border_tl
blocchi_social Facebook Twitter RSS
center_top
 

Azure Striker: Gunvolt



Azure Striker: Gunvolt
 
Sistema
Nintendo 3DS
Genere
Run'n'gun
Giocatori
1
Produttore
Inti Creates
Sviluppatore
Inti Creates
Distributore
Inti Creates
Versione
Eur
Requisiti
/
Uscite    
N.D.
N.D.
Disponibile
scheda_networkoff scheda_pegi3
   
scheda_bottom

azure-striker-gunvolt-3ds-recensione-meyf-logo_1432545421007410900

L'EREDE SPIRITUALE DI MEGAMAN RIVIVE SU NINTENDO 3DS!


Lo abbiamo detto numerose volte: se c'è un pregio del mercato indipendente è quello di aver fatto rivivere i vecchi giochi di una volta, quelli che le software house tradizionali ormai ignorano, così da permettere alle nuove leve di conoscerli. Azure Striker: Gunvolt ne è solo l'ultimo esempio. Uscito originariamente alla fine degli anni '80 con il titolo Mighty Gunvolt, questo erede spirituale di MegaMan (i ragazzi di Inti Creates hanno infatti passato gli ultimi 13 anni sui giochi del robottino di Capcom) permetterà ai giocatori più giovani di recuperare un genere quasi del tutto scomparso: quello dei run'n'gun.



SPARA E SCAPPA

In realtà, Azure Striker Gunvolt non è un vero e proprio MegaMan in salsa moderna. Gode infatti di una propria dignità e vive di regole sue.

Anzitutto, rispetto al simpatico robottino blu di Capcom, il titolo di Inti Creates non dà troppo peso alle sessioni platform. Chi segue la mascotte di Capsule Computers fino dai suoi esordi su NES, sa bene che la saga è cattivissima e chiede non solo di sparare in continuazione, ma anche di calibrare al millimetro i salti.

Azure Striker: Gunvolt, dal canto suo, preferisce concentrarsi sulle sequenze sparattutto, lasciando in disparte quelle in cui si zompa qua e là.

Ma questa non è l'unica differenza.

La più grande, anzi, riguarda il protagonista, che non spara normalmente, bensì sgancia sugli avversari delle specie di mine che fungono da target. In un secondo momento, premendo il dorsale, parte lo sparo vero e proprio che viene automaticamente indirizzato sui nemici taggati. Lo sparo inoltre ha il potere di assorbire i colpi sparati dagli avversari, quindi può essere utilizzato con intelligenza come scudo, per cavarsi dagli impicci, e come ottimo strumento per inanellare combo su combo.

 

SPARATUTTO ELETTRIZZANTE?

Il gameplay è reso ancora più particolare dal fatto che ogni colpo consuma la nostra riserva di energia, che sarà nostro dovere ricaricare fermandosi un attimo e dando un colpetto sulla croce direzionale.

Tutto questo non solo è laborioso, ma sembra pure stridere con il concept del run'n'gun, che ci chiede di correre in continuazione, combattendo contro un infamissimo cronometro. In realtà, tale trovata aggiunge non poco pepe al gioco, in quanto chiede al giocatore di impratichirsi con un sistema assolutamente inusuale e di trovare il momento adatto in cui ricaricare l'arma, e ciò non è sempre facile, visto che attorno tutto esplode e attenta alla vostra vita.

Bisogna però dire che Azure Striker: Gunvolt non rappresenta quella pioggia di proiettili e razzi assassini classica dei Contra o dei MegaMan: il titolo di Inti Creates è senz'altro più moderato in termini di piombo fuso rovesciato su schermo dei cari vecchi titoli di una volta.

Anzi, se proprio dovessimo trovargli un difetto, potremmo dire che, nonostante il gran carattere dimostrato, Azure Striker: Gunvolt non sia così difficile come ci saremmo aspettati. Pensavamo di trovarci di fronte ad un titolo cattivo - a tratti addirittura sadico -, come il genere e gli anni di riferimento lascerebbero supporre, invece il gioco ha sì un tasso di sfida importante, ma mai troppo ostico, e forse finisce anche troppo in fretta.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


A cura di : Leonardo Gatto


Valutazione Azure Striker: Gunvolt

In definitiva, Azure Striker: Gunvolt si è rivelato un buon run'n'gun, riuscendo a ravvivare un genere che quasi rischia l'estinzione. I ragazzi di Inti Creates, forti della loro esperienza ultradecennale con MegaMan, non hanno attuato una semplice “operazione nostalgia” ma hanno creato un titolo dal gameplay moderno e convincente, che non scimmiotta le vecchie glorie del passato. La longevità non è il suo punto forte e il tasso di sfida non è propriamente vecchia-scuola, ma in questo modo anche chi non ha vissuto la stagione del NES potrà divertirsi parecchio.

 
Potrebbero interessarti anche:
azure-striker-gunvolt-3ds-recensione-meyf-banner_1432545411099971100
Azure Striker: Gunvolt
border_tr