border_tl
blocchi_social Facebook Twitter RSS
center_top
 

Mario Kart 8



Mario Kart 8
mario-kart-8-wii-u-recensione-meyf-cover-pal_1400098582037270300
Sistema
Nintendo Wii U
Genere
Automobilistico
Giocatori
1/12
Produttore
Nintendo
Sviluppatore
Nintendo
Distributore
Nintendo Italia
Versione
PAL
Requisiti
/
Uscite    
N.D.
N.D.
30 Maggio 2014
scheda_networkon scheda_pegi3
   
 
scheda_bottom

mario-kart-8-wii-u-recensione-meyf-logo_1400098322087085200

LE CORSE NINTENDO IN TRASFERTA SULL'OTTOVOLANTE!


Di tutti gli spin-off con Super Mario che si sono affacciati sul mercato nel corso degli anni, Mario Kart è forse il più completo ed apprezzato, quello a cui nessuna persona, videogiocatrice o meno, nintendofila o di altra parrocchia, riuscirebbe a dire di “no”.

Del resto, c'è sempre spazio per una kartata in allegria! E, anche quando si è restii, è sufficiente far assistere ad una sfida le nostre nonne, mamme e fidanzate per trasformarle in agguerritissime piloti capaci di sorpassarci a destra all'ultima curva, disseminando il rettifilo di bucce di banane!

Non ce ne vogliano i fans di Mario Tennis, Super Smash Bros. e Mario Party, ma le corse sui colorati go-kart hanno tutto un altro sapore e, quello che più conta, permettono di apprezzare la Nintendo Difference anche nel campo del multiplayer (ultimamente on line), dimostrando che, quando vuole, la Casa di Kyoto non ha nulla da dover apprendere dalle rivali in fatto di connettività e gioco in rete.

Per l'ottavo episodio, nonché il primo in alta risoluzione, Hideki Konno e Kosuke Yabuki sembrano aver voluto fare le cose in grande! Scopriamo dunque il bolide che tra poco scenderà in pista...



UNA CORSA LUNGA DUE DECADI

Ventidue anni e non sentirli. La saga di Mario Kart non solo ha raggiunto da parecchio tempo la propria maturità, ma ha quasi l'età per conseguire la laurea breve.

Eppure, è ancora giovane e fresca come una rosa ed è forse una delle rare serie di successo che può vantare il fatto di aver mantenuto intatto il proprio gameplay dall'esordio ad oggi, senza compromessi di sorta per attrarre nuova utenza.

Certo: negli anni le trovate un po' strambe non sono mancate, come le bizzarre vetturine a 2 personaggi di Double Dash!! per GameCube, l'introduzione delle motociclette in Mario Kart Wii o dei mezzi aerei e subacquei in Mario Kart 7, ma il nucleo centrale è sempre rimasto quello.

Una formula alchemica a dir poco sorprendente, fatta di gusci rossi, turbo e derapate capace di catalizzare all'infinito l'attenzione di nuovi e vecchi giocatori, ma non per questo facile da ricopiare: negli anni sono state numerose le software house ad essersi cimentate nello sviluppo di cloni, ma i risultati, da Diddy Kong Racing a Crash Team Racing, passando Little Big Planet Karting e Sonic & SEGA All-Stars Racing, non sono mai stati all'altezza dell'originale.

Il 30 Maggio prossimo, ovvero tra 15 giorni esatti dalla pubblicazione di questa recensione, debutterà sui Wii U europei Mario Kart 8. Si tratta di un episodio particolarmente atteso, non solo perché l'uscita di ogni capitolo costituisce sempre un evento, ma anche e soprattutto in quanto Nintendo ha deciso di affidare alle sfreccianti automobiline da corsa guidate da Yoshi, Bowser e compagnia bella le sorti stesse della propria ammiraglia che certo non naviga in buone acque. Ci vuole insomma un capitolo coi controfiocchi, che non deluda le altissime aspettative e convinca gli scettici a dar fiducia a Wii U. Il team di Konno sarà stato all'altezza?

 

SOTTOSOPRA!

Vera e propria caratteristica di questo ottavo episodio la possibilità di correre in modalità antigravità. In altre parole, è sufficiente passare su determinate cerniere bluastre per iniziare a guidare in barba alle più elementari regole della fisica che vi vorrebbero sempre attaccati all'asfalto. Se ciò si nota poco quando, come nel Circuito di Mario, il tracciato si avvita su sé stesso facendovi percorrere buona parte dello stesso a testa in giù, per via di una telecamera che segue il capovolgimento -evitando così di nauseare i deboli di stomaco!-, diviene invece una feature da non dimenticare su altre piste, che può consentirvi di porre in essere tattiche davvero ardite.

Determinati tracciati, come Riviera di Toad o Cittadella Tremarella (giusto per rimanere nel Trofeo Fiore, cui lo stesso Circuito di Mario appartiene) in alcuni punti vi consentono infatti di abbandonare la lingua asfaltata per sfrecciare lungo le facciate variopinte dei palazzi che costellano la costiera o per le pareti malconce e gli arazzi logori di una tetra magione infestata.

Non sottovalutate mai le strade alternative offerte dall'antigravità, perché se è vero che molto spesso vi fanno perdere secondi preziosi, e non permettono di dipingere la traiettoria ideale nei time trial, è altrettanto vero che, il più delle volte, risultano sgombre da ostacoli di sorta, presenti magari sulla strada tradizionale, e ospitano item box bonus che potrebbero fare la differenza all'ultimo giro.

Non solo: l'antigravità non si limita a sovvertire le regole della fisica, bensì anche quelle del buon senso. Quando si è appesi a testa in giù, infatti, si guadagnano boost temporanei tamponando gli avversari. E' difficile abituarsi a questa novità, dopo che anni dietro un pad ci hanno insegnato a stare lontano dai parafanghi di Bowser e di Donkey Kong, ma di certo pregustiamo gli effetti pratici che si riverbereranno nei multiplayer on line, destinati a trasformarsi in veri e propri autoscontri!

 

CIRCUITI IN CORTOCIRCUITO

Le sorprese di Mario Kart 8 non si esauriscono qui: all'interno dell'economia di gioco, infatti, non è stata intessuta solo la possibilità di ribaltare le piste e correre lungo le pareti, ma è stata anche mantenuta la caratteristica dei kart di tramutarsi ora in veicoli volanti, ora in bizzarri mezzi subacquei. Caratteristica introdotta, come già ricordato, nel capitolo precedente per Nintendo 3DS ma che pare aver trovato, grazie all'antigravità, la sua principale espressione.

Difatti, visto che non ci sono più limiti fisici ad imbrigliare la fantasia degli sviluppatori, il team guidato da Konno ha potuto sbizzarrirsi e creare i circuiti più fantascientifici dell'intera saga. Rampe quasi verticali, paraboliche mirabolanti e tuffi negli oceani si susseguono a ritmo serrato, in un tourbillon di chicane, rettifili e pendenze in grado di mozzare il fiato anche ai piloti più intrepidi.

Per farvi un esempio, una delle piste più spettacolari è Cascate di Tipo Timido che ha la particolarità di svilupparsi per buona misura in verticale anziché in orizzontale, facendovi risalire e poi discendere due enormi e roboanti cateratte come se foste salmoni. E' in piste come questa che si sperimentano le soluzioni inedite individuate da Nintendo e si apprezza appieno la commistione “antigravità + mezzi volanti + mezzi acquatici” raggiunta.

La possibilità di volare e tuffarsi nel mare rende ogni tracciato sfaccettato ed incredibilmente vario: non c'è più una ferrea distinzione tra circuiti asfaltati, fangosi percorsi campestri e piste più fantasiose, ma vi è una vera e propria fusione di generi, che fa sì che una gara inizi sull'asfalto, proceda sott'acqua e preveda anche qualche adrenalinica sessione di volo.

Il team di Hideki Konno ha osato e non poco sul fronte del track-design introducendo diverse trovate inedite che, speriamo, diverranno la norma nei prossimi episodi.

Come non citare, a questo proposito, Monte Wario, il quale abbandona la tradizionale formula del circuito a favore di una struttura che ricorda le tappe dei rally, nella quale inizio e fine non coincidono? Si parte nientemeno che su di un aereo che ci butta nostro malgrado sulla vetta di una montagna innevata, quindi si procede a rotta di collo tagliandone gli immacolati ed aspri versanti, si evitano le slavine suscitando la curiosità degli stambecchi, per poi piombare su di una pista da sci non prima di aver corso lungo l'argine di una diga, in un susseguirsi di sequenze al cardiopalma che sembrano uscite da un film di James Bond!

Potremmo continuare parlandovi di ciò che vi attende in Parco Acquatico nello Stadio Mario Kart o nell'immancabile Castello di Bowser, ma preferiamo lasciarvi il piacere di scoprirlo da voi. Prima di chiudere questo paragrafo, invece, è doveroso menzionare il fatto che, questa volta, i 16 retro-circuiti dei Trofei Guscio, Banana, Foglia e Fulmine, siano stati assoggettati ad un restyling che va ben oltre al mero maquillage grafico e che ha consentito agli sviluppatori di introdurvi tutte le novità di gameplay di cui vi abbiamo parlato fin'ora. In altri termini, anche in tracciati storici come l'Autostrada di Toad di Mario Kart 64 o Pianura Ciambella 3 di Super Mario Kart sarà possibile saggiare la vostra abilità alla guida in fasi a gravità zero, subacquee o aeree, intessute nella vecchia filigrana delle piste più celebri in modo eccellente grazie a intelligenti variazioni nel track-design che certo non scateneranno l'ira dei puristi.

 

UN SALTO AI BOX

Oltre a proporre una scuderia a dir poco varia, che comprende ben 30 piloti (si va da Rosalinda a Peach Oro Rosa, passando per i 7 Koopalings e gli immancabili Mii), Mario Kart 8 recupera e approfondisce il discorso della personalizzazione del mezzo, mai così intrigante e dettagliato come in questo capitolo.

E' da Mario Kart DoubleDash!! per GameCube che Nintendo girava attorno all'eventualità di assemblare veicoli a proprio piacimento, che influenzassero la gara e consentissero al giocatore di confrontarsi con scelte strategiche anche prima di scendere in pista, ma solo con Mario Kart 7 si ha avuto la concretizzazione di tale trovata.

In Mario Kart 8 la questione viene appunto approfondita.

Direttamente dal passato episodio, abbiamo la facoltà di determinare non solo la carrozzeria del veicolo, ma anche il tipo di gomme ed il deltaplano che ci assisterà nelle fasi aeree, così da influire sulle statistiche (tenuta, accelerazione, velocità massima) del mezzo. Più si gioca e più si ottengono preziosi pezzi di ricambio che ci consentono di mettere assieme l'auto dei propri sogni.

Inoltre, ci viene concessa la facoltà di optare tra più veicoli, che spaziano dai vecchi go-kart alle auto d'epoca, senza dimenticare fuoristrada, quad, abitacoli di Formula 1 e le motociclette di Mario Kart Wii.

A proposito di queste ultime, va detto che Konno e i suoi ragazzi si sono spesi per implementarle al meglio nel gameplay, in modo da non renderle “scelta obbligata” (perché più veloci) nelle competizioni on line. Adesso, infatti, le due ruote primeggiano nei tracciati campestri mentre gli altri veicoli a quattro ruote se la cavano meglio nei circuiti. Una novità apprezzata, che costringerà i giocatori a dover imparare a manovrare ogni mezzo!

 

QUATTRO OGGETTI IN CERCA D'AUTORE

Prima di volgere verso gli ultimi paragrafi, bisogna soffermarsi sui nuovi power up introdotti in questo ottavo episodio.

Sono quattro.

Il primo di questi è il Fiore Boomerang. Si tratta di una specie di guscio verde da utilizzare più volte. Dopo che lo avrete lanciato, partirà perpendicolarmente al vostro kart, tracciando una linea retta davanti a voi. Essendo un boomerang, dopo qualche istante tornerà indietro. In questa fase, la traiettoria dell'oggetto cambierà a seconda della vostra posizione: ecco perché è bene tentare di frapporre tra voi ed il power up altri corridori così da farli investire da questo item a dir poco insidioso.

Nel bizzarro vivaio di Mario Kart 8 troviamo anche la Pianta Piranha. Direttamente da Super Mario 3D World, questo vegetale addomesticato e riposto in vaso arriva ora in pista ansioso di addentare deretani a tutto spiano! La mordace piantina si pone di fronte al kart per aggredire ripetutamente tutti i veicoli che ci sbarrano la strada. Può anche ripulirla dalle bucce di banana ingollandole repentinamente. E' una sorta di Super Stella che però ci protegge solo sul lato frontale.

L'Otto Matto è invece la summa di tutti i power up presenti nel gioco. Parente stretto del Sette Portafortuna di Mario Kart 7. Una volta che lo utilizzerete, attorno al veicolo vi appariranno otto oggetti che potrete utilizzare in rapida successione o mantenerli orbitanti come scudo. Attenzione però che determinati power up come il fungo o la Super Stella potrebbero esservi rubati dagli avversari più vicini!

Infine, abbiamo tenuto apposta per ultimo il Super Clacson per via del terremoto che inevitabilmente provocherà nell'assetto strategico delle vostre gare. Quest'arma, ad una prima occhiata, non sembra particolarmente potente (suonando il clacson si genera una piccola onda d'urto che si propagherà tutto intorno a voi, scudandovi dagli avversari e dai loro oggetti), eppure è in realtà l'unico power up, assieme alla Super Stella, capace di disintegrare il temibilissimo Guscio Spinato. Avete capito bene: ora anche il terrore di tutte le prime posizioni ha un valido opponente! Rispetto alla Super Stella, inoltre, il Super Clacson ha maggiori probabilità di apparire stazionando nelle prime postazioni, perciò la sua introduzione spariglia le carte e controbilancia uno degli oggetti più letali mai apparsi nella serie di Mario Kart!

 

GUARDA MAMMA, SONO IN TELEVISIONE!

Veniamo ora ad uno dei passaggi più attesi di questa recensione: l'analisi dell'on line. Iniziamo col dire che, avendo provato il gioco un mese prima del suo debutto, non si può redigere un giudizio serio su questo versante. Le gusciate con alcuni colleghi teutonici e danesi non sono mancate, ma non siamo mai riusciti a giocare in dodici e, soprattutto, non sappiamo dirvi se i server di Nintendo fungeranno alla perfezione anche il prossimo 30 Maggio, quando saranno presi d'assalto da milioni di giocatori di tutti i continenti.

Abbiamo ottimi ricordi della fluidità e della stabilità del servizio di Mario Kart Wii e senza dubbio esperienze di gioco on line meno serene con Mario Kart 7. Resta da capire dove si posizionerà Mario Kart 8. Al netto delle 9 partite giocate, possiamo dire che tutto sembra funzionare debitamente, senza lag di sorta, ma è ancora troppo presto per pronunciarsi.

Quattro le modalità di gioco previste, che potranno coinvolgere fino a 12 giocatori estratti a caso da Nintendo Network o inclusi nella propria lista amici.

Graditissima introduzione la chat vocale, che consentirà di scambiare qualche parola nell'hub prima e dopo le gare (viene invece eliminata durante la corsa anche per mantenere alta la qualità di connessione) sfruttando il microfono incluso del GamePad Wii U.

Ancora più gradita, invece, l'inedita opzione che consente di costruire tornei su misura, che prevedano o meno power up, piloti della CPU, team, determinate tipoligie di controllo, ecc... Una volta impostate le regole, potrete decidere data e ora in cui avrà inizio l'evento ed aprire le iscrizioni. Sarà il software a tenere nota dei punteggi dei singoli partecipanti.

Inutile dire che, dal 30 Maggio in poi, nel Nintendo Network potrete trovare il Mario & Yoshi's friends GP e gareggiare con i membri della nostra redazione così da avere la soddisfazione di impallinarli a suon di gusci rossi!

Chi si diletta nelle prove a tempo potrà inoltrare a Nintendo Network i propri dati fantasma: ogni settimana i primi dieci tempi saranno spediti ai Wii U di tutto il mondo, offrendo così anche ai giocatori solitari nuove sfide. Dai passati capitoli tornano invece i fantasmi degli sviluppatori: battendoli si guadagnerà un timbrino Miiverse che attesta la vostra innegabile maestria al volante.

L'opzione Mario Kart TV consente infine di caricare via YouTube, e senza uscire dal gioco, i replay delle proprie gare così da renderli noti a tutti, utenti del gioco e non. Serve solo un Google-Account.

 

ULTIMO GIRO!

Dopo quattro pagine e qualcosa come oltre 14mila caratteri, è probabilmente venuto il momento di dirigerci lesti verso il traguardo.

Ci siamo dilungati troppo, lo sappiamo bene, ed abbiamo comunque la fastidiosa sensazione di aver tralasciato qualcosa, di aver grattato appena la superficie e di non essere riusciti a comunicarvi ciò che Mario Kart 8 può offrire realmente.

Inutile piangere sul guscio spinato sprecato, perciò procediamo di gran lena con l'analisi del motore tecnico di gioco.

Sotto questo punto di vista, ci inchiniamo di fronte al lavoro compiuto da Konno e dal suo team. Tecnicamente parlando, infatti, Mario Kart 8 è sbalorditivo e non ha rivali nella line up dell'ammiraglia Nintendo.

Sbalorditivo. Non ci sono altre parole per descrivere il titolo che, ad oggi, è riuscito ad esprimere meglio la potenza di Wii U.

Forte di una grafica ultra dettagliata che non incide minimamente sul frame rate, di una palette di colori più realistica di quella fumettosa dei passati capitoli, di una profusione di effetti speciali, shader, bump mapping e lens flare che spettacolarizzano ogni partita e di milioni di dettagli che infiorettano tutti i circuiti, Mario Kart 8 è una gioia per il cuore ma, soprattutto, per gli occhi. Vedere che il tutto corre a 60fps anche nei frangenti più caotici è l'ennesima riprova di quanto Nintendo abbia curato il gioco e, soprattutto, sia ormai esperta anche nello sviluppo di software in HD, che, a suo dire, in un primo momento le avevano invece creato alcune difficoltà costringendola a posticipare più prodotti. Discorso inverso, invece, deve essere fatto per ciò che concerne il multiplayer in locale: in due il frame rate viene dimezzato, e il gioco resta godibile, ma in quattro è davvero vittima di rallentamenti assassini. Sperando di godere di un on line all'altezza dell'episodio per Wii, conviene organizzare le proprie festicciole via Nintendo Network piuttosto che tutti davanti al medesimo televisore, perché con scatti simili è impossibile godere appieno del gioco.

Anche il sonoro è stato curato in maniera a dir poco maniacale: alla travolgente simpatia degli effetti FX cui la saga ci ha abituato (basta l'urlo Maaaaaario Kart eeeeeeeeeeeeeit! di Charles Martinet, storico doppiatore di Mario, nel menu introduttivo per farci sfoggiare un sorriso a 32 denti) si aggiungono infatti 32 componimenti orchestrali da pelle d'oca, capaci di spaziare dallo swing di Giungla DK alle musiche tropicali di Parco Acquatico, passando per l'inquietante clavicembalo da Famiglia Addams di Cittadella Tremarella al techno discotecaro di Elettrodomo, senza dimenticare l'ottimo remix del tema principale che si può ascoltare in Stadio Mario Kart o le allegre e bucoliche fisarmoniche di Dolce Dolce Canyon.

Rimane da spendere qualche parola sulla giocabilità: anche su questo fronte Mario Kart 8 non teme confronti e si rivela enciclopedico, pronto a soddisfare le esigenze più strane dell'utenza che lo potrà giocare armata di GamePad Wii U, Telecomando Wii o Classic Controller Pro, avvalendosi o meno di Wii Wheel e relativi sensori di movimento.

Lo stile di gioco è tipicamente arcade, ma i kart si controllano che è una meraviglia e possono pennellare in modo convincente curve e chicane, comportandosi esattamente come le controparti reali. Ogni veicolo ha caratteristiche uniche, perciò ogni veicolo vi chiederà di modificare la vostra guida adattandovi ai suoi difetti e sfruttando al meglio i suoi pregi. Le derapate consentono ai più bravi di limare centesimi di secondo in curva, mentre i mini-turbo dovuti ai tricks delle rampette permettono ai meno capaci di restare comunque ai loro talloni.

Insomma, Mario Kart 8 è l'episodio più tecnico, completo, colorato, musicale, bello da vedere, spettacolare e divertente della serie.

Cosa chiedere di più? Un altro gioco in regalo? Ah, si: registrando nel Club Nintendo di Nintendo Italia il titolo entro il 31 Luglio, si guadagnerà il diritto di scaricare, gratuitamente, uno tra questi dieci capolavori: Nintendo Land, New Super Mario Bros. U, Game & Wario, Pikmin 3, The Legend of Zelda - The Wind Waker HD, Sonic Lost World, Mario & Sonic ai Giochi Olimpici Invernali di Sochi 2014, Wii Party U, The Wonderful 101 e Monster Hunter 3 Ultimate.

Se non siete convinti nemmeno ora, provate ad affacciarvi on line che non vediamo l'ora di riempirvi di gusci rossi!

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


A cura di : Carlo Terzano


pro_contro_piu Tecnicamente sublime
pro_contro_piu In solitaria, saldamente ancorato a 60fps
pro_contro_piu Gameplay rinfrescato dalla gravità 0
pro_contro_piu Tante modalità di gioco on line
pro_contro_piu Nuovo equilibrio tra i power up
Resta da vedere come si comporteranno i server col pienone pro_contro_meno
Terribilmente scattoso nel multiplayer a 4 in locale pro_contro_meno
Non tutte le piste sono innovative come sperato pro_contro_meno
Tra i 30 personaggi manca qualche volto noto pro_contro_meno

Valutazione Mario Kart 8
 
pagella_termometro10
pagella_mario
9.2
pagella_termometro10
pagella_mario
9.6
pagella_termometro10
pagella_mario
9.8
pagella_termometro10
pagella_mario
9.9
pagella_my
9.6
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_mezzastellina
In definitiva, Mario Kart 8 ci ha letteralmente conquistati. Non ci aspettavamo nulla di meno dall'ultimo episodio di questa celeberrima saga ma, visto che il capitolo per Nintendo Wii ci aveva lasciato un po' perplessi per via dei suoi circuiti poco tecnici e per il primato innegabile delle motociclette sulle quattroruote, qualche dubbio l'avevamo. Per fortuna, invece, Konno e i suoi non ci hanno traditi ed hanno addirittura approntato l'episodio definitivo, quello più completo, bello e divertente mai visto in 22 anni di allegre gusciate! Certo, nel multiplayer locale a quattro giocatori il frame rate cala oltre i limiti del sopportabile, ma se l'on line funzionerà come durante le nostre sparute prove anche a server pieni, allora si potrà comodamente ripiegare sul Nintendo Network, con buona pace di chi stava già organizzando qualche festicciola con gli amici davanti al Wii U in vista dell'uscita del gioco. Del resto, un difetto simile non può incidere troppo se dall'altro lato i servizi on line completamente gratuiti funzioneranno alla perfezione! Insomma, poche ciance: correte a comprarlo!
pagella_bottom
Potrebbero interessarti anche:
mia-super-kart-banner-meyf_1347442086071771000
Super Kart - Miia Style e FG Distribuzione
e3-speciale-meyf-giorno_2_1371029446098954500
E3 2013 - Giorno 2
f1-race-stars-powered-up-edition-wii-u-recensione-meyf-banner_1392204456000843600
F1 Race Stars - Powered Up Edition
mario-kart-8-meyf-preview-banner_1372757535072469700
Mario Kart 8
mario-kart-8-art-b_1396533476020907400
Mario Kart 8, nuovi artwork
bynafaqigaa45l7:large
Mario Kart 8, Kart Fulmine in video
mario-kart-8-isola-yoshi-dlc-b_1413970762019150400
Mario Kart 8, foto e video dei DLC
real-mario-kart-go-kart-b_1392914979021973200
Arriva il go kart di Mario Kart!
border_tr