border_tl
blocchi_social Facebook Twitter RSS
center_top
 

Scribblenauts Unlimited



Scribblenauts Unlimited
scribblenauts-unlimited-3ds-recensione-meyf-cover-eur_1387447552066312200
Sistema
Nintendo 3DS
Genere
Rompicapo
Giocatori
1
Produttore
Warner Bros. I.
Sviluppatore
5Th Cell
Distributore
Nintendo Italia
Versione
Eur
Requisiti
Saper scrivere
Uscite    
N.D.
N.D.
6 Dicembre 2013
scheda_networkon scheda_pegi12
   
 
scheda_bottom

scribblenauts-unlimited-3ds-recensione-meyf-logo_1387447214088781000

WORLD POWER!


Quando Scribblenauts uscì sul vecchio Nintendo DS, nell'ormai lontano Ottobre 2009, sembrava di essere di fronte ad un piccolo prodigio. Pareva che quel titolo fosse destinato a rivoluzionare per sempre il mondo dei videogiochi.

Abituati, com'eravamo, a risolvere enigmi e rompicapi usufruendo unicamente delle chiavi predisposte e preconfezionate degli sviluppatori, non credevamo ai nostri occhi davanti all'incredibile opportunità offerta dai ragazzi di 5Th Cell: inventare noi stessi il modo di uscire vittoriosi dall'inghippo, facendo materializzare nelle mani del nostro alter-ego l'oggetto più adatto che ci fosse passato per l'anticamera del cervello. Un autopompa? Perché no! Un trapano? Proviamo! Una foca? Vediamo che succede! Ed il bello era che non c'era una soluzione giusta, perché tanto un elefante, quanto un estintore o un jet potevano, all'occorrenza, essere utilizzati per salvare la situazione.



UN UNIVERSO IN ESPANSIONE

In realtà, la serie di 5Th Cell non ha avuto l'influenza sperata nell'universo videoludico. Anzi, salvo le prime, entusiastiche recensioni, è subito caracollata nel dimenticatoio, complice anche un secondo capitolo uscito a stretto giro (Super Scribblenauts, Ottobre 2010) che non aggiungeva nulla di realmente significativo, se non la possibilità di agghindare gli oggetti con aggettivi improbabili. La portata innovativa della saga pareva insomma cedere sotto il peso dell'inflazione creativa di sviluppatori desiderosi di battere il ferro finché fosse stato caldo.

Nemmeno Scribblenauts Unlimited, arrivato nei negozi lo scorso 6 Dicembre dopo un'interminabile sequenza di traversie che ne hanno causato numerosi posticipi, si ripromette di rivoluzionare il concept della saga. Anzi, fin dal titolo (“Unlimited”) preannuncia la propria intenzione di proporre ai giocatori una edizione 2.0, ossia espansa, della formula originale.

Condito addirittura da una trama e da un aspetto se vogliamo “free-roaming”, Scribblenauts Unlimited approda su Nintendo 3DS convinto di poter offrire un'esperienza allargata, che vada ben oltre ai limiti della precedente meccanica suddivisa in livelli e missioni che aveva caratterizzato i vecchi capitoli.

Qui infatti Maxwell non solo ha un passato ben definito ed un proprio carattere, ma ha anche un obiettivo: liberare la propria sorellina Lily da un sortilegio che la sta tramutando in pietra. Maxwell e Lily si erano infatti presi gioco di un vecchio stregone e quest'ultimo li ha puniti senza pensarci su due volte. Al nostro eroe con la cresta di gallo non resta dunque altro da fare che girare il mondo ed utilizzare il proprio taccuino magico per fare del bene, così da raccogliere più Starite possibili e spezzare l'incantesimo!

 

IL LIMITE PIU' GRANDE? LA VOSTRA FANTASIA!

Immaginatevi la scena: dovete aiutare un pinguino ladro a rubare un enorme gioiello sorvegliato, però, da un sistema di sicurezza elettronico e da una guardia armata fino ai denti.

Cosa fate? I più pigri potrebbero limitarsi a dare al vigilante un sonnifero e ad aggiungere l'aggettivo “rotto” alla telecamera di sorveglianza. Tutto molto scontato.

Piuttosto, potreste far intervenire un T-Rex che si pappi il poliziotto e far deflagrare una bomba H che neutralizzi ogni dispositivo elettronico, o, ancora, materializzare un alieno arrabbiato che crei la giusta confusione così da permettervi di agire indisturbati.

Come vi dicevamo prima, non ci sono soluzioni giuste o sbagliate nell'universo di Scribblenauts Unlimited. Sta piuttosto a voi decidere se fermarvi a quella più scontata oppure ardire con follie recondite.

Un gatto intrappolato sull'albero può essere salvato materializzando un pompiere, una scala, o una sega con cui abbattere la pianta. Ma legando una cuccia a dei palloncini in modo che voli, con un bel pesce fresco che ci salta dentro, ed una corda che vi permetta di recuperarla quando il micio sarà saltato nella trappola, dà certamente più soddisfazioni. Vuoi per l'inventiva, vuoi per il piacere di scoprire che tutto è andato esattamente come avevate programmato.

 

PASSAPAROLA!

Purtroppo, nel colorato mondo messo in piedi da 5Th Cell non sempre tutto va sempre liscio come l'olio. Del resto, sarebbe impossibile per il software leggervi dentro. Può insomma capitare che la scimmia catarrina viola che secondo voi avrebbe dovuto risolvere l'enigma resti lì a guardarvi. E' umano e non c'è nulla per cui lamentarsi.

Non ci riferivamo a peccati veniali. A volte, infatti, Scribblenauts Unlimited si lascia andare ad errori davvero macroscopici. E così accade che il ponte che avete appena creato per portare in salvo il cucciolo di orso venga trascinato nel burrone dallo stesso plantigrado, perché gli oggetti che creerete hanno la medesima consistenza del cartone e, se non saranno incastrati a dovere con lo scenario, potrebbero essere spostati a piacimento dai PNG. Oppure, capiterà anche che incollando più oggetti tra loro, questi smettano di seguire le regole della fisica a cui sono stati preposti in origine (chessò, legando un salmone ad una corda agganciata ad un elicottero per farvi seguire dall'orsacchiotto, il velivolo potrebbe inspiegabilmente smettere di volare, perché per il gioco non è l'elicottero a prevalere sul pesce, ma è il salmone a tirare a fondo l'elicottero), evidenziando una certa confusione di base che rischia di essere facilmente alimentata materializzando pochi, semplici, oggetti.

Ma lo scoramento più grande lo si ha quando ci si accorge che il software perde per strada delle parole piuttosto importati. Se si può creare senza problemi uno scovolino o un puntale da sarta, che certamente non vedrete l'ora di utilizzare, ecco che non viene clamorosamente riconosciuta la parola “Caravella”, nonostante vi sia una missione che vi chieda espressamente un mezzo per aiutare Colombo a raggiungere le Americhe!

 

INCOMPRENSIONI E PICCOLI INCIAMPI

Si inizia dunque armati di tante belle speranze e si finisce per smettere di osare, un po' perché è inutile complicarsi ulteriormente la vita con mille oggetti fantasiosi quando basta far apparire quello più logico, un po' perché si teme comunque di finire impigliati negli ingranaggi, spesso farraginosi, del gameplay che fatica in più occasioni a stare dietro alla vostra fantasia.

Avremmo gradito un sistema di valutazione che premiasse i più arditi ed i più folli, invece i frammenti di Starite elargiti sono sempre gli stessi, sia che abbiate scelto la soluzione scontata o quella più illogica.

Come se ciò non bastasse, gli enigmi di Scribblenauts Unlimited sono tutti facilissimi. Quando non riuscirete a risolverne uno sarà più per un difetto di comprensione rispetto a ciò che vi viene chiesto (spesso il gioco è alquanto criptico), che non per una oggettiva difficoltà materiale a compiere l'impresa. Ma, come dicevamo prima, la soddisfazione non è tanto nel risolverli, quanto nel provarci -e riuscirci- con mezzi stravaganti. Esattamente come chi dice che il bello del viaggio non sia la destinazione, ma il viaggio stesso, anche per Scribblenauts Unlimited il divertimento maggiore lo si sperimenta inanellando sostantivi ed aggettivi improbabili. Un T-Rex può creare il panico e mandarvi a monte tutto. Ma se è “mansueto” potrebbe servire ai vostri scopi. Perché preferirlo alla classica “pistola”, alla “chiave” o al canonico “estintore”. Perché non introdurre un maiale robotico volante a pois per vedere che accade e se può esservi utile? Il perché è preso detto: dopo un po', Scribblenauts Unlimited smette di sorprendere, esattamente quando vi renderete conto che più voi inventate, più i suoi limiti vengono a galla. Limiti che, a dire la verità, caratterizzavano già le passate edizioni, ma che speravamo di esserci lasciati alle spalle.

Come ad esempio la serialità delle situazioni proposte: il più delle volte per uscirne basta evocare sempre gli stessi cinque oggetti. Il gioco non vi sprona a dar fondo alla vostra fantasia, ma anzi, in alcuni passaggi vi disincentiva ad osare troppo, invitandovi a preferire sempre e comunque la soluzione più facile. Avete bisogno di volare? Vai di “jetpack” anziché di “ciuco gigante alato viola”. Avete bisogno di fermare dei ladri? Materializzate un “poliziotto” e non un “gorilla mostruoso gigante coraggioso leale”.

In compenso, rispetto al passato, è migliorato il sistema di controllo di Maxwell, ora più agevole che mai, e la versione 3DS ben si adatta ad una struttura sì ramificata ma comunque segmentata, fatta di rapidi enigmi e di rompicapi piuttosto brevi che possono essere provati in bus o mentre si aspetta il proprio turno dal dentista.

Spiace invece constatare l'assenza del 3D stereoscopico: del resto l'intera azione si svolge sul touch screen. Una scelta a dir poco inspiegabile, che costringe il giocatore a sostituirle l'inquadratura di ciò che accade con la tastiera QWERTY ogniqualvolta si usa il taccuino. Resta praticamente inutilizzato, invece, lo schermo superiore, che si limita a riportare la figura di Maxwell e l'obiettivo in corso. Se il touch screen fosse stato destinato al solo taccuino ed il visore superiore ad inquadrare il mondo di gioco, Scribblenauts Unlimited avrebbe potuto beneficiare del 3D stereoscopico, migliorando così un comparto grafico fin troppo affine ai capitoli per Nintendo DS.

 

 

 

  © RIPRODUZIONE RISERVATA


A cura di : Andrea Bruno


pro_contro_piu Scribblenauts in versione espansa
pro_contro_piu Chi non ha giocato ai precedenti resterà sorpreso
pro_contro_piu Vocabolario molto vasto
pro_contro_piu Grafica pulita e gradevole, per quanto essenziale
Enigmi serializzati pro_contro_meno
Non ci sono vere novità rispetto a Super Scribblenauts pro_contro_meno
Qualche scivolone di troppo nel gameplay pro_contro_meno
Parole note assenti dal dizionario pro_contro_meno
Manca il 3D stereoscopico pro_contro_meno
Suddivisione dei due schermi claudicante pro_contro_meno

Valutazione Scribblenauts Unlimited
 
pagella_termometro10
pagella_mario
7.6
pagella_termometro10
pagella_mario
7.7
pagella_termometro10
pagella_mario
8.2
pagella_termometro10
pagella_mario
8.3
pagella_mario2
8.0
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_mezzastellina
In definitiva, Super Scribblenauts si rivela essere una versione espansa della formula originale, senza però mettere in campo quelle migliorie in termini di gameplay che ci saremmo aspettati ora che 5Th Cell ha corretto il tiro e messo a punto la formula finale. Le sbavature dei due episodi per Nintendo DS sono infatti ancora presenti e se passeranno in secondo piano rispetto all'entusiasmo del giocatore neofita, difficilmente saranno tollerate di buon grado da chi invece ha spolpato i due capitoli passati. Al netto di questi rimproveri, comunque, resta un rompicapo longevo, divertente ed unico nel suo genere.
pagella_bottom
Potrebbero interessarti anche:
scribblenauts-unlimited-3ds-meyf-recensione-banner_1387447193079491200
Scribblenauts Unlimited
scribblenauts-unlimited-wii-u-meyf-recensione-banner_1387448165002583300
Scribblenauts Unlimited
scribblenauts-unlimited-wii-u-preview-banner-meyf_1348145132087148000
Scribblenauts Unlimited
scribblenauts-unlimited-wii-u-preview-banner-meyf_1358263830021701400
Scribblenauts Unlimited
logo
Il folle spot di Scribblenauts Unlimited
scribblenauts-unlimited-bowser_1352458435026967700
Scribblenauts Unlimited, Mario e Zelda in video
scribblenauts-unlim_1348648022094934400
I regali di Scribblenauts Unlimited!
treasure
Scribblenauts Unlimited pronto ad uscire?
border_tr