border_tl
blocchi_social Facebook Twitter RSS
center_top
 

Puddle



Puddle
 
Sistema
Nintendo Wii U
Genere
Rompicapo
Giocatori
1
Produttore
Neko Ent.
Sviluppatore
Neko Ent.
Distributore
Nintendo Italia
Versione
PAL
Requisiti
ADSL
Uscite    
N.D.
N.D.
Disponibile
scheda_networkon scheda_pegi3
   
scheda_bottom

puddle-wii-u-recensione-meyf-logo_1358873778005516000

GAMEPLAY ALLO STATO LIQUIDO!


Chiudete per un momento gli occhi ed immaginate un gioco in cui il protagonista non sia il solito bellimbusto, ma sia invece qualche semplice goccia d'acqua. Strano, vero?

Ora, provate ad immaginare che il vostro compito sia quello di guidare questo sciabordante liquido lungo un intricato dedalo di tubature, semplicemente inclinando il piano del tavolo, che sarà gestito dai giroscopi interni al pad...

Incredibile, eh?

...Come è già stato fatto?


 

TUTTO SCORRE (MEMORIA INCLUSA)

Eh si, la formula escogitata dai ragazzi di Neko Entertainment, per quanto intrigante, non può certo dirsi rivoluzionaria, dato che è stata battuta sul tempo da quel titolo WiiWare noto addirittura con due nomi: Fluidity o Hydroventure e sviluppato nel 2010 da un'inedita sinergia tra Curve Studios e Nintendo (che curò anche la produzione e la localizzazione).

Il gioco in questione è rimasto per diverse settimane nei posti più alti della top ten del Nintendo eShop, convincendo le due software house a lavorare nuovamente gomito a gomito per svilupparne il sequel (Hydroventure – Spin Circle), giunto proprio in questi giorni sul negozio virtuale del 3DS.

Con un rivale così quotato in giro, difficile per Puddle (letteralmente “pozzanghera”) stupire ancora qualcuno. Tuttavia, il titolo di Neko Entertainment ha ancora dalla sua qualche carta da giocare: ad esempio è il primo esponente del genere a “tuffarsi” su Wii U ed a sfruttare il suo bizzarro GamePad...

 

SCUOTIAMO IL MONDO!

Controller ben saldo nelle mani, Puddle vi chiederà di compiere movimenti rapidi e precisi, così da permettere al liquido sotto il vostro “controllo” di raggiungere il traguardo. Facile a dirsi, sicuramente più ostico quando bisogna passare dalle parole ai fatti.

Guidare liquami in stretti condotti richiederà infatti una buona dose di inventiva e, soprattutto, riflessi molto pronti. Come se tutto ciò non bastasse, i percorsi sono disseminati da trabocchetti mortali da evitare a tutti i costi con le manovre elusive adatte ad arrivare a destinazione senza aver perso una quantità eccessiva del vostro singolare “carico”.

Si gioca soprattutto con la fisica del gioco, in quanto, muovendo in un determinato modo il piano virtuale, ci si aspetta che il liquido si comporti come nella realtà, ed agisca di conseguenza.

Se una leggera inclinazione inizierà a farlo muovere in una certa direzione, con uno scossone dovreste addirittura riuscire a farlo saltare per brevi tratti.

Molto cambia anche a seconda del liquido... ehr... impersonato. Neko Entertainment promette una gestione della fisica attinente ai numerosi liquidi riprodotti, ma, dopo diverse ore di gioco, possiamo dirvi che più o meno tutti si comportano allo stesso modo. Solo la nitroglicerina offre qualche sfida in più, in quanto esplode a seguito degli scossoni, mentre le altre sostanze scivolano, saltano e scorrono in maniera abbastanza simile.

L'unico elemento che varia, invece, è connaturato ad alcuni poteri e ad alcuni svantaggi classici del liquido. L'acqua, ad esempio, evapora a contatto con il fuoco, perciò dovrete evitare il contatto diretto con le fiamme e scivolar via velocemente dalle superfici ardenti. Il fertilizzante, per qualche strano motivo, teme le piante carnivore Drosere e Dionee, ma può far crescerne in modo miracoloso altre che modificheranno il livello; il diserbante, invece, può aprirsi varchi nel fitto della vegetazione, e così via...

L'azione è senza dubbio molto più varia di quella vista in Hydroventure: inizierete la vostra fluidissima carriera come un caffé desideroso di libertà e poi diventerete vernici, liquido da contrasto per i raggi X, plutonio e persino ciò che resta di un topo morto...

Al variare del liquido, varieranno non solo i nemici, ma anche i livelli, veri e propri protagonisti silenti del gioco, forti dei loro contrasti cromatici ricercati e di effetti-luce psichedelici sempre pronti a distrarvi! In più, i vari stage offrono un'ottima dose di sfida e sono così ricchi di trappole e trabocchetti letali da risultare appetitosi anche per i giocatori più navigati.

 

IO MI MUOVO... E TU?

Dove Puddle non convince appieno, invece, è nell'ottimizzazione del sistema di controllo che, come detto, appoggia buona parte della sua unicità e del divertimento sui giroscopi interni al GamePad Wii U.

L'angolo di rotazione impresso al piano virtuale non corrisponde però quasi mai a quello impresso sul controller e, se di ciò ci se ne accorge appena nei livelli iniziali, in quelli avanzati diverrà invece la fonte principale della nostra frustrazione.

In Puddle si muore già fin troppo facilmente senza che si dovesse aggiungere anche l'ostacolo di controlli che non rispondono col dovuto tempismo. Proprio i giroscopi dovrebbero evitare quel fastidioso effetto “acceso/spento” dato altrimenti dai pulsanti, permettendovi quindi di far colare il liquido alla velocità desiderata, invece il piano del gioco virtuale si muoverà sempre meno rispetto agli impulsi emanati dal pad, quasi come se girasse con il freno a mano tirato.

Fortunatamente è possibile affidarsi a due ulteriori controlli differenti, basati sui dorsali ZR e ZL, o sugli stick analogici, ma anche qui la corsa dei grilletti è troppo corta per permettere un controller accurato e, in più, il sistema perde tutta la sua fisicità e, di riflesso, tutta la sua unicità.

Tuttavia, saranno senz'altro questi due ulteriori sistemi di comando a rappresentare il salvagente nelle fasi avanzate del gioco: se volete evitare che i continui game-over che non dipendono da voi incidano negativamente sulla vostra sanità mentale, sfruttate i dorsali o gli analogici almeno nei punti più complessi...

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 


A cura di : Luisa Grotti


Valutazione Puddle

In definitiva, Puddle è un ottimo titolo, divertente e sopra le righe come piace a noi. I livelli zeppi di insidie mortali richiedono polso fermo e movimenti chirurgici, mentre sul fronte della grafica e dello stile, il titolo di Neko Entertainment è da applausi a scena aperta. Peccato solo per un sistema di controllo che non risponde sempre alla perfezione: a volte svirgola così vistosamente che si avverte la mancanza di una opzione per risettare i giroscopi interni al pad come accadeva su Wii.

 

 
Potrebbero interessarti anche:
puddle-wii-u-recensione-meyf-banner_1358873757025287900
Puddle
hydroventure-spin-circle-recensione-meyf-banner_1360245808008463700
Hydroventure - Spin Cycle
chasing-aurora-wii-u-recensione-meyf-banner_1358851243095565200
Chasing Aurora
nightsky-3ds-review-banner-meyf_1362578837026575500
NightSky
eshop-banner
Questa settimana su Nintendo eShop
dl_games
Questa settimana su Nintendo eShop
nintendo-e-shop-wiiu-classifica_1357639184051089900
Wii U, i giochi più venduti su eShop
dl_games
Questa settimana su Nintendo eShop
border_tr