Home Magazine Speciali Archivio' Redazione'
topcontenuti

 

ANTEPRIMA DI: THE HOUSE OF THE DEAD 2 & 3

 

Sistema: Nintendo Wii
Target: 18+
Genere: Sparattutto
Giocatori: 1/4
Produttore: Sega
Sviluppatore: Sega
Distributore: Halifax
Versione: Demo
Requisiti: /

Uscita:
EU: 28 Marzo
JAP: Imminente
USA: Marzo

 

 


The House of The Dead è un grande classico degli anni '90. Chi avrebbe mai pensato di rivederlo oggi?

 

 


I mostri Sega fanno molta più paura degli zombie di Resident Evil...

 


Sparando modificherete in tempo reale l'aspetto degli avversari, maciullando le carni, facendo saltare loro gli arti...

 


Questi tizi mascherati dai lunghi artigli metallici sono incredibilmente agili. Non fateli avvicinare!

ASPETTATIVA

3 STELLE SU 5!

 

The House of The Dead 2 & 3 è di certo un interessante esperimento, anche perché Link's Crossbow Training prima e Resident Evil The Umbrella Chronicles poi, hanno dimostrato che il Telecomando Wii può sostituire egregiamente qualsiasi light-gun. Rimaniamo però delusi dalla totale assenza di un qualsiasi maquillage grafico. Qualche piccolo sforzo in più, infatti, non avrebbe guastato...

La Casa della Morte NON è POI COSì ACCOGLIENTE COME CE LA RICORDAVAMO...

 

Con l’arrivo del Wii e del suo peculiare sistema di controllo, gli sviluppatori hanno cercato di creare nuovi generi videoludici adatti più o meno a tutti, volti proprio a sfruttare le meraviglie tecnologiche di Nunchuk e Wiimote. In realtà, alcuni progetti fin’ora apparsi su Wii non sono altro che generi magari defunti già da qualche anno ma che, grazie proprio alla rivoluzionaria console della grande N, stanno tornando fortunatamente in auge. Il primo è quello dei Punta & Clicca che, seppur in maniera un po’ astrusa, è riaffiorato nell’ottimo Zack & Wiki: Il tesoro del Pirata Barbaros, progetto avviato da Capcom e che il mese ha provato spazio nel nostro Webzine, prendendosi anche un più che meritato 8,3. Il secondo genere di cui si parlava qualche riga fa è quello relativo degli shooter su binari, un genere particolarmente in voga nelle sale giochi, soprattutto fino a qualche anno. Certamente questo è uno dei generi videoludici maggiormente dedicato ai gamers nostalgici, dal momento che fu un vero e proprio cavallo di battaglia, appunto, nelle sale giochi, specie nel corso degli anni ’90. Questa supposizione è anche ulteriormente arricchita dal fatto che, forse per sua natura tecnica, non ha mai particolarmente attecchito nelle console casalinghe. Ma, come si diceva prima, è proprio grazie al Wii che il genere dello shooter on rail sta risorgendo alla grande.

 

IL WII E IL SUO ARSENALE

Fino ad’ora, sono stati ben tre i progetti di questo genere apparsi su Wii: il primo in ordine cronologico è stato Resident Evil: The Umbrella Chronicles, una rivisitazione (di successo, possiamo dire) di questa storica saga, trasformata da Capcom in un ottimo sparatutto su binari (qualità certificata anche dal nostra 7,9 affibbiatogli nel numero di Dicembre del nostro Webzine). Il secondo invece, un po’ meno di successo, è Link’s Crossbow Trainer, anch’esso uno sparatutto on rail targato Nintendo e con il mitico Link come protagonista ed infine Ghost Squad, un discreto titolo sviluppato da SEGA e arrivato, un po’ in sordina, il mese scorso.

Fra poco, esattamente il giorno 28 di questo mese, farà il suo debutto su Wii la storica saga di SEGA The House of the Dead, che ha fatto la gioia di tutti i giocatori che amavano trastullarsi nelle sale giochi, con quei mitici controller a forma di pistola o fucile a pompa del terzo capitolo. SEGA nella fattispecie ha capito che, grazie allo Zapper, questa serie potesse trovare nuova linfa, senza dover così inserire una moneta ad ogni Game Over… Ecco che, grazie a questa idea, arrivano i capitoli 2 e 3 in un solo disco e, probabilmente, ad un prezzo budget. Scopriamo insieme, grazie a questa anteprima in attesa della recensione che troverete il mese prossimo, cosa offre questa allettante offerta.

 

BRIVIDI D’AUTORE

Per chi eventualmente non dovesse conoscere The House of the Dead, spieghiamo molto brevemente di cosa si tratta. In questo titolo, il giocatore dovrà affrontare schifezze di vario tipo, cercando di abbatterle e salvando i villaggi circostanti. E’ un titolo nel quale sono richiesti sangue freddo e, ovviamente, tanti riflessi. Come detto in apertura, un titolo da queste caratteristiche sembra sposarsi alla perfezione con le caratteristiche del Wiimote, specialmente se inserito nello Zapper. E’ proprio da qui che The House of the Dead riparte, convertendo gli ultimi due episodi su Wii e in un’unica confezione.

In effetti di conversione si tratta, perché sebbene il sistema di controllo sia stato, ovviamente, adattato al sensore di movimento del telecomando Wii, l’aspetto tecnico non si è modificato di una virgola rispetto alle rispettive originali versioni, risultando perciò inadeguato all’hardware del Wii. Però questo ci può stare, dato che questa è una di quelle collection “nude e crude”, naturalmente adatte a quei giocatori particolarmente nostalgici, come nel caso di The House of the Dead Return.

Per quanto riguarda il gameplay, gli sviluppatori hanno mantenuto tutto quanto di buono era stato mostrato nelle versioni originali, essendo una conversione a tutto tondo. Naturalmente, il sistema di controllo si avvallerà del Wiimote il quale, incastonato nello Zapper, darà una sensazione di “esserci” ulteriormente accentuata rispetto alle originali versioni dei due giochi. Tra l’altro, la vibrazione e il rinculo varierà dall’arma che utilizziamo: impatto minore se spareremo con una pistole o, al contrario, maggiore qualora utilizzassimo il fucile a pompa.

Un’altra novità interessante è che, proprio come in RE: The Umbrella Chronicles, le avventure di entrambi i capitoli si potranno affrontare in compagnia di un amico, giusto per non sentirsi soli e spiazzati nei momenti più difficili… in questi casi due Zapper sono meglio di una!

 

MODI DI UCCIDERE

Oltre ovviamente alla campagna principale, SEGA ha implementato in questa collection altre modalità da gioco per giustificare l’acquisto: abbiamo appena citato il multiplayer cooperativo, al quale si affiancherà una modalità Time Attack e la possibilità di riaffrontare i Boss che, man mano, abbatteremo. Niente di realmente nuovo insomma, anche se la grande S ha trapelato che verrà inserita un’altra modalità, totalmente inedita, anche se per il momento non si sappiamo ancora di cosa si tratta, a meno che non metteremo mani sul gioco quanto prima.

Fondamentalmente è tutto quello che sappiamo su questo atteso debutto di The House of the Dead su Wii che, ricordo ancora una volta, avverrà il 28 Marzo, perlomeno per ciò che concerne il Belpaese. Fino a quella data, sarà difficile capire se il progetto funzionerà a dovere, ma se siete nostalgici fan della saga o, semplicemente, amanti di quei bei shooter di una volta, potreste anche cominciare a mettere da parte i soldi, sperando che The House of the Dead 2 & 3 venga immesso sul mercato ad un prezzo ragionevole. Spendere 60 euro per due giochi “vecchi”, in tutti i sensi, non farebbe piacere proprio a nessuno… Appuntamento dunque col prossimo numero del nostro Webzine per la recensione!

Autore: Alessio Dossena

Torna al Magazine - Torna alla Home

footer