Home Magazine Speciali Archivio' Redazione'
topcontenuti

 

ANTEPRIMA DI: TIME HOLLOW

 

Sistema: Nintendo DS
Target: N.A.
Genere: Avventura
Giocatori: 1
Produttore: Konami
Sviluppatore: Konami
Distributore: N.A.
Versione: /
Requisiti: /

Uscita:
EU: N.A.
JAP: Disponibile
USA: N.A.

 

 


Horo, il giovane protagonista, si improvvisa detective quando scopre che, grazie alla sua penna in grado di aprire brecce temporali, potrà risolvere casi davvero complessi.

 

 


Basta tracciare con la Hollow Pen, alias la stylus del DS, un cerchio sullo schermo et voilà! Il varco è stato aperto.

 


L'inceneritore è il luogo ideale dove far sparire oggetti scomodi... forse tornando indietro nel tempo scopriremo qualcosa ormai andato perduto!

ASPETTATIVA

5 STELLE SU 5!

 

Chi, in quelle nottate in cui si fatica a prendere sonno, non si è mai messo a fantasticare sulla possibilità di fare incredibili viaggi temporali?

Time Hollow soddisfa uno dei temi più inflazionati della letteratura fantascientifica, aggiungendoci quel pennino da DS che tanto ci ha reso caro questo progetto...

Paradossi temporali, buchi spaziali, penne magiche ed un’avventura che sembra imparentata con Hotel Dusk e Another Code…

 

Il genere delle avventure testuali sembrava destinato a morire prima dell’arrivo del Nintendo DS: grazie al doppio schermo e soprattutto al touch screen il gameplay ha invece goduto di un ringiovanimento non indifferente.

Il successo riscontrato da una categoria che affonda le sue radici nella notte dei tempi è stato ottimo, grazie soprattutto alla presenza di diversi prodotti d’alta qualità come Phoenix Wright e Hotel Dusk che hanno soddisfatto anche i palati più fini.

Konami, adocchiando un mercato in costante crescita, si è quindi messa subito al lavoro e “Time Hollow” ne è il risultato.

Il concept del gioco si basa sui viaggi temporali. Certamente non una novità nel campo dell’intrattenimento, ma le dinamiche di Time Hollow promettono molto bene.

Il gioco, come potete notare dalle immagini qui accanto, ha una forte connotazione orientale, soprattutto nel character design: questa orientazione ha messo in dubbio l’uscita del titolo anche in occidente ma al momento, per quanto non esistano date ufficiali, le possibilità che il venga convertito sono alte, anche se è chiaro che dovremo comunque armarci di buona pazienza, e non avere troppa fretta nell’aspettarlo sugli scaffali del nostro negoziante di fiducia.

Ma basta cianciare: che i viaggi temporali abbiano inizio! Armiamoci quindi della nostra macchina del tempo… una comune penna!?

 

Più di una semplice penna!

La protagonista indiscussa del gioco è certamente la penna di Horo Tokio, questo il nome del nostro alter ego digitale, proprietario di una penna dalle fattezze apparentemente normali e di colorazione verde che, per quanto poi magari sia scomodo scriverci, permette di viaggiare indietro nel tempo per modificare a piacimento il susseguirsi degli eventi..

La Hollow pen permette al simpatico protagonista di creare dei buchi spazio-temporali, dei veri e propri portali, che lo catapulteranno puntualmente nel passato.

Della serie: vi è andata male la verifica? Tornate indietro e correggete le risposte.

Fortunatamente Horo è un giovincello di sani principi e si dedicherà a più nobili missioni: riportiamo quella presentata nella demo fornita da Konami, che dovrebbe essere tra le prime sbloccabili.

Passeggiando per il corridoio di scuola, Horo incontra due sue amiche che il giorno precedente aveva visto parlottare: interloquendo scopre che una di esse è caduta dalla bicicletta, facendosi del male.

Il protagonista non ci pensa due volte e torna indietro nel tempo per salvare l’amica dalla dolorosa caduta: modificato il passato, egli però scopre che gli eventi futuri hanno portato ad un altro doloroso epilogo nel quale la ragazza è arrivata puntuale all’incontro col destino: un’auto pirata che l’ha investita uccidendola sul colpo! Quando si dice che non tutti i mali vengono per nuocere…

Questo vi permette immediatamente di capire come giocare con il continuum spazio-tempo sia fortemente sconsigliato e siamo certi che lo sceneggiatore Takehiko Haka, famoso in madrepatria per aver dato via ad una lunga serie di manga di successo, riuscirà a comporre un’opera di tutti rispetto, incastonata con ottimi dialoghi.

 

“La Hollow pen permette al simpatico protagonista di creare dei buchi spazio-temporali, dei veri e propri portali, che lo catapulteranno puntualmente nel passato.

Della serie: vi è andata male la verifica? Tornate indietro e correggete le risposte.”

 

Il gameplay si basa su due operazioni: innanzitutto c’è una prima fase di esplorazione, gestita tramite pennino sullo schermo inferiore, che permetterà di raccogliere gli indizi.

Come Hotel Dusk ci ha insegnato, interagire con gli altri personaggi è importante, e Konami ha fatto sua questa dinamica, impiantando molti dialoghi a scelta multipla, mentre sullo schermo superiore sono raffigurati i visi degli interlocutori che cambiano a seconda della situazione.

Le quest sono affidate dai vari personaggi presenti nel gioco che, iniziando a raccontare la loro storia, faranno partire un flashback che ruoterà attorno ad un oggetto chiave mostrato sullo schermo superiore.

Sul touch screen comparirà lo stesso oggetto nel presente e attraverso il nostro pennino potremo aprire un varco, una finestra che si affaccia sul passato, così da poter esplorare meglio il racconto che ci è stato fatto, magari incompleto per malizia.

Come tutte le penne però, anche la Time hollow non ha una carica infinita: essa infatti ha la tendenza di scaricarsi sempre troppo presto, premiando il giocatore che ha intuito subito quale avvenimento modificare nel passato.

 

MANGA VIDEOLUDICI

Junko Kawano, game designer che ha partecipato a progetti importanti come Suikoden e Shadow of Memories, promette che lo stile grafico minimalista sarà comunque una gioia per gli occhi.

Dalle immagini distribuite, possiamo capire che la grafica segue la linea “manga”, con una paletta di colori viva e colorata che impreziosisce lo schermo di molti dettagli, mentre la storia verrà narrata con cut-scene in stile anime, e a questo proposito non ci resta che augurarci che i vari dialoghi siano doppiati e non semplicemente sottotitolati.

Quello che più preoccupa al momento è la data d’uscita: seppur, come già detto, le possibilità di vederlo in occidente siano buone, la mole di testo da tradurre è certamente impegnativa e temiamo che eventuali publisher lassisti ci costringano ad accontentarci dei sottotitoli in inglese, minando così la comprensione della trama a molti.

Perplessità a parte, Time Hollow sembra davvero un titolo da aspettare a braccia aperte, sia per il gameplay, sia per il comparto tecnico.

Autore: Niccolò Ballerio

Fai shopping con il Mario & Yoshi's friends -MAGAZINE-

Vuoi utilizzare questo spazio pubblicitario?

Scrivi una mail a carloscafe@libero.it con oggetto: banner pubblicità!

Torna al Magazine - Torna alla Home

footer