Home Magazine Speciali Archivio' Redazione'
topcontenuti

RECENSIONE DI: SPIDER-MAN 3

Sistema: Wii
Target: 12+
Genere: Piattaforma
Giocatori: 1

Wireless Single Card: /

Wi-Fi: No
Produttore: Activision
Sviluppatore: Treyarch
Distributore: Activision
Versione: PAL
Requisiti: Nunchuck
Uscita: Disponibile

Testi a schermo e doppiaggio in buon italiano


New York by night ha sempre il suo fascino.

 


Molto spesso, per andare avanti con la trama dovrete recavi alla sede del giornale in cui lavora Peter.

 


Per afferrare con la ragnatela un nemico e farlo volteggiare sopra le vostre teste dovrete usare il Telecomando Wii a mo' di lazzo!

 


La trasformazione in Spider-Man oscuro avviene in modo molto più spettacolare -e aderente al fumetto- di quanto non si veda nella pellicola...

 


Ecco due versioni a confronto: sopra il gioco per X-Box 360, sotto quello per Wii. Se le due si assomigliano fino a quando si vola a bassa quota, basta arrampicarsi su di un palazzo molto alto per veder comparire le brutali differenze!

TRAMA: 7,5

+ La stessa del film più due nuovi personaggi!

- Poteva essere raccontata meglio.

GRAFICA: 6,7

+ Buoni gli effetti speciali e i modelli poligonali dei protagonisti.

- E' solo la versione alta definizione del GC.

SONORO: 7,7

+ Simpatico l'uso del microfono del Telecomando!

- Doppiaggio non sempre all'altezza.

GIOCABILITà: 8,2

+ Sistema di controllo davvero simpatico.

- Nei comandi si poteva fare qualcosa in più.

LONGEVITà: 7,6

+ Ci sono due trame in più.

- ...Ma anche le solite cose sparse per NY...

GLOBALE: 7,5

In conclusione, Spider-Man 3 è un'avventura valida e godibile, che consigliamo sia agli amanti del film e del comic, sia a coloro che sono alla ricerca di un buon platform 3D. Come molte produzioni attuali, purtroppo, cade proprio sulla grafica che, ancora una volta, non presenta quelle sostanziali -e attese!- differenze rispetto ai titoli della vecchia generazione di console. Tuttavia, il gioco Activision si rialza valorosamente grazie ad un buon comparto sonoro e, soprattutto, per merito del simpatico ed innovativo sistema di controllo studiato per muovere Spider-Man mentre salta di grattacielo in grattacielo.

DA QUANDO SPIDEY HA DEBELLATO LA MINACCIA DEL DOTTOR OCTOPUS SEMBRAVA CHE LE NOSTRE CONSOLE FOSSERO TORNATE TRANQUILLE…

 

E invece il pericolo è sempre dietro l’angolo, specie nel mondo dei fumetti! Il nuovo Spider-Man torna infatti alla ribalta al cinema e su tutte le console con un episodio davvero pregno di contenuti. Una MJ da riconquistare, ben tre nemici da fermare (Green Goblin Jr., Venom e Sand-Man) ed una nuova minaccia pronta ad oscurare il cuore puro di Peter Parker…

 

UN GIOCO ROSSO, BLU E NERO!

La novità più eclatante della pellicola e, conseguentemente, delle trasposizioni videoludiche curate dall’inossidabile accoppiata Activision – Treyarch, consiste nella comparsa sulla terra di un simbiote alieno che tenterà di prendere possesso del corpo di Spider-Man. Il ragno di New York si trasformerà così in una vera e propria macchina da guerra piena di odio e pronta a dispensare morte e distruzione. Scordatevi dunque il Peter Parker timido, caritatevole e sempre pronto a darvi una mano, perché la sua variante oscura è seriamente intenzionata a non prendere ordini da nessuno.

Ovviamente, a tratti, il buon cuore dell’eroe riemergerà dall’oscurità per far rinsavire il giovane Peter, ma questa è un’altra storia, perché su console, la situazione, si evolverà in modo differente!

 

RIECCOCI A NEW YORK!

Anche questo Spider-Man 3 ripercorre i binari tracciati da Treyarch con Spider-Man 2 e Ultimate Spider-Man (entrambi apparsi su GameCube e lodati dalla nostra redazione). Anziché dividere il gioco in missioni che ricalcassero il dipanarsi della trama del film, gli sviluppatori hanno infatti deciso di permettere al giocatore di girare liberamente per la gigantesca New York. La struttura di base, insomma, è quella di un comune GTA: solo che qua, anziché andare in giro in auto, potrete sfruttare gli inebrianti poteri dell’Uomo Ragno. Non c’è nulla che il nostro amico non possa fare: basta infatti premere un tasto ed inclinare lo stick perché inizi a volteggiare di grattacielo in grattacielo, in una specie di danza ipnotizzante. Potrete saltare da cornicione a cornicione, lasciarvi cadere a corpo morto dall’Empire State Building o saltare di ragnatela in ragnatela, divertendovi nel mettere a segno le stesse acrobazie viste al cinema!

In basso a destra una mappa ci avvertirà dei punti sensibili utili per entrare nelle missioni della storia o nelle più disparate side-quest. La radio della polizia, invece, ci avvertirà di tutti i crimini commessi in zona. La nuova New York presenta infatti cinque grandi bande di malviventi perennemente in lotta tra loro. A tempo perso potrete decidere di pattugliare la zona e mettere qualche brutto muso dietro alle sbarre, in modo da restituire ai quartieri della Grande Mela la dovuta serenità. Come in True Crime (guarda caso sempre di Activision), più il crimine stringerà nella sua morsa la città, più i quartieri appariranno sporchi e degradati. Viceversa, se inizierete ad acciuffare i borseggiatori e a fermare i ladri d’appartamento vedrete rinascere le aree verdi e sentirete i passanti gridare il vostro nome mentre volteggiate sulle loro teste. Rispetto a Spider-Man 2 e Ultimate Spider-Man si possono poi notare gli sforzi degli sviluppatori atti a differenziare i piccoli crimini da combattere.

 

“Non c’è nulla che il nostro amico non possa fare: basta infatti premere un tasto ed inclinare lo stick perché inizi a volteggiare di grattacielo in grattacielo, in una specie di danza ipnotizzante.”

 

Se nei prequel, infatti, si notava una certa ripetitività nelle azioni da sventare, qui la rosa di situazioni è decisamente più ampia.

Per quanto riguarda invece le missioni ufficiali, sono ben cinque le storie che potrete scegliere di seguire. Naturalmente una non elimina l’altra, anzi, gli eventi scorreranno paralleli, salvo intersecarsi sparute volte giusto il tempo per mostrare la cura dei dettagli nella narrazione della trama. Oltre alla storia principale, infatti, che vi vedrà scontrarvi con Green Goblin Jr., Sandman e Venom, la versione Wii contiene, in esclusiva, due personaggi: Lizardman e Morbius il vampiro, entrambi già scritturati per il film di Spider-Man 4.

 

UN WII MORSO DAL RAGNO!

Ma la vera novità della versione Wii consiste, come è ovvio, nel sistema di controllo. Pilotare Spider-Man, difatti, non è mai stato tanto divertente! Per dondolare da un palazzo all’altro dovrete, pensate un po’, imitare le sue caratteristiche mosse, allungando prima un braccio, poi l’altro. Per sparare la ragnatela dal braccio sinistro dovrete prima muovere il Nunchuck, quindi premere Z, per sparare la ragnatela dal destro, invece, prima andrà mosso in avanti il Telecomando, quindi sarà la volta del tasto B. Il tutto si traduce in una divertente ed innovativa sequenza d’azioni che potrà risultare straniante nelle prime partite, per diventare poi affidabile e di sicuro effetto non appena inizierete a carburare il meccanismo!

 

“Pilotare Spider-Man non è mai stato tanto divertente! Per dondolare da un palazzo all’altro dovrete, pensate un po’, imitare le sue caratteristiche mosse, allungando prima un braccio, poi l’altro.”

 

I combattimenti, invece, sfrutteranno un sistema più anonimo, ma comunque divertente: per prendere a pugni e calci i nemici dovrete agitare il Telecomando come facevate in Zelda Twilight Princess. Per mettere a segno combo devastanti (acquistabili nella schermata delle opzioni, dopo aver guadagnato punti esperienza negli scontri), però, dovrete seguire movimenti ben precisi, magari non sempre facili da porre in essere.

 

LA VEDOVA NERA!

Ma a stare sotto i riflettori sarà soprattutto l’essere alieno che si impadronirà del corpo e della mente del giovane Peter Parker. Basterà difatti premere destra o sinistra sulla croce direzionale per trasformare l’Uomo Ragno nella sua variante oscura. Dark Spidey sarà più lento nei movimenti, ma presenta una forza ed una resistenza agli attacchi irraggiungibili per l’eroe nella sua condizione normale. Ricorrere ai poteri della tuta nera sarà insomma una scelta dovuta ogniqualvolta bisognerà confrontarsi con nemici particolarmente ostici. Occorrerà però stare attenti perché, dopo un certo periodo di tempo, il simbiote alieno tenterà di prendere il sopravvento. Lo schermo si oscurerà ai bordi e al giocatore non resterà che tentare di togliersi di dosso l’ingombrante e viscido essere. Rimuovere la tuta, però, è decisamente più difficile che indossarla visto che bisognerà eseguire determinate sequenze di movimenti per annullare la minaccia. Pena, naturalmente, il game over.

Le cut scene interattive, però, non finiscono qua: sono diverse le occasioni (specie in concomitanza con i boss), in cui vi sarà richiesto di seguire sequenze di mosse e tasti per veder andare a buon fine le spettacolari mosse viste nei filmati. L’idea non sarà innovativa ma spezza quanto basta la normale routine del gioco.

 

DISPONIBILE IN TECHNICOLOR!

Venendo infine al comparto tecnico, Spider-Man 3 presenta diverse sfaccettature. Dal punto di vista grafico, infatti, la versione Wii non è all’altezza di quelle per PS3 e X-Box 360. Appare tuttavia come un Spider-Man 2 per GameCube in alta risoluzione, con scalettature ridotte al minimo e diversi effetti comunque di rilievo, come le ombre che seguono fedelmente i grattacieli a seconda dell’ora del giorno o le ottime esplosioni che si susseguiranno nelle lotte con i nemici più cattivi. Un plauso va inoltre fatto per il design dei modelli poligonali dei protagonisti: Spider-Man, Venom e Green Goblin sono fatti e animati in maniera credibile. Sand-Man, purtroppo, risulta meno spettacolare che al cinema, specie nella sua incarnazione finale, tuttavia sarebbe inutile essere troppo pignoli. Non convincono, invece, i troppi cloni sparsi per New York: i modelli poligonali dei cittadini, infatti, si ripetono eccessivamente, così come non convince il fatto che basti andare sull’Empire State Building per vedere la città svuotarsi delle sue texture. Un vero peccato.

Molto buono, invece, il sonoro che presenta campionamenti musicali epici ufficiali e non, ottimi effetti FX ed include tra i doppiatori italiani gli stessi che nel film hanno dato le voci hai protagonisti, anche se non sempre l’effetto è quello. Inoltre, chicca non da poco, Spider-Man 3 sfrutta anche il microfono del Telecomando Wii, che elargirà degli onomatopeici “swiiiish” e “swooooosh” (tanto per essere fedeli al fumetto) mentre vi dondolerete di ragnatela in ragnatela.

Simpatico anche il sistema di controllo, forte dell’ottima trovata messa a punto per farvi sparare le ragnatele di grattacielo in grattacielo e con un sistema di combattimento meno originale ma che riesce comunque a sfruttare le peculiarità del Wii.

“Insomma, Spider-Man 3 riesce ad essere all’altezza della pellicola, superandola in qualità anche diverse volte!”

 

La longevità, infine, si assesta su livelli medio alti: oltre alle 5 trame ci sono le solite corse da completare ed i vari oggetti da recuperare negli angoli più reconditi della Grande Mela.

 

SEI NELLA MIA TELA!

Insomma, non ci si può lamentare di questo Spider-Man 3. Le uniche eccezioni che potremmo muovere riguardano la grafica, inferiore (anche se di poco, visto che neppure quelle sfruttano al massimo l’hardware su cui girano) rispetto alle versioni Playstation 3 e X-Box 360 ma comunque in sintonia con le attuali produzioni per Wii. Si tratta, insomma, di una versione Game Cube in alta risoluzione, con diversi tocchi di gran classe (il modello poligonale di Spider-Man e le sua animazioni in primis, le ombre, gli effetti luce e le esplosioni subito dietro) e alcuni difetti che invece speravamo proprio di non dover più vedere (palazzi afflitti da pop-up, texture che spariscono, troppi cloni tra la popolazione…). Nel globale, però, il lavoro svolto è più che gradevole, grazie soprattutto ad un comparto sonoro meritevole (ottimo il doppiaggio in italiano, simpatica la trovata di sfruttare il microfono del Telecomando) e ad una giocabilità che su Wii dà il massimo, specie se si pensa che il titolo è multipiattaforma e non è stato pensato appositamente per la console Nintendo. Insomma, Spider-Man 3 riesce ad essere all’altezza della pellicola, superandola in qualità anche diverse volte visto che presenta meno tempi morti!

 

Autore: Carlo Terzano

Torna al Magazine - Torna alla Home

footer