border_tl
blocchi_social Facebook Twitter RSS
center_top
 

Aliens Colonial Marines



Aliens Colonial Marines
aliens-colonial-marines-wii-u-cover-pal-12-feb_1359368632055398700
Sistema
Nintendo Wii U
Genere
Survival horror
Giocatori
1/4
Produttore
Sega
Sviluppatore
Gearbox Soft.
Distributore
Halifax
Versione
Demo
Requisiti
/
Uscite    
Marzo
N.A.
12 Febbraio 2013
scheda_networkon scheda_pegi18
   
 
scheda_bottom

aliens-colonial-marines-wii-u-anteprima-meyf-logo_1359368608029776100

SI TORNA SUL PIANETA LV-426!


Difficile credere che Alien sia una pellicola datata 1979. Difficile perché non ci stancheremmo mai di rivederla e, ogni volta che cediamo alla tentazione, ci sembra un film appena finito di girare.

Invece la punta di diamante delle produzioni di Ridley Scott si invola verso il 34° anno di età e Gearbox e Sega hanno pensato di festeggiare il superamento delle tre decadi come meglio non si poteva: con un videogioco tutto nuovo...




ALIENS: LA CLONAZIONE?

Essendo un film “cult” che ha segnato indelebilmente più generazioni, è normale che le creature nate dall'impareggiabile fantasia dell'italiano Carlo Rambaldi (maestro degli effetti speciali, già “papà” di E.T., scomparso la scorsa estate) siano giunte svariate volte sulle vostre piattaforme videoludiche preferite, lambendo diversi generi.

Negli anni '80, su Atari 2600, abbiamo avuto Xenomorfi pixellosi che si muovevano in labirinti à la Pac-Man, mentre su Commodore 64 l'azione lasciava il posto alla riflessione, e tutto scorreva sui binari dell'avventura testuale. Non fate quelle facce: eravamo all'alba dei videogiochi e sviluppatori e console non erano certo in grado di uscirsene con chissà quale gioco d'azione!

I nintendofili hanno invece dovuto attendere il 1993 per salire a bordo della Nostromo nel tardivo capitolo per NES, Alien 3, riproposto a strettissimo giro anche su SNES dato che la nuova console Nintendo era già nei negozi. Sviluppato da Probe e pubblicato da Acclaim, Alien 3 era un vero e proprio omaggio alla saga di Metroid e godeva di un'atmosfera molto affascinante. Chi lo ha giocato lo ricorderà certamente con piacere!

Dopo quell'episodio le bestie aliene di Ridley Scott abbandonarono i lidi Nintendo per trasferirsi in pianta stabile su PlayStation, ma nel 2001 la defunta Vigil Games (Darksiders II) sviluppò Aliens Thanatos Encourter per GBA, che però non vide mai la luce...

 

VIDEOGAME DA OSCAR?

Insomma, anche la storia videoludica di Aliens è di tutto rispetto e ora, a cimentarsi con gli imprevedibili Xenomorfi, saranno i ragazzi texani di Gearbox Software. Un nome, una garanzia, visto che la software house responsabile del progetto è praticamente “nata” nello spazio (il suo primo gioco è stato l'espansione di Half Life “Opposing Force”) ed i suoi ragazzi sono cresciuti a pane e cotolette aliene!

Non a caso Aliens Colonial Marines appare fin da subito come un titolo ambizioso e promettente.

Sarebbe un errore crederlo un normale FPS, perché l'opera patrocinata da Sega ha ben altre pretese. Ad esempio, strizzare l'occhio al genere dei survival horror.

Sappiamo bene quanto sia difficile creare un gioco che riesca a trasmettere all'utente una buona dose di angoscia e adrenalina, ma Gearbox Software sembra essere riuscita a trasportare su console le atmosfere inquietanti della trilogia cinematografica...

 

ESCONO DALLE FOTTUTE PARETI!”

Una buona dose di immedesimazione è data anzitutto dalla visuale in soggettiva la quale, meglio di ogni altra, riesce a calare il giocatore nei panni dello sventurato avatar tridimensionale che dovrà uscire vivo da un'improbabile missione. Tale visuale si perde quando si impersonano gli Xenomorfi, ma giocando dalla parte del cacciatore e non da quella della preda Aliens Colonial Marines per ovvie ragioni smette di ammiccare all'horror...

Da sola, comunque, la soggettiva può fare ben poco. Ecco dunque che gli sviluppatori hanno pensato di renderla ancora più avvolgente eliminando ogni scritta su schermo... Proprio così: non esiste alcun HUD.

Tutti gli indicatori di cui avete bisogno sono presenti sullo schermino della vostra arma fantascientifica e sull'immancabile radar che vi rivelerà se qualcosa di minaccioso sta per assalirvi...

L'eliminazione di icone in sovraimpressione può sembrare poca cosa, ma rimuovere ogni filtro tra voi ed il videogioco, invece, contribuisce a creare una esperienza quantomai immersiva.

Il radar, poi, sarà la principale causa della vostra tachicardia cronica: come nella pellicola, infatti, inizierà a “bippare” in modo inquietante all'approssimarsi della minaccia, diventando via via sempre più frequente ed angosciante.

Del resto in Aliens Colonial Marines non si spara di continuo. Attenzione: si spara a tutto ciò che si muove, ma non in continuazione. Le sequenze più movimentate vengono alternate a lunghe e spossanti fasi esplorative durante le quali il gioco vi “preparerà mentalmente” al prossimo assalto alieno e voi avrete i nervi a fior di pelle!

Come nel film, le violente battaglie saranno infatti precedute da segni premonitori inconfondibili, disseminati con maestria per rendervi più tesi delle proverbiali corde del violino. Fugaci ombre che si rincorrono per i corridoi, suoni terrificanti che provengono dal sottosuolo, gorgoglii disumani che si fanno sempre più vicini, condutture dell'aria che all'improvviso cadono in terra, resti umani imbozzolati alle pareti, uova terrificanti che iniziano a schiudersi...

Gli Aliens non vi attaccheranno mai a viso aperto, ma proveranno a tendervi continue imboscate, sfruttando a proprio vantaggio la struttura del livello.

Non sappiamo se si tratti di eventi scriptati o di routine registrate nell'IA nemica, ma nella nostra prova abbiamo visto gli Xenomorfi rifugiarsi nei condotti dell'aria condizionata, avanzare silenziosamente aggrappati al soffitto, cercare angoli bui e battere in ritirata se messi alle strette.

Dobbiamo peraltro riconoscere che Gearbox Software ha curato ogni dettaglio, portando sullo schermo del nostro salotto i momenti topici dei film di Ridley Scott.

 

L'UNIONE FA LA FORZA

Se Aliens Colonial Marines promette insomma di sporcarvi le mutande, un sostegno insperato potrebbe arrivarvi dai vostri amici i quali, via Internet, potranno unirsi alle vostre peripezie solitarie ed animare i membri del gruppo altrimenti affidati alla CPU.

Il titolo di Gearbox Software del resto è stato pensato per essere vissuto soprattutto fianco a fianco ad altri giocatori e questo, non temete, non diminuirà certo l'aspetto orrorifico del gioco.

In compagnia di amici si potranno tessere strategie vincenti, impensabili quando si gioca con i “bot”, e questo aspetto renderà l'esperienza ancora più intrigante ed entusiasmante. Anche perché i vari membri del team avranno caratteristiche uniche (c'è quello che sa smanettare con i computer, il medico, il soldato con le armi pesanti, quello che scassina le porte, ecc...) che sono state sfruttate dagli sviluppatori per dar vita a gameplay differenziati. Accadrà spesso, ad esempio, che dovrete proteggere lo scassinatore mentre è intento ad aprire una serratura, o l'esperto di computer mentre finisce di scaricare i dati da qualche terminale. A ciascuno il suo, e la stessa regola varrà anche per gli equipaggiamenti, differenziati a seconda del bisogno.

Fin'ora abbiamo visto pistole, mitragliatori pesanti, lanciarazzi e lanciafiamme e in certi frangenti sarà anche possibile farsi assistere da mitragliette semovibili robotizzate.

Prima di selezionare un personaggio, insomma, badate bene al suo ruolo nella squadra!

In più la nave Sulaco e l'avamposto Hadley's Hope visti nella demo sembrano disegnati appositamente per permettere ad entrambi gli schieramenti di battagliare in modo cruento sfruttando al massimo le caratteristiche delle arene improvvisate.

 

XENOMORFI ALLA RISCOSSA

Peculiarità di Aliens Colonial Marines riguarda poi la possibilità di giocare nei panni di chi si trova “al di là della barricata”. Proprio così: potrete impersonare i temibili alieni rettiloidi dalla testa oblunga!

In questo caso la visuale passerà dalla soggettiva alla terza persona. Si perde forse un po' nell'immedesimazione, ma la nuova posizione della telecamera risulta senz'altro più utile per affrontare al meglio le battute di caccia!

Ciò che stupisce a primo acchito degli Xenomorfi è che sono tutt'altro che invincibili: anzi, possono essere feriti gravemente dalle armi in dotazione delle truppe umane con relativa facilità. Questa debolezza intrinseca degli Aliens non si traduce però matematicamente in una debolezza del gameplay del gioco: così facendo infatti Gearbox Software è anzi riuscita a ricreare un certo equilibrio tra le due fazioni opposte.

Scordatevi insomma le tattiche à la Rambo: impensabili in Aliens Colonial Marines sia che giochiate con gli umani, sia che scegliate i cugini scorbutici di E.T.!

Gli Xenomorfi hanno comunque tutta una serie di armi che li rendono predatori micidiali. Partiamo anzitutto dagli occhi, incredibilmente sviluppati ed in grado di vedere anche nell'oscurità. Cosa dire poi del loro incredibile fiuto, che permette loro persino di scorgere le prede nelle stanze attigue, come se stessero scansionando le pareti con i raggi-X?

E poi abbiamo artigli affilati ed una coda più forte di qualsiasi maglio da guerra che certo non vi faranno rimpiangere l'impossibilità di impugnare delle armi.

Non sappiamo se all'occorrenza gli Aliens potranno anche sfoderare la proverbiale lingua uncinata, o sfruttare il proprio sangue acido per ferire l'avversario quando si è alle strette, ma Gearbox Software promette un buon numero di power up sparsi per ogni ambientazione...

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 


A cura di : Leonardo Gatto


Aspettativa Aliens Colonial Marines

Aliens Colonial Marines sembra proprio il videogioco che gli amanti della pellicola di Ridley Scott stavano attendendo da ben 34 anni! Non confondetelo con un semplice e caotico sparatutto in prima persona: non potreste fargli torto maggiore! Il titolo di Gearbox Software è infatti un ottimo survival horror che trasuda emozioni angoscianti ad ogni pié sospinto! Forte di un level design ricercato e di una realizzazione tecnica notevole, promette di diventare uno dei titoli di punta di questo 2013...

 
Potrebbero interessarti anche:
aliens-colonial-marines-anteprima-wii-u-logo_1359368541038522100
Aliens Colonial Marines
heavy-fire-black-arms-3d-3ds-recensione-meyf-banner_1389567497002874800
Heavy Fire - Black Arms 3D
logo
Aliens Colonial Marines, video
promo
Aliens Colonial Marines, video
23307tensionshot_1280_lrg
Aliens Colonial Marines, trailer italiano!
23307tensionshot_1280_lrg
Aliens Colonial Marines, video multiplayer
border_tr