border_tl
blocchi_social Facebook Twitter RSS
center_top
 

Rage of the Gladiator



Rage of the Gladiator
rage-of-the-gladiator-3ds-recensione-meyf-cover-eur_1389350387088420600
Sistema
Nintendo 3DS
Genere
Picchiaduro
Giocatori
1
Produttore
Gamelion
Sviluppatore
Ghostfire
Distributore
Gamelion
Versione
Eur
Requisiti
ADSL
Prezzo
6,99 Euro
Uscite    
N.D.
N.D.
Disponibile
scheda_networkoff scheda_pegi12
   
scheda_bottom

rage-of-the-gladiator-3ds-recensione-meyf-logo_1389350371038280000

PRONTI A SCENDERE NELL'ARENA?


Pubblicato per la prima volta nel 2010 su Nintendo Wii nella categoria dei titoli WiiWare, Rage of the Gladiator arriva ora su Nintendo 3DS. Forte di un gameplay collaudato e di una caratterizzazione convincente, Ghostfire non ha portato innovazioni di sorta alla formula originale.



PUNCH OUT!! ANTE LITTERAM

Se l'ormai vecchiotta pellicola de “Il Gladiatore” con Russell Crowe vi ha conquistati, o se stravedete per la mitologia della Roma antica, il gioco prodotto da Gamelion è sicuramente il titolo che fa per voi.

Rage of the Gladiator vi mette infatti nei panni logori e nei calzari sudaticci di un combattente che, accusato ingiustamente di omicidio, viene condannato a morte nell'arena. La sua unica possibilità è quella di uscire vivo da ogni incontro, riscattandosi socialmente e diventando un vero e proprio idolo delle folle.

Tutto questo, in termini prettamente ludici, si traduce in un gameplay che ricorda molto da vicino il titolo Nintendo: Punch Out!!.

Anche Rage of the Gladiator, infatti si affida alla visuale in prima persona per tessere un picchiaduro molto tecnico e strategico nel quale, a sorpresa, vengono messi al bando combo e colpi speciali.

Si attacca dunque con ganci e montanti, e l'unico “bonus” del quale è possibile avvalersi è la disattenzione temporanea del nemico, che offre momenti preziosi in cui occorre colpire come se non esistesse un domani.

Prodromico a tutto ciò è dunque lo studio delle mosse degli avversari, che possono essere creature mitologiche del calibro di Medusa o del Minotauro, dell'Idra o dell'Arpia, oppure altri gladiatori come voi. Ogni nemico è comunque tipizzato: vale a dire dotato di un set di mosse standard che lo caratterizza. Più si va avanti con il gioco e più l'esecuzione diventa veloce e insidiosa, ma in generale vale la regola che, imparata la successione di colpi che prova ad infierire, è possibile individuare l'attimo in cui abbassa la difesa per colpirlo e portarsi in vantaggio.

Naturalmente, il colpo dev'essere adeguato all'occasione, per spezzare le difese, quindi anche il tipo d'attacco scelto deve essere determinato con attenzione studiando la routine dell'avversario. Le stesse raccomandazioni valgono per la difesa: la maggior parte degli attacchi può essere parata alzando lo scudo, ma alcuni sono così potenti da dover essere schivati. Altri ancora hanno un raggio d'azione che mira alle gambe del nostro guerriero, dunque debbono essere saltati (tramite croce direzionale).

Inutile attaccare a testa bassa, si rischia di stremarsi contro le difese di un avversario più avveduto e di incorrere molto presto in schermate di game over a profusione. Bisogna invece rappresentarsi lo scontro come una sorta di ballo in cui ogni entrambi gli sfidanti devono intervenire con tempismo e rispondere, sempre con altrettanto tempismo, alle mosse del rivale.

Ovviamente, è più facile prevedere le mosse di un avversario umano, piuttosto che quelle di qualche essere infernale fluttuante tentacolare, ma il bello del gioco sta anche lì: essere colpiti, finire magari in fin di vita. ma riuscire a conservare la lucidità necessaria a tessere nuove strategie d'attacco, così da ribaltare la partita.

 

MORS TUA, VITA MEA

A rendere il progetto di Ghostfire ancora più elaborato ed intrigante ci pensa poi la componente ruolistica che si traduce nella possibilità di incamerare punti esperienza e monete d'oro dopo ogni scontro.

Questi benefits potranno essere spesi, rispettivamente, per potenziare il proprio lottatore, così da ampliare l'offensività delle sue mosse e la difesa delle sue parate e nell'armeria, e per mettere le mani su armi più affilate e scudi maggiormente efficaci. Senza dimenticare pozioni ed amuleti che possono tirarvi fuori dagli impicci più di una volta, se usati con furbizia.

Tecnicamente piuttosto solido e stilisticamente convincente (sebbene non si capisca cosa ci facciano i ninja nell'antica Roma), il titolo Gamelion in questa sua nuova incarnazione videoludica portatile ha dalla sua anche l'apporto del 3D stereoscopico. L'avventura non è delle più longeve, assestandosi sulle sette-otto ore, ma scegliendo subito il livello di difficoltà più ostico e commisurando la durata ed il divertimento offerto al prezzo pagato (6,99 Euro), occorre comunque dire che siamo di fronte ad uno dei titoli più interessanti per il Nintendo eShop del 3DS.

 

 

 

  © RIPRODUZIONE RISERVATA


A cura di : Leonardo Gatto


Valutazione Rage of the Gladiator

In definitiva, Rage of the Gladiator si rivela essere il vero campione dell'arena! Sebbene concettualmente identico al titolo omonimo già apparso tra i WiiWare di Nintendo Wii, il gioco di Ghostfire e di Gamelion è comunque uno dei titoli più interessanti dell'attuale panorama videoludico del Nintendo eShop. Forte delle rodate meccaniche di Punch Out!!, Rage of the Gladiator le approfondisce e le consola con una componente ruolistica di tutto rispetto, utili anche a garantire una moderata rigiocabilità.

 
Potrebbero interessarti anche:
rage-of-the-gladiator-3ds-recensione-meyf-banner_1389350420091782700
Rage of the Gladiator
dungeons-e-dragons-chronicles-of-mystara-wii-u-recensione-meyf-banner_1380794619039840100
Dungeons & Dragons: Chronicles of Mystara
Rage of the Gladiator (video)
Rage of the Gladiator questo Venerdì
Il Venerdì del Nintendo Shop
kenshiro_1348135994084331800
La furia di Kenshiro sconquassa il Wii U
border_tr