Land a rappresentare un’importantissima spia: la volontà, da parte di Nintendo, di voler proseguire una saga di successo che si è interrotta col passaggio di testimone dal Game Boy al DS.

Poi “Shake Dimension” o “Shake It!” espongono invece con chiarezza il fatto che, questa volta, il furfante dal naso violaceo non si muoverà su console portatile, ma nientemeno che su Wii e intende infatti sfruttare al massimo i sensori di movimento del Telecomando.

Un Wario da salotto, però, potrebbe far storcere il naso ai più: del resto la delusione rappresentata da Wario World per GameCube è ancora piuttosto presente nei ricordi dell’utenza Nintendo. Forse è anche per questo, quindi, che Wario Land Shake It! mette da parte i solidi poligoni della terza dimensione per tuffarsi in quadri acquerellati tipici del piccolo GBA. Una scelta azzardata, anticonformista e sicuramente inattesa. Una scelta folle, eccentrica e coraggiosa. Insomma, una scelta che rispecchia la personalità di Wario!

 

LA FEDINA PENALE DI UN FURFANTE…

Ma anche la trama, e dunque non solo la grafica, è legata a doppio filo agli eventi narrati su Game Boy. Perlomeno a quelli dei primi Wario Land, dal momento che ritorna un personaggio assente dal palcoscenico ormai da troppo tempo: Captain Syrup, o meglio, Capitan Sciroppo, dal momento che la nuova localizzazione italiana di certo travolgerà anche questo nome.

Sarà proprio Capitan Syrup a coinvolgere Wario nella sua ultima avventura.

 

“Shake Dimension” o “Shake It!” espongono con chiarezza il fatto che, questa volta, il furfante dal naso violaceo non si muoverà su console portatile, ma nientemeno che su Wii e intende infatti sfruttare al massimo i sensori di movimento del Telecomando.”

 

La capo pirata, infatti, ha rubato una sfera di cristallo. Solo successivamente scopre il suo scarso valore, quindi decide di spedirla proprio a Wario (che quel maschiaccio abbia iniziato a nutrire qualche sentimento nei confronti del suo acerrimo rivale?) che, ignaro di tutto, si gode un tranquillo pisolino spaparanzato davanti alla televisione.

Ma quel manufatto, in realtà, contiene al suo interno un intero mondo, il Regno di Euretopia, un tempo florido e stracolmo di ricchezze, oggi in preda a numerose guerre intestine.

Shei, capo di una banda di briganti, approfitta del caos, rapisce la regina Mareful e si autoproclama re per mettere le mani su di un altro globo, questa volta ben più importante, che permette di ottenere denaro a volontà tutte le volte che lo si scuote.

Nel frattempo il globo di cristallo viene recapitato a casa di Wario che inizia a sbatterlo di qua e di là nel tentativo di capire cosa sia e come funzioni. E’ così che si apre un vortice magico che fa apparire il gran ciambellano che supplica il nerboruto in giallo affinché si precipiti a soccorrere Mareful. In cambio, potrà tenersi il globo magico portatore di ricchezza.

La promessa è alquanto allettante e Wario mette da parte il suo egoismo per partire alla volta del microscopico regno di Euretopia…

L’intera trama sarà raccontata tramite un vero e proprio cartone animato elaborato dal famoso studio d’animazione Production IG, responsabile di molti anime davvero apprezzati in quel del Giappone.

 

TI SCONQUASSO!

Come dicevamo qualche paragrafo fa, le specifiche del Wii, sopite per quanto concerne il comparto tecnico, tornano prepotentemente alla carica sul versante dei controlli.

Wario Land Shake It! richiede un approccio molto simile a quello già sfruttato in Super Paper Mario: ovvero si utilizza il solo Telecomando Wii tenuto in orizzontale, salvo puntarlo verso lo schermo televisivo per compiere le varie mosse speciali che Wario imparerà lungo l’avventura.

La croce viene dunque utilizzata per muoversi mentre i tasti 1 e 2, rispettivamente, per attaccare e saltare.

 

“se si escludono le sue fugaci apparizioni sui green del golf, sui campi da tennis, in quelli da calcio o nelle griglie del gioco dell’oca dei vari Mario Party, il “buon” Wario non mette a segno più un colpo degno del suo famigerato nome dai tempi, lontanissimi, del Game Boy Color.

Le avventure tridimensionali sono infatti naufragate su GameCube, mentre il DS non è ancora riuscito a partorire quell’erede della saga che attendiamo da ormai troppi anni.”

 

I sensori di movimento verranno impiegati per tutte le numerose azioni che fanno da ampio corollario ai movimenti principali: per lanciare un oggetto, ad esempio, occorrerà portare il pad dietro le proprie spalle, quindi effettuare un brusco movimento verso il televisore. Per mettere in atto una caduta a masso (la classica “federata”!), invece, il Telecomando andrà scosso violentemente dall’alto verso il basso, mentre dovrà essere sciabolato a destra e a manca per effettuare calci, pugni e spallate ben più potenti dell’attacco classico del tasto 1.

Inoltre, nelle sezioni che ci sono state mostrate, abbiamo potuto vedere che i sensori di movimento andranno sollecitati soprattutto quando Wario si metterà alla guida di strambi veicoli, quali: jeep, trampoli, sottomarini e buffi elicotteri. Non solo, in alcune sezioni occorrerà mantenere in equilibrio il grasso protagonista mentre corre sui tronchi o… su enormi palle di neve! Come? Mantenendo in perfetto equilibrio il Telecomando, posto in posizione verticale.

 

LE STRANEZZE DI WARIO

Insomma, questo Wario Land Shake It sembra davvero interessante. Anche se la paura di trovarsi di fronte ad un ennesimo Wario World o Wario Master of Disguise è ancora tanta.

Specie se si considera che il progetto non è stato affidato allo storico Production Studio 1, responsabile dell’intera saga di Wario Land, ma al neonato Good-Feel, fondato da un ex dirigente Konami.

 

“Wario Land Shake It! mette da parte i solidi poligoni della terza dimensione per tuffarsi in quadri acquerellati tipici del piccolo GBA. Una scelta azzardata, anticonformista e sicuramente inattesa. Una scelta folle, eccentrica e coraggiosa. Insomma, una scelta che rispecchia la personalità di Wario!”

 

Se a questo aggiungiamo il fatto che i grandi nomi Nintendo, una volta dati in gestione a terzi, non hanno quasi mai ottenuto il successo sperato in termini di qualità (si pensi a Star Fox Assault, Yoshi’s Island DS e gli stessi Wario World e Wario Master of Disguise), Wario Land Shake It non nasce certo sotto una buona stella.

Comunque sia, è ancora presto per trarre le prime conclusioni. Speriamo di poterne sapere di più al prossimo E3. Continuate a seguirci!

Autore: Carlo Terzano

Fai shopping con il Mario & Yoshi's friends -MAGAZINE-

Vuoi utilizzare questo spazio pubblicitario?

Scrivi una mail a carloscafe@libero.it con oggetto: banner pubblicità!

Torna al Magazine  - Torna alla Home

footer