border_tl
blocchi_social Facebook Twitter RSS
center_top
 

Ninja Gaiden 3 - Razor's Edge



Ninja Gaiden 3 - Razor's Edge
ninja-gaiden-3-razor-s-edge-wii-u-review-meyf-cover-pal_1358773778019122300
Sistema
Nintendo Wii U
Genere
Azione - Picchiaduro
Giocatori
1/8
Produttore
Tecmo-Koei
Sviluppatore
Team Ninja
Distributore
Nintendo Italia
Versione
PAL
Requisiti
/
Uscite    
Disponibile
Disponibile
Disponibile
scheda_networkon scheda_pegi18
   
 
scheda_bottom

ninja-gaiden-3-razor-s-edge-wii-u-review-meyf-logo_1358773695035590000

LA RINASCITA DEL NINJA!


Lo storico e valoroso combattente nipponico Ryu Hayabusa risorge dalle proprie ceneri e lo fa grazie all'opportunità concessagli da Nintendo.

Se solo lo scorso marzo, con la pubblicazione anche in Occidente del disastroso Ninja Gaiden 3, la creatura nata dalla mente geniale di Itagaki sembrava destinata a sparire, divorata viva dal disonore e dalla vergogna, oggi il prode assassino in calzamaglia appare più in forma che mai sui nostri Wii U.

Lecito chiedersi cosa sia successo...



MIRACOLO (POST)NATALIZIO?

Se non è un miracolo poco ci manca, perché Ninja Gaiden 3 - Razor's Edge è quanto di più distante ci possa essere dal titolo originale.

Che Team Ninja e Nintendo potessero fare grandi cose assieme lo sapevamo già dai tempi di Ninja Gaiden Dragon Sword per DS, ma che fossero persino in grado di mettere una pezza a quell'orrido scivolone rappresentato da Ninja Gaiden 3... beh, quello non l'avremmo potuto immaginare nemmeno nella più ottimistica delle previsioni!

Eppure è successo: GamePad Wii U alla mano, Ninja Gaiden 3 - Razor's Edge risulta essere un gioco tutto nuovo.

 

NON CHIAMATELO PORTING!

Proprio così: Ninja Gaiden 3 – Razor's Edge non è un semplice porting, ma un gioco a sé stante. Se volete una sorta di mega-patch attraverso la quale gli sviluppatori hanno demolito il gameplay originale, sterilizzato le fondamenta, cosparso sale sulle macerie e costruito il nuovo gioco qualche metro più in là.

Le somiglianze (evitiamo volutamente il termine “identità”) con il titolo originale, permangono, ma si tratta comunque di aspetti marginali, incapaci di incidere seriamente sulla valutazione complessiva dell'opera.

Ad iniziare dalla trama, che è e rimane quella di Ninja Gaiden 3, ovvero la più assurda della saga. E dire che gli ultimi capitoli, con i lupi mannari a Venezia, ci avevano già stupito abbastanza...

Nella migliore tradizione del trash nipponico, gli sceneggiatori hanno buttato nel calderone un po' di tutto: una multinazionale senza scrupoli, killer sopra le righe, geni del male poco credibili, un fatiscente piano per riportare in vita di dinosauri, la resurrezione di demoni nipponici, ed una maledizione che divora lentamente da dentro il nostro Ryu e che non smetterà un attimo di fargli provare gli stessi lancinanti dolori che provano le sue vittime. E in un gioco in cui si falcidiano vite umane a pron sbattuto potete ben immaginare come stia il protagonista dell'avventura...

La sinossi barcolla e, ciò che è peggio, le lunghe sequenze animate non sono nemmeno realizzate a dovere. Per fortuna, però, possono essere saltate in qualunque momento mentre altre sono state eliminate e rese saggiamente dialoghi “in game”... Imparare dai propri errori è una notevole prova di intelligenza!

 

COM'ERA...

Per chi non avesse avuto modo di provare l'originale su PlayStation 3 o X-Box 360 (non vi siete persi nulla, tranquilli!), ripetiamo qui i principali difetti che affliggevano il titolo.

Anzitutto non era possibile cambiare mai arma: la katana maledetta di Ryu era l'unico strumento dispensatore di morte che si potesse impugnare. Nemmeno gli storici “Ninpo” (ovvero i poteri speciali che Ryu era solito acquisire nel corso di ogni avventura) erano selezionabili e, come se non bastasse, il sistema di combattimento era ridotto al minimo. Con la pressione forsennata di soli due tasti era possibile affettare chiunque si parasse sul nostro cammino, anche perché gli avversari erano soliti offrire la resistenza di meste canne di bambù pronte a piegarsi sotto il soffio del vento.

Solo la ricercata regia degli scontri rendeva il titolo prodotto da Tecmo-Koei piacevole, almeno alla vista: gli sbudellamenti all'arma bianca apparivano infatti oltremodo ricercati e le evoluzioni compiute da Ryu erano ai limiti della fisica. Peccato che la spettacolarizzazione fosse esclusivamente cinematografica: a livello di gameplay si registrava invece un cardiogramma piatto! L'intero gioco si risolveva in un continuo, desolante e ripetitivo sterminio di massa durante il quale il nostro pollicione, da solo, riusciva ad aver la meglio su interi eserciti mediante la pressione, pigra e svogliata, di un unico pulsante...

 

...E COM'E'!

La versione Wii U di Ninja Gaiden 3, definita Razor's Edge, prende quanto appena descritto e lo cestina. Il sistema di combattimento è stato infatti interamente rivisto, ad iniziare dai nemici, che ora vendono più cara la propria pelle e non ci aspettano più a braccia aperte desiderosi di essere sventrati vivi.

I soldati di rango inferiore, per la verità, continuano ad essere forti come pappataci, ma quelli di rango superiore, invece, con le loro parate tempestive e qualche contraccolpo inatteso chiedono di tessere un minimo di strategia.

Strategia che potrà prevedere di strappare all'avversario, con un preciso colpo di katana, un arto o due così da decimarne l'offensività, eseguire attacchi aerei e kombo devastanti o, semplicemente, sfoderare un'arma differente.

Eh si, perché Ryu ora può sfoderare un intero arsenale, ingrandibile con il protrarsi dell'avventura, che vi invoglierà a setacciare per bene ogni scenario! Inoltre i Ninpo possono finalmente essere cambiati a piacimento, pescando tra i vari elementi (acqua, fuoco, vento, ecc...) e ciò consentirà di provare le tante combinazioni fruibili al variare di combo ed armi.

Anche il nostro ninja sanguinario ora “cresce” e guadagna esperienza (cd. Karma) utile a migliorarne le statistiche e le tecniche con i vari scontri.

Come se tutto ciò non bastasse, a lato del prodotto principale si trovano 10 sfide extra opzionali nascoste incredibilmente difficili da portare a termine ed una intera sottomissione con protagonista la candida (ma agguerrita: guai a sottovalutarla!) Ayane.

 

TUTTA LA CATTIVERIA DEL NINJA

Insomma, ciò che in Ninja Gaiden 3 rivestiva la pecca più cocente dell'intero gioco, in Ninja Gaiden 3 – Razor's Edge rappresenta invece la punta di diamante dell'intera produzione!

Mirabile il lavoro svolto dai ragazzi di Team Ninja, che si devono essere impegnati e non poco per rifare da zero un intero sistema di combattimento in nemmeno otto mesi.

Ma ciò che più conta ora è che il gioco sia finalmente tornato brutalmente cattivo, rispolverando un marchio di fabbrica che era sopravvissuto dai capitoli per NES.

La tecnica “furia sanguinaria”, una specie di fatality che va caricata durante il combattimento, è stata notevolmente ridimensionata e, se nella versione originale permetteva di ripulire l'arena di gioco, ora vi regala al più l'uccisione contemporanea di 2-3 nemici!

Ninja Gaiden 3 per PS3 e X-Box 360 era una mammoletta. Ninja Gaiden 3 – Razor's Edge abbandona i canoni dell'action game per ripescare quelli, ben più intriganti, del picchiaduro. Adesso negli scontri occorre prestare attenzione ad ogni mossa dell'avversario, perché una singola ferita accidentale può compromettervi l'intera partita.

Altro che pestare ritmicamente il solito pulsante: dateci dentro con combo, parate ed attacchi aerei o non ne uscirete vivi! Già a livello normale il Game Over non sono così improbabili, mentre il livello di difficoltà successivo è cosa per pochi volenterosi.

Naturalmente un livello di difficoltà tanto elevato, benché apprezzato, non è detto che rappresenti sempre un aspetto positivo e infatti anche in Ninja Gaiden 3 – Razor's Edge ci sono diverse sequenze a dir poco frustranti, capaci di mandarvi al manicomio, nelle quali si muore con una facilità sconcertante. Ripeterle tre o più volte non gioverà certo alla rigiocabilità del titolo.

Di contro gli scontri con i boss, nonostante possano durare anche più di mezz'ora, sono così emozionanti da non risultare mai noiose o esageratamente difficili. Il sistema di combattimento è calibrato in modo che solo chi studia attentamente l'avversario possa arrivare ad averne la meglio. La stessa cosa però potrà essere fatta dall'IA avversaria che, registrando le vostre mosse, non si farà certo cogliere impreparata!

Qui e là si scorge comunque qualche scivolone nel controllo (su tutte, non avere una padronanza completa di movimenti in avanti e delle schivate, che può esporvi al facile attacco dei nemici), ma, considerati i tanti progressi fatti in così poco tempo, non è davvero possibile lamentarsi.

 

LA TECNICA DEL NINJA!

Sul fronte grafico siamo dalle parti del vecchio Ninja Gaiden 3, che certo non compiva miracoli ma si assestava su livelli più che modesti. Ninja Gaiden 3 Razor's Edge ripresenta perciò i medesimi difetti (textures di bassa qualità, qualche rallentamento di troppo) a cui però aggiunge anche un aliasing più marcato (le cd. “scalettature” ambientali) ed una minor attenzione per i dettagli per ciò che concerne tutti i livelli inediti. Dal momento che la versione Wii U è stata sviluppata in circa otto mesi ed ha impegnato i ragazzi di Team Ninja soprattutto sul fronte del gameplay (dove è stato compiuto un autentico miracolo), non possiamo però andare troppo per il sottile.

Rimane molto alto, invece, il livello qualitativo raggiunto dai modelli poligonali dei principali protagonisti / antagonisti, animati oltretutto in modo pregevole.

Di discreta qualità anche il sonoro, che però non presenta doppiaggi in lingua italiana (dovrete accontentarvi dell'inglese).

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 


A cura di : Leonardo Gatto


pro_contro_piu Gameplay rivoltato come un calzino!
pro_contro_piu Combattimenti finalmente strategici!
pro_contro_piu I nemici ora oppongono la giusta resistenza!
pro_contro_piu La katana non sarà l'unica arma del gioco!
pro_contro_piu Il livello di difficoltà è stato settato al massimo!
Qualche incertezza sul sistema di controllo pro_contro_meno
Il GamePad Wii U si limita a presentare pulsanti virtuali pro_contro_meno
Grafica e sonoro non sempre al massimo pro_contro_meno
Qualche sezione troppo frustrante pro_contro_meno

Valutazione Ninja Gaiden 3 - Razor's Edge
 
pagella_termometro10
pagella_mario
7.8
pagella_termometro7_5
pagella_luigi
7.5
pagella_termometro10
pagella_mario
8.6
pagella_termometro10
pagella_mario
8.4
pagella_mario2
8.1
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
In definitiva, Ninja Gaiden 3 - Razor's Edge taglia tutti i legami con il vecchio e mediocre titolo per PS3 e X-Box 360 e compie il miracolo, presentando una giocabilità inattesa ed un sistema di combattimento molto più profondo e divertente! Qua e là rimangono delle incertezze, ma se consideriamo gli incredibili passi avanti fatti con la versione Wii U in soli 8 mesi, non ci si può davvero lamentare!
pagella_bottom
Potrebbero interessarti anche:
ninja-gaiden-3-razor-s-edge-review-meyf-banner_1358773677069953300
Ninja Gaiden 3 - Razor's Edge
teenage-mutant-ninja-turtles-wii-meyf-recensione-banner_1384786863030140600
Teenage Mutant Ninja Turtles
teenage-mutant-ninja-turtles-3ds-meyf-recensione-banner_1384786479047383900
Teenage Mutant Ninja Turtles
kung-fu-rabbit-3ds-recensione-meyf-banner_1394448154087728200
Kung Fu Rabbit
ninja_1348074139026905900
Ninja Gaiden: Razor's Edge, filmato truculento!
ninjagaiden
Wii U? E' una console molto potente!
tout-ninja
Ninja Gaiden 3, sito ufficiale USA
14
Ninja Gaiden 3: Razor's Edge, immagini
border_tr