Home Magazine Speciali Archivio' Redazione'
topcontenuti

 

ANTEPRIMA DI: SUPER PAPER MARIO

 

Sistema: Nintendo Wii
Target: 3+
Genere: Piattaforma
Giocatori: 1
Produttore: Nintendo.
Sviluppatore: Intellig. S.
Distributore: Nintendo
Versione: USA
Requisiti: /

Uscita:
EU: Autunno 2007
JAP: Disponibile
USA: Disponibile


Anche i livelli più lineari ed apparentemente semplici possono...

 


...Cambiare totalmente d'aspetto se visti con un'altra prospettiva!

Purtroppo le scalettature rovinano gran parte degli scenari

 


Non sembra esserci via d'uscita eppure queste zone d'ombra sono sospette...

 


...Abbiamo svelato il mistero! Con un'altra inquadratura è infatti possibile scorgere una scalinata!

 


Super Paper Mario consente, in ogni istante, di cambiare protagonista: cosa ne dite di passare a Bowser!?

 


Questa stellina pixellosa non dona l'invincibilità come negli altri episodi...

 


...Ma ingigantisce a dismisura il proprio eroe: un generoso tributo al Giga-Fungo di New Super Mario Bros.

 


Quest'ambientazione richiama Super Mario Galaxy, resta però da chiedersi cosa ci faccia un bagno nell'universo... Lo saprete solo dopo l'estate!

ASPETTATIVA

4 STELLE SU 5!

 

Dopo aver provato la versione USA abbiamo in parte fugato molti dubbi su questo Super Paper Mario, altri, però, si sono purtroppo trasformati in conferme che non ci hanno dunque permesso di apprezzare pienamente il titolo. Si tratta di un episodio un po' diverso, che non riuscirà a piacere a tutti i fan della saga. Di più, ora, non possiamo proprio dirvi...

SUPER PAPER MARIO è SBARCATO IN AMERICA: NOI ABBIAMO Già SPOLPATO LA VERSIONE A STELLE E STRISCE, ECCOVI UN DETTAGLIATO RESOCONTO…

 

Prima che i più siano già scappati, voglio tranquillizzare tutti: questo articolo NON contiene spoiler, NON vi rovinerà, insomma, la trama e le esilaranti situazioni di Super Paper Mario. Ora, però, iniziamo sul serio…

 

LEGGERE ATTENTAMENTE, PREGO.

Ormai dovreste saperlo, del resto le anteprime con oggetto questo gioco si sono ripetute innumerevoli volte sulle nostre pagine, eppure urge iniziare dando spazio ad un’altra precisazione: Super Paper Mario è uno spin-off. Non fa, insomma, ufficialmente parte della saga errepiggistica di Paper Mario, ma è comunque collegato a doppio filo con quella per via di particolari caratteristiche che a breve descriveremo.

 

WII, QUADERNONE COLORATO!

Si spengono le luci, il silenzio piomba nella sala, si alza finalmente il sipario, il pubblico applaude: l’ennesima rappresentazione teatrale di Mario e Co. ha finalmente inizio! Chi ha seguito con amore questa saga saprà, infatti,  che è proprio il teatro, con le sue scenografie in cartapesta, le sue luci, i suoi spalti, a fare la parte del padrone nell’ennesima rivisitazione del Regno dei Funghi e anche questa volta non poteva che essere così.

 

"Potremmo già giudicare adesso il prodotto nelle nostre mani, ma preferiamo comunque aspettare l’uscita della versione PAL e lasciarvi ancora per qualche tempo sulla graticola."

 

Super Paper Mario gioca infatti con lo scenario, con gli sfondi, con la prospettiva, in un tourbillon di situazioni demenziali e altamente paradossali. Tutto sembra essere ritornato ai tempi di Super Mario Bros., con i tubi verdi che spuntano dal terreno e le dolci colline in lontananza che fanno scenografia, tutto sembra esser stato nuovamente “ridotto” al misero 2D che oramai non interessa (quasi)più nessuno. E invece non è affatto così: bastano infatti dieci minuti di gioco per capire che questo nuovo capitolo della saga Mariesca ha una marcia in più. Premendo il tasto A del Telecomando Wii è infatti possibile, una volta tanto, ruotare la visuale e scoprire un nuovo mondo!

 

DIETROLOGIA, PORTAMI VIA!

Chi non ha mai sognato, durante le allegre e avventurose scorribande per le terre di Super Mario Bros. 3 o Super Mario World, di dare una sbirciatina al lato della televisione, tanto per vedere cosa si nasconde dietro alle scenografie del gioco? Abbiamo sempre visto un Mario che zampetta da sinistra a destra, lungo una linea sottile come uno spago, eppure lui, l'allegro idraulico baffuto, le sue avventure, le ha sempre “viste” in un’altra maniera. Basterebbe spostare la camera alle sue spalle, infatti, per scoprire che quella linea nera che fa da pavimento non è poi così sottile, che dietro ad un ammasso di blocchetti marroni spesso si può nascondere un tubo verde foriero di bonus, che una collina sullo sfondo può in realtà trasformarsi in un solido ponte… Insomma, basta spostarsi un po’ più in là per scoprire un punto di vista totalmente nuovo; basta spostarsi un po’ più un là per capire che il 2D non è poi così piatto come lo pensavamo…

L'intuizione che fa da base al concept originale di questo spin off era già rintracciabile in Super Mario Bros. 3, ai tempi lontani del NES. Vi ricordate, infatti, quel mitico livello del primo mondo in cui bastava rimanere chinati sull'unico blocco bianco per veder Mario sparire dietro alla scenografia? Ecco, in Super Paper Mario questa situazione è stata "esasperata" (nel senso più positivo e lato del termine) per creare una piccola rivoluzione all'interno dei piatti livelli 2D.

 

"non mancano le battutine spiritose e le trovate demenziali che metteranno in risalto l’inutilità del fratello in verde del nostro eroe!"

 

Questa, e solo questa, è l’essenza di Super Paper Mario: mettere i giocatori alla prova con il più classico dei Mario bidimensionali e poi dar loro l’opportunità di trasformare a piacimento la visuale di gioco, andando a sbirciare quello che le scenografie dovrebbero nascondere agli occhi curiosi del pubblico. Con questo sistema, anche il più lineare dei livelli si trasforma invece in un dedalo di segreti e stradine secondarie: un cespuglio apparentemente innocuo può nascondere un blocco “?” zeppo di monetine, un normale burrone posato ad arte potrebbe essere molto più grande di quello che lo scrolling orizzontale ci fa percepire, una roccia dalle fattezze bizzarre potrebbe rivelarsi, osservata dalla giusta prospettiva, un’indicazione preziosa…

 

"Super Paper Mario è un originale quanto riuscito esperimento di fusione tra il genere platform e quello degli RPG!"

 

L’intero gioco, insomma, verte su queste ingannevoli –per i nostri occhi- situazioni in cui prospettiva e aspetto scenico si intrecciano in un fiorire di trovate assurde ed inaspettate. Tutto, ma proprio tutto, è stato apparecchiato con cura dai programmatori, che sembrano essersi divertiti un mondo nello sperimentare livelli in cui mettere alla prova il nostro occhio clinico. Basta infatti un’ombra sospetta, un’increspatura dello sfondo, un cespuglio solitario, per scoprire gli innumerevoli segreti celati da un sapiente uso della prospettiva.

 

ENTRINO IN SCENA I COMPRIMARI!

La seconda, grande, novità, riguarda la possibilità di cambiare, in ogni istante, il proprio personaggio, scegliendo tra Mario, la principessa Peach e Bowser. Ognuno, com’è ovvio, disporrà di poteri speciali che lo renderanno particolarmente adatto ad attraversare determinate situazioni. Tralasciando Mario ed i suoi poteri “prospettici”, sono Bowser e la principessina del Mushroom Kingdom a riservare le maggiori sorprese. Il primo eliminerà i suoi nemici facendo leva sul suo alito infuocato, la seconda, invece, sfrutterà il suo parasole proprio comegià face  ai tempi di Super Princess Peach, ovvero per planare e proteggersi dagli attacchi degli avversari. A dar man forte al gruppo ci penseranno poi i “Pixis”, piccoli e strambi esseri che conferiranno di volta in volta nuovi poteri. Solo alcuni sono però indispensabili per completare il gioco, tutti gli altri serviranno invece a mettere le mani su nuove zone bonus, offrendo così un piacevole pretesto per riprendere in mano la storia anche una volta che avrete già visto scorrere i titoli di coda. Completare la collezione dei Pixis, comunque, non sarà affatto semplice…

 

ASPETTANDO LA RECENSIONE…

Potremmo già giudicare or-ora il prodotto nelle nostre mani, ma preferiamo comunque aspettare l’uscita della versione PAL e lasciarvi ancora per qualche tempo sulla graticola. Al momento ci limiteremo a dire che Super Paper Mario è un originale quanto riuscito esperimento di fusione tra il genere platform e quello degli RPG, che pone però l’accento sui salti e sui blocchetti caratteristici della mascotte Nintendo. Come nei prequel l’energia si misura in cuoricini, diversamente dal prequel, però, la componente errepiggistica compare -troppo-spesso solo in secondo piano. Come nei prequel (specie in quelli apparsi su GBA e DS: Mario & Luigi SuperStar Saga e Mario & Luigi Fratelli nel Tempo), non mancano le battutine spiritose e le trovate demenziali che metteranno in risalto l’inutilità del fratello in verde del nostro eroe, diversamente dal prequel, però, gli scontri e le fasi d’esplorazioni si svolgeranno in tutt’altro modo.

 

"L'intuizione che fa da base al concept originale di questo spin off era già rintracciabile in Super Mario Bros. 3, ai tempi lontani del NES. Vi ricordate, infatti, quel mitico livello del primo mondo in cui bastava rimanere chinati sull'unico blocco bianco per veder Mario sparire dietro alla scenografia? Ecco, in Super Paper Mario questa situazione è stata "esasperata" (nel senso più positivo e lato del termine) per creare una piccola rivoluzione all'interno dei piatti livelli 2D."

 

Insomma, non vogliamo rovinarvi ancora la sorpresa, sappiate solo che Super Paper Mario è un divertente mix di generi, mix magari non sempre riuscito, visto che le fasi gdr soccombono sotto l’imponenza di quelle platform, ma comunque divertente e simpatico. Non mancano i difetti, in primis l’eccessiva facilità con la quale si può arrivare alla fine del gioco, ma se poi si considera che trovare tutti i Pixis non è un’impresa da poche ore, allora anche in questo caso è inutile far troppo i pignoli… Non sarà perfetto, ma Super Paper Mario è comunque uno spin-off davvero gustoso: ora, però, vogliamo un vero Paper Mario 3…

Autore: Carlo Terzano

Torna al Magazine - Torna alla Home

footer