border_tl
blocchi_social Facebook Twitter RSS
center_top
 

Super Mario 3D World



Super Mario 3D World
super-mario-3d-world-wiiu-recensione-meyf-cover-pal_1384788433037119300
Sistema
Nintendo Wii U
Genere
Piattaforma
Giocatori
1/4
Produttore
Nintendo
Sviluppatore
Nintendo
Distributore
Nintendo Italia
Versione
PAL
Requisiti
/
Uscite    
N.D.
N.D.
29 Novembre 2013
scheda_networkon scheda_pegi3
   
 
scheda_bottom

super-mario-3d-world-wiiu-recensione-meyf-logo_1384788026046916800

NON DIRE GATTO, FINCHE' NON L'HAI NEL SACCO!


Lo strillo che campeggia sulla copertina del numero novembrino del Mario & Yoshi's friends Magazine “Mario ha nove vite, come i gatti” è preso in prestito dalla tradizione popolare, che considera i nostri a-mici felini dei veri saltimbanchi, abituati a cascare sempre in piedi.

Super Mario (ma potremmo allargare il discorso per ricomprendere anche la stessa Nintendo) ha certamente a disposizione da sempre questa incredibile abilità, ancora prima che nel proprio guardaroba inserisse il costume da gatto.

Sono infatti innumerevoli le volte che i detrattori hanno dato la serie del nostro idraulico italiota per spacciata, eppure, acciacchi a parte, ha appena festeggiato i trent'anni e sembra godere di ottima salute.

Lo stesso Super Mario 3D World, che ci accingiamo a recensire in questa sede, è stato accolto con freddezza da parte del mondo nintendofilo, per via di questa sua pesante (a tratti prepotente) somiglianza con Super Mario 3D Land, che ha suscitato vespai di polemiche su Internet e fatto prematuramente stracciare le vesti ad alcuni.

Eppure siamo sicuri che, quando il gioco sarà finalmente nei negozi, le malelingue si nasconderanno dietro i denti ed i loro proprietari, silenziosi, si divertiranno un mondo giocando all'ultima fatica di Nintendo EAD...



LE FATE IGNORANTI

Per molti versi questo Super Mario 3D World sembra essere stato sviluppato all'insegna della tradizione e dell'innovazione. A fianco a caratteristiche nuove, infatti, il team di sviluppo ha sapientemente disposto elementi tratti dal passato nostalgico della mascotte Nintendo.

Vedremo di analizzarle entrambe, nell'esatto ordine col quale si presentano al giocatore.

La più grande novità con cui si apre questa nuova avventura riguarda senz'altro la possibilità di condividerla con altri tre amici, in una caotica modalità cooperativa che certo strizza l'occhio a New Super Mario Bros. U, se non fosse che il concept del gioco, per via del mondo tridimensionale, la rende meno confusionaria e più appetibile.

Ma di questa feature parleremo più avanti. Al momento accontentiamoci soltanto di dire che il multiplayer ha portato con sé la necessità di dotare la storia di quattro personaggi differenti. Sparito l'inviso doppio Toad, che ha caratterizzato gli episodi di New Super Mario Bros. per console da salotto, Nintendo ha finalmente ripescato il parterre del vecchio Super Mario Bros. 2, che con la saga di Mario, viste le sue origini apocrife (è stato infatti sviluppato manipolando il codice di un titolo già esistente, Doki Doki Panic, benché sempre di Shigeru Miyamoto), non ha mai legato troppo.

Quindi in Super Mario 3D World ci viene concessa la possibilità di scegliere se vivere l'avventura nella salopette di Mario, in quella di Luigi, nel pannolone di Toad o nei regali panni della principessa Toadstool Peach. Sì, proprio lei: la tenera e candida sovrana che una volta tanto non fa la parte della pulzella da salvare ma scende in campo per dirgliene quattro a quell'immondo lucertolone di Bowser (probabilmente sarà anche un po' seccata di non essere stata rapita, ma questo non lo ammetterà mai).

Dal canto suo Bowser, stanco delle numerose batoste, si è rifatto una vita preferendo Princifata a Peach. La principessa del reame delle fate era attesa per un incontro diplomatico nel Regno dei Funghi, ma il sovrano dei Koopa l'ha intercettata, rinchiudendola insieme ad altre fate nelle segrete del suo tenebroso castello.

Il drammatico evento ha naturalmente scombussolato il regno fatato, ma per loro fortuna Mario, Luigi, Toad e Peach sono intenzionati a non farla passare liscia al loro eterno rivale!

 

QUATTRO PERSONAGGI IN CERCA D'AUTORE

Rispetto a New Super Mario Bros. U, qui non solo è possibile scegliere il personaggio in base alle proprie preferenze ma, addirittura, ciascun eroe viene caratterizzato in modo differente e porta con sé un bagaglio personalissimo di pregi e difetti, che strizza l'occhio al vetusto Super Mario Bros. 2.

Se dunque Mario è il classico figuro nella media, Luigi si distingue dal fratello grazie ai suoi salti più elevati (perde invece la sua tradizionale propensione a scivolare su ciascuna superficie), Toad si rivela essere un vero e proprio sprinter mentre la Principessa Peach strizza l'occhio al neofita: riempiendo d'aria la sua gonna riesce a planare per alcuni istanti, e il fatto che a causa dei tacchi non raggiunga mai velocità elevate la rende particolarmente facile da controllare.

Ma l'assetto dei quattro eroi è ulteriormente rinforzato da un deciso cambio di prospettiva per ciò che concerne il controllo. Fin da subito ci si accorge infatti che, rispetto agli altri episodi, i personaggi sono ora dotati di uno sprint suppletivo che entra in gioco quando i quattro stanno correndo. Un vero e proprio boost automatico che fa raggiungere velocità più elevate e che a tratti, sulle prime, da anche un po' fastidio, visto che sembra che il proprio alter ego non risponda ai comandi.

Andare a toccare il sistema di controllo, dopo anni di immobilismo su quel fronte, è senza dubbio una scelta molto coraggiosa da parte del team di sviluppo. Scelta che, naturalmente, non mancherà di sollevare mugugni e di attrarre critiche da parte dei fans più tradizionalisti.

Del resto non ci vuole troppo tempo per rendersi conto che l'intera gestione della fisica sia stata leggermente ritoccata, così da rendere Super Mario 3D World un episodio più frenetico degli altri.

Potrebbe persino sembrarvi che l'ultimo nato in casa Nintendo voglia scimmiottare Sonic, complici livelli che, con il pretesto di ricordare il primo, mitico, Super Mario Kart, introducono nel concept di gioco rampe, pedane rimbalzanti e cerniere per dei turbo temporanei, da inanellare con precisione chirurgiga in uno sprint continuo. Non è del resto un caso se le stesse boss-battle contro Bowser avvengano su di una sorta di autostrada, richiedendovi di inseguire il tarpano mentre se la svigna a bordo di una fiammante cadillac violacea...

 

L'IDRAULICO MI HA FATTO LE FUSA

Ma l'innovazione principale di Super Mario 3D World riguarda soprattutto la Super Campanella (in realtà è un sonaglino da collare), che trasforma i nostri quattro eroi in enormi gattoni. E che gatti! Conciati così Mario, Luigi, Peach e Toad sembrano proprio quattro randagioni che ne hanno visto di tutti i colori e che sono pronti a mettere a soqquadro il quartiere con le loro scorribande e le loro astute monellerie!

A molti l'idea del costume felino non è affatto piaciuta e l'hanno ritenuta una buffonata. In realtà, era solo questione di tempo prima che il guardaroba di Mario si arricchisse di questo potenziamento, considerato che il nostro baldo idraulico italiota aveva già sfoggiato la tuta Tanuki. Nella cultura nipponica, infatti, la creatura immaginaria Tanuki spesso fa il paio con il Baka Neko e con il Maneki Neko, felini dai poteri sovrannaturali soliti ad intervenire nelle vicende degli esseri umani.

Il nuovo travestimento di Mario non è insomma campato per aria, ma è strettamente collegato al vecchio costume Tanuki di Super Mario Bros. 3 e di Super Mario 3D Land.

Ma, a parte questi riferimenti alle tradizioni nipponiche, il costume da gatto ha un suo perché soprattutto all'interno dell'economia di gioco. Mario Gatto, infatti, può artigliare i nemici e piombare su di loro con uno scatto felino. Azioni, queste, che rendono molto più agevole l'attacco in un mondo tridimensionale.

Per tradizione, infatti, Super Mario si sbarazza degli sgherri di Bowser saltando loro sulla testa. Un conto però è farlo in un mondo 2D, un altro è riuscire ad eseguire questa azione in un mondo tridimensionale, mentre i nemici ti girano attorno a 360° e le distanze sono ulteriormente falsate dalla prospettiva della telecamera. In Super Mario 64 Shigeru Miyamoto, conscio di ciò, per evitare di rendere l'esperienza frustrante aveva introdotto l'inedita possibilità di attaccare i nemici frontalmente: l'idraulico sferrava infatti calci e pugni. Ma dato che Super Mario non è Jackie Chan, negli anni Nintendo ha continuato a cercare una soluzione: lo SPLAC di Super Mario Sunshine ed il fatto che i nemici di Super Mario 3D Land si fermassero non appena, durante il salto, entravamo in asse con loro altro non erano che accorgimenti volti a correggere il problema.

Problema che qui non viene certo risolto, ma viene almeno mitigato dalla simpaticissima tuta gatto, che porta in dote artigliate portentose che certo saranno la principale arma d'attacco per tutto il gioco, considerato che la Super Campanella si trova ovunque.

Ma, oltre a permettere l'attacco orizzontale, il costumino da gatto dona ai nostri eroi la proverbiale agilità felina: eccoli, i quattro, sgattaiolare lesti lungo pareti e tronchi d'albero, raggiungendo così vette mai viste! Grazie alla tuta gatto è possibile tagliare intere parti dello scenario (un plauso agli autori, che hanno previsto nella costruzione dei livelli molteplici strade alternative che dessero un senso a questo nuovo power up) o raggiungere zone segrete normalmente inarrivabili.

 

LA CARICA DEI 101

Già che siamo in tema di power up, introduciamo allora l'altro item inedito: la Doppia Ciliegia. Pare uscita dall'universo di Pac-Man e, se ingerita, sdoppia all'istante l'eroe di turno. Avete capito bene: dove prima c'era un Mario, ne potrete trovare e controllare due. Ed il bello è che è possibile trovare altre ciliege e mettervi presto a capo di un esercito, che potrà ad esempio schiacciare switch dislocati a distanza, raccogliere in fretta le otto monete rosse o risolvere altri semplici enigmi. I cloni camminano appaiati e possono sconfiggere i nemici, ma anche dissolversi al minimo errore. Sulle prime questo power-up disorienta, specie nelle partite multiplayer, ma se riuscirete a padroneggiarlo con cura vi sarà utile nelle situazioni di gioco maggiormente complesse.

Dal passato tornano invece la Tuta Tanuki, che consente ai nostri di svolazzare per brevi tratti ed il Fiore di Fuoco. Quest'ultimo power up ora ha una marcia in più dato che in quest'ultimo episodio le nostre fireball possono essere veicolate nei tubi per sfociare dall'altra parte. Così facendo è possibile liberarsi non solo di nemici che ci attendono malignamente dall'altro capo della conduttura, ma anche arrostire eventuali sgherri che si nascondono proprio dentro il tubo, o lo stanno utilizzando per raggiungerci (eh si: adesso anche i nemici usano i tubi!). Da Super Mario 3D Land riaffiora il Boomerang, che ci consente di attaccare i nemici a distanza ma anche di raccogliere oggetti (principalmente Stelle Verdi) al di fuori dalla nostra portata. Mentre da New Super Mario Bros. per Nintendo DS ritorna il Mega Fungo. Questo è probabilmente il power up più raro e divertente del gioco, visto che accresce a dismisura le dimensioni del personaggio e, per un breve periodo di tempo, gli consente di sfasciare tutto: nemici, elementi d'arredo, tubi, blocchi...

Segnaliamo, infine, il ritorno della Foglia Invincibile, uno strumento pensato per aiutare i neofiti nell'avanzamento del gioco e che dona una particolare tuta Tanuki che rende invulnerabile il proprio alter-ego.

A fianco ai power up, troviamo poi degli strumenti temporanei che potranno essere raccolti ed equipaggiati per brevi tratti. Qui segnaliamo i principali, come il Cubo Cannone, che trasforma il nostro in una specie di pistola vivente, rendendo il gioco molto simile ad uno sparattutto, ed il Cubo Torcia, che può darci una mano nelle magioni infestate facendo svanire definitivamente le inquietanti presenze che le abitano.

Molto simpatico il travestimento da Goomba, che talvolta alcuni nemici rilasciano dopo essere passati a miglior vita. Se indossato, permetterà infatti di attraversare indisturbati le schiere di Bowser.

Ricordate la Scarpa di Goomba in Super Mario Bros. 3? Consentiva di passare indenni su superfici pericolose. Ebbene, qui questa calzatura è stata ripresa e trasformata in un pattino da ghiaccio, capace di trasformare alcuni livelli in vere e proprie competizioni agonistiche molto insidiose!

Infine, non potevamo parlare della Pianta Piranha in vaso. Questo storico nemico di Mario, tra i più odiati per via della sua voracità e della sua predisposizione a coglierci di sorpresa, qui ora diventa per qualche istante un nostro alleato. In alcuni livelli potrete trovare questo vegetale mentre se la dorme nel suo vaso. Se sarete lesti potrete afferrarla e portarla assieme a voi: in tal caso fungerà da Yoshi, pappando ogni nemico presente nel circondario. Questa pianta dà però non pochi problemi nel multiplayer dato che aggredirà i vostri compagni, non facendo perder loro vite ma spingendoli fastidiosamente e costringendovi a procedere molto distanziati.

 

SOSPESI TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE

Come sa bene chi gioca a Super Mario da una vita, i travestimenti ed i power up, che abbiamo elencato nel paragrafo soprastante, non si limitano a trasformare l'aspetto esteriore di Mario, ma “vestono” il gioco di nuovi gameplay.

A questo proposito, è doveroso segnalare la grande sperimentazione attuata dal team nel tentativo di innovare il più possibile le meccaniche di gioco, forse per soddisfare finalmente chi riteneva che la serie rischiasse alla lunga di stagnare.

Come dicevamo ad inizio di questa recensione (qualcosa come tre pagine, cinque paragrafi e circa diecimila caratteri più in su), Super Mario 3D World abbonda di novità ma ci tiene anche a non tralasciare le tradizioni.

Sulle prime, sembra effettivamente il Mario meno Mario che ci sia. Vuoi per l'aggiunta di questo strambo boost che cambia il sistema di controllo, vuoi anche per un level design molto variegato, che tende quasi a premiare la velocità d'esecuzione rispetto all'esplorazione proprio come accade in Sonic, è facile sentirsi straniati.

Ci pensano naturalmente tanti altri dettagli a riportarci a casa. Come ad esempio il ritorno ad una mappa tridimensionale a la Super Mario World che però... per la prima volta è liberamente esplorabile, nel senso che potrete girarla in lungo ed in largo. Si tratta di una novità un po' stramba, che funziona e non funziona. I livelli infatti sono ancora da fare nel giusto ordine -e non si capisce perché-, ma in compenso setacciando per bene la mappa (nella quale Mario non può saltare o nuotare), potrete rinvenire power up, vite extra, casette zeppe di regali e sfide ma anche i livelli dedicati a Capitan Toad: l'esploratore dei due Galaxy.

Questi quadri sono un vero e proprio gioco nel gioco dato che sono sorretti da una meccanica tipica dei rompicapo. Bisogna infatti raccogliere cinque Stelle Verdi sperse in un dedalo, tenendo conto che Capitan Toad non può né attaccare i nemici, né saltare. Occorre allora girare il GamePad Wii U in modo da orientare la visuale e scoprire passaggi nascosti, così da predisporre le traiettorie che ci evitino di finire in qualche burrone o tra le fauci di qualche mostriciattolo.

Abbiamo parlato di nemici: Super Mario 3D World ne presenta un sacco nuovi, ma ne ripesca anche di vecchissimi. Tra questi citiamo con un pizzico di commossa nostalgia, le striscianti Piante Serpiranha di Yoshi's Island e Yoshi's Story, i Formichi di Super Mario Land 2 o i Galoomba di Super Mario World, i quali oggi come allora sono più tondeggianti dei Goomba tradizionali e richiedono di un duplice colpo per essere sconfitti, visto che il salto serve solo a capottarli.

Si torna invece a parlare di innovazione citando il valore aggiunto introdotto dal GamePad Wii U, le cui caratteristiche tornano utili un po' ovunque.

Anzitutto, toccando il touch screen potrete paralizzare per alcuni istanti i nemici, in maniera non dissimile alla “cooperativa” assai limitata dei due Super Mario Galaxy, o bloccare le piattaforme in movimento.

I sensori sensibili al movimento vengono chiamati in causa, come in Super Mario 3D Land, quando si guarda attraverso i binocoli, così da avere un'idea del cammino da compiere (e di eventuali biforcazioni che una visuale infingarda tende a lasciar fuori) ed in alcuni minigames.

Il microfono sarà invece sfruttato per dar vita a delle piattaforme dotate di elica, stando attenti a non esagerare per non prendere troppa velocità e trasformare le sequenze multiplayer in un vero inferno.

A proposito di multiplayer: le liti tra i giocatori sono ora incentivate da un sistema di classificazione che, finito il livello, donerà al più meritevole una corona. Gli altri potranno decidere di sottrargliela onestamente, superando il suo punteggio, o prendendogliela con la forza, e allora apriti cielo...

Abbiamo tralasciato qualcosa? Sicuramente sì, come i livelli in groppa a Plessie, il plesiosauro da corsa che vi accompagnerà lungo folli discese sulle rapide, o la possibilità di ricevere via SpotPass i fantasmi degli altri utenti, nemmeno fossimo in Mario Kart. E potevamo poi parlarvi di alcune deliranti boss-battle, che sovvertono le meccaniche trentennali della saga, e di chissà cos'altro ancora, ma preferiamo che siate voi a scoprire le numerose novità che vi attendono. Noi ci siamo limitati a darvi le basi, e forse non siamo nemmeno riusciti a ricordarle tutte...

 

TIRANDO LE SOMME

Non è affatto facile tirare le somme di un titolo come Super Mario 3D World, perché, dobbiamo ammetterlo, sulle prime tende a lasciare alquanto indifferenti, limitandosi ad apparire come una versione espansa di Super Mario 3D Land.

Complice anche un level-design che nei primi due mondi non si rivela troppo ispirato, e di alcune novità che vengono introdotte a forza, quasi a voler subito dimostrare che si tratta di un “Mario di rottura”, si procede un po' interdetti.

La stessa boss-battle n.° 1 di Bowser lascia l'amaro in bocca per l'eccessiva facilità con la quale è possibile aver meglio del rivale e l'incredibile lentezza d'esecuzione delle meccaniche.

Per fortuna, però, basta superare i primi due mondi per entrare nel vivo del gioco, e allora Super Mario 3D World viene a galla, lasciando emergere le sue reali potenzialità.

Lo dobbiamo ammettere: alcuni livelli restano troppo corti, altri troppo banali, regolari e prevedibili, ma lasciate solo che arrivino quelli che portano in dote una cascata di novità e vi ricrederete, riconoscendo il gioco come l'avventura più frizzante vista fino ad oggi.

Purtroppo la longevità media è inferiore rispetto a New Super Mario Bros. U, forse proprio per incentivare le partite multigiocatore ed evitare che livelli troppo zeppi di insidie trasformino quel valore aggiunto in un malus. Tuttavia, almeno gli ultimi stage presentano una più alta dose di sfida, tra piattaforme basculanti, traballanti, infidi trabochetti e nemici piazzati con perfida maestria.

E poi, non è detto che, immerso nello spazio profondo, non esista un nono mondo leggendario che apra le proprie porte solo ai giocatori più meritevoli e che rappresenti una sfida per appassionati “de fero”. E quando potreste pensare che è tutto finito, ecco una nuova rassegna di quadri governati da regole assurde! Siamo volutamente criptici per non rovinarvi la sorpresa. Sappiate solo che il gioco prevede un traguardo “per tutti” ed uno, successivo ai titoli di coda, per esperti. Chi ha giocato a Super Mario 3D Land saprà a cosa ci stiamo riferendo...

Per ciò che concerne il comparto tecnico, invece, applausi a scena aperta, senza “se” e senza “ma”.

Graficamente Super Mario 3D World non sembra di grosso impatto, anzi, si potrebbe pensare che faccia economia di effetti speciali. In realtà li usa con oculatezza, come gli splendidi shader traslucidi di alcune superfici bagnate nella casa dei fantasmi, l'effetto pioggia sulla telecamera negli stage temporaleschi, gli effetti luce dei livelli ambientati al tramonto che quasi incendiano l'aria, le esplosioni dei fuochi artificiali nei quadri del casinò che illuminano ritmicamente a giorno il quadro, o le illuminazioni in tempo reale del Cubo Torcia, capace di allungare le ombre degli oggetti dello scenario in modo tanto realistico da trasfigurarlo.

E poi abbiamo un'ottima densità poligonale trasfusa tanto nei livelli quanto nei personaggi che, unita ad una animazione curata fin nel minimo dettaglio, rende Super Mario 3D World una esperienza paragonabile ad un cartone della Disney.

Se stilisticamente si allontana dal tono serioso ed epico di Super Mario Galaxy, dobbiamo comunque essere felici che riabbracci quello plasticoso e “finto” del vecchio Super Mario Bros. 3.

Già! Ricordate Bros. 3, con le sue nuvolette posticce appese al fondale, lo scenario in cartapesta, il sipario iniziale e strutture con viti grosse così? Super Mario 3D World tenta di tramutare tutto in solidi poligoni, dando a nemici e fondali un aspetto scenico e sintetico.

Naturalmente di ciò risente anche il componimento sonoro: tralasciate le musiche orchestrali dei due Super Mario Galaxy, ora l'OST si compone di brani più leggeri ma sincopati, che ben si adattano ad un ritmo maggiormente sostenuto e ad un multiplayer a quattro giocatori.

I componitori Koji Kondo e Mahito Yokota si sono sbizzarriti per toccare una moltitudine di generi differenti: dal jazz al blues passando per gli immancabili temi tropicaleggianti a base di percussioni, senza dimenticare i brani che hanno fatto la storia della saga, remixati col giusto gusto. Da notare, poi, i miagolii resi straziando alcuni strumenti, come il sassofono, che non mancheranno di sottolineare le avventure vissute in compagnia di Mario Gatto.

Insomma, Super Mario 3D World non manca il colpo. Certo, è un'avventura un po' più facile di quello che avremmo voluto, ma in compenso non è mai una passeggiata rilassata: anzi, è probabilmente il capitolo più frenetico e sincopato mai esistito, al netto del fatto che non tutti i livelli entusiasmino come promesso!

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


A cura di : Carlo Terzano


pro_contro_piu Nuovi power up introdotti con intelligenza
pro_contro_piu Tante situazioni di gioco inedite
pro_contro_piu Sistema di controllo rivoluzionato
pro_contro_piu Comparto tecnico molto solido
pro_contro_piu Stilisticamente impeccabile
pro_contro_piu Ottime musiche
pro_contro_piu Finalmente il co-op in un Mario 3D!
All'inizio il gioco fatica a decollare pro_contro_meno
Livello di sfida piuttosto basso pro_contro_meno
Molti livelli lineari... pro_contro_meno
...In generale troppo corti pro_contro_meno
Caotico in quattro pro_contro_meno
L'idea della mappa esplorabile non è sfruttata a fondo pro_contro_meno

Valutazione Super Mario 3D World
 
pagella_termometro10
pagella_mario
9.0
pagella_termometro10
pagella_mario
9.1
pagella_termometro10
pagella_mario
8.3
pagella_termometro10
pagella_mario
8.1
pagella_mario2
8.6
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_stellina
pagella_mezzastellina
In definitiva, Super Mario 3D World rivoluziona parzialmente la saga di Super Mario, rappresentando forse la quadra che Nintendo cercava da tempo, nel tentativo di trasportare la formula originaria dei giochi in 2D su 3 dimensioni. Non sappiamo se la strada migliore sia quella scelta ai tempi da Super Mario 64 e Sunshine, oppure quella dei due Galaxy, o ancora questa di 3D Land e 3D World che in parte le riassume entrambe. E nemmeno servirebbe dirlo, considerata la soggettività dei parametri. Ci interessa di più dirvi che Super Mario 3D World è uno dei capitoli più innovativi e frenetici della serie, anche se non è tra i più longevi e difficili. Un'esperienza molto divertente, specie se vissuta in compagnia di 2 o più amici!  
pagella_bottom
Potrebbero interessarti anche:
e3-speciale-meyf-giorno_2_1371029446098954500
E3 2013 - Giorno 2
yoshi-s-woolly-world-wii-u-anteprima-banner_1432722139072904500
Yoshi's Woolly World
super-mario-3d-world-meyf-preview-banner_1372666623049362300
Super Mario 3D World
sonic-lost-world-3ds-recensione-meyf-banner_1382304857038737500
Sonic Lost World
f-lktpo8pg1fmtdj00eoznedghajxeiy
Super Mario 3D World, nuove foto!
super-mario-3d-world-b_1370964716004551700
Super Mario 3D World, video e foto
rqzxdrv1vvebcp0up7cja32o0giryw2g
Super Mario 3D World, spot USA
wiiu_supermario3dworld_14_mediaplayer_large
Super Mario 3D World, nuovo video!
border_tr