Home Magazine Speciali Archivio' Redazione'
topcontenuti

TIRANDO LE... PALLINE DI NATALE!

La rivista Gamestore Magazine, nel suo numero di Febbraio, ha sondato un po' il terreno delle vendite natalizie intervistando i titolari di noti negozi (non grandi compagnie) di videogiochi di tutta Italia. La fotografia scattata è stata pressoché unanime: benissimo il DS Lite, forte di una line up in grado di attirare dai piccoli ai grandi, bene la PS2 e male, spesso persino malissimo, l'X-Box 360, che sembra proprio interessare poco ai giocatori italiani.

E' col Wii che la situazione si fa altalenante: molti esercenti dichiarano infatti di aver venduto tutte le copie in poche ore nonostante proprio non ci sperassero, altri ne hanno ordinato in scarsa quantità per lo stesso motivo, altri ancora, più attenti ai

movimenti del mercato, hanno dichiarato di averne ordinato un sacco che invece non sono mai arrivati. Sta di fatto che i pochi Wii arrivati sono pressoché spariti in un attimo, ma come dicono i commercianti, non si possono certo tirare le somme se come base si utilizza un numero di piattaforme davvero tanto esiguo. Per farvi capire, una cosa è mettere a disposizione dell'utenza 70.000 console e farle fuori tutte entro due settimane, un'altra è vantarsi di averne venduto 7.000 su 7.000 distribuite ai negozi. I numeri, insomma, sarebbero quindi a svantaggio di Nintendo Italia e non a favore, anche perché sembra che tra i Paesi europei il nostro sia stato quello meno fornito di Wii. Non c'è da stupirsi: in Italia ha dominato fino ad

oggi una Playstationcrazia che non ha riscontri in nessun'altra parte del mondo. O meglio, le macchine di Sony hanno sempre furoreggiato ovunque, ma nel Bel Paese schiacciano in maniera impressionante la concorrenza, con una tiepida opposizione di Microsoft ed una totale assenza di Nintendo, almeno nel campo delle console da salotto. Tornando ai nostri commercianti, sono infine tutti concordi nell'affermare che aver lasciato a bocca asciutta così tanti videogiocatori proprio sotto Natale sia stata una mossa davvero autolesionista anche perché, aggiungiamo noi, possibili interessati al Wii potrebbero ora rivolgersi alla PS3, ormai in dirittura d'arrivo...

 

Carlo.

Torna al Magazine - Torna alla Home


ifooter