border_tl
blocchi_social Facebook Twitter RSS
center_top
 

Fast & Furious - Showdown



Fast & Furious - Showdown
fast-furious-showdown-wii-u-recensione-meyf-cover-pal_1378056933067317300
Sistema
Nintendo Wii U
Genere
Automobilistico
Giocatori
1/2
Produttore
Activision Blizzard
Sviluppatore
Firebrand Games
Distributore
Activision Blizzard
Versione
PAL
Requisiti
/
Uscite    
N.D.
N.D.
Disponibile
scheda_networkoff scheda_pegi12
   
 
scheda_bottom

fast-furious-showdown-wii-u-recensione-meyf-logo_1378056771048777700


Su quanto possa essere dannosa l'accoppiata “cinema + videogiochi” sono stati versati litri di inchiostro, forse persino scritti dei libri, e puntualmente ci si ritorna quando si deve recensire l'ennesimo tie-in. Le mosche bianche non sono certo mancate ma, generalmente, il livello qualitativo è così basso da fare inorridire il malcapitato che ha avuto la malaugurata idea di comprarsi il gioco -o la sfortuna che gli venisse regalato- dopo pochi istanti.

Fast & Furious: Showdown non fa purtroppo eccezione ed, anzi, sembra essersi impegnato per assicurarsi il podio nella categoria “peggior gioco esistente per Nintendo Wii U”...


TOO FAST, TOO FURIOUS

Uscito al cinema agli inizi della bella stagione, Fast & Furious – Showdown è immancabilmente arrivato su console e PC grazie ad Activision, che ne ha finanziato lo sviluppo e ne ha curato la distribuzione.

Il titolo, programmato da Firebrand Games, ha l'ambizione di seguire fedelmente la sinossi della pellicola ed alterna, mischia e stratifica più gameplay tra loro.

Non si guida semplicemente, per le caotiche strade di Fast & Furious, ma si compiono anche furti milionari, si sfugge ai rappresentati della legge e si crivellano di colpi gli avversari come se non vi fosse un domani.

Chi ha visto il film avrà magari piacere a ripetere passo dopo passo le gesta di Dominic Toretto e Brian O’Conner; chi, invece, si aspettava un racing game in piena regola, magari à la Need For Speed o à la Burnout, non potrà non rimanere deluso da una tale mescolanza di generi.

Non crediate nemmeno di trovarvi in un GTA su licenza cinematografica, perché Fast & Furious – Showdown non prevede sequenze a piedi e, soprattutto, non è free-roaming.

Si limita invece ad alternare missioni più o meno diverse, il cui minimo comune denominatore saranno i furiosi spostamenti in auto da un punto A ad un punto B. Sullo sfondo sfrecceranno le più note capitali mondiali (Mosca, Rio, Londra, Madrid, ecc...) e voi naturalmente potrete far sfoggio di boost e derapate.

 

CHIAMATE IL CARRATTREZZI!

Quello riportato nel precedente paragrafo è, in soldoni, il concept alla base del gioco Activision.

Poca roba, ne converrete.

Nei fatti, però, le cose vanno anche peggio, dato che il titolo è funestato da una miriade di bug che ne distruggono la giocabilità, e gode di un comparto tecnico così scadente da sembrare vecchio di una decina di anni.

Ma procediamo con calma per evitare di darvi troppe notizie nefaste tutte assieme.

Quanto agli errori di programmazione, in Fast & Furious – Showdown ne spuntano davvero in continuazione. Se aveste voglia di catalogarli tutti, impieghereste forse mesi, ma alla fine avreste vergato un bestiario che potrebbe essere tenuto in qualche libreria universitaria!

Non solo il gioco ci ha freezato tre Wii U differenti (niente che un reset non abbia curato, per fortuna), ma, da un certo punto in poi, si è anche rifiutato di parlarci in italiano, impostando automaticamente la lingua su francese, senza che fosse per noi possibile intervenire in qualche modo per cambiarla!

Ma questo è il minimo: ciò che lascia atterriti, è senza dubbio il mesto spettacolo che si apre quando si arriva in pista.

Parliamo di tracciati spogli dalla mole poligonale irrisoria, dalle texture scialbe e piatte, dai colori acidi agghiaccianti, popolati da un gran numero di vetture squadrate che emulano malamente il traffico urbano e sembrano uscite da un simulatore in uso da una scuola guida!

Una penuria grafica simile non comporta -incredibile ma vero- alcun beneficio sul fronte del frame rate: non solo correndo al massimo non si avverte alcuna sensazione di velocità, ma addirittura il gioco incespica ed anche parecchio appena due o tre vetture compaiono assieme all'orizzonte.

Il "meglio" Fast & Furious – Showdown comunque lo riserva nella gestione della fisica: le auto scivolano letteralmente sull'asfalto, regalandovi l'impressione di correre su di una patina ghiacciata, mentre gli incidenti riescono ad essere farseschi nella loro forzosa spettacolarizzazione.

Che voi colpiate una vettura o un tir, che l'incidente avvenga a 50 km/h o a 100, al gioco non interessa: vedrete infatti schizzare l'auto avversaria come una biglia impazzita, potendola magari scaraventare sulle altre poste all'altro capo della strada o farla persino rimbalzare contro le facciate dei palazzi.

Il vostro mezzo, nemmeno fosse un carrarmato, pare invincibile ed è in grado di resistere ad ogni colpo. Tutte le altre vetture, invece, prendono il volo appena lo toccano, come se fosse una specie di rampa di lancio rivolta verso lo spazio profondo.

Questa bizzarra invincibilità può essere utilizzata con profitto durante gli inseguimenti con le forze dell'ordine: è infatti sufficiente rallentare per fare in modo che le gazzelle della Polizia vi tamponino, schizzando così in orbita. Che senso ha fuggire dai propri assalitori quando li si può comodamente annientare al tocco?
Se il gioco è già poco invitante per i difetti appena descritti, figuriamoci cosa comportano questi errori di programmazione che precludono ogni possibilità di sfida e di divertimento!

Per non parlare, poi, degli inquietanti muri invisibili che circondano il vostro veicolo come un campo di forza: aumentano la cubatura dell'auto, falsificandone le dimensioni. In parole povere, voi crederete di poter effettuare una derapata a pelo con lo spigolo di un palazzo, e invece vi ritroverete ad urtarlo, nonostante il metro e mezzo di distanza dall'edificio, andando così in testa coda. O, ancora, ogni tanto vi capiterà di vedere le auto che sfrecciano in direzione opposta alla vostra saltare in aria come petardi: significa che per il caracollante engine messo in piedi (parolona) da Firebrand Games le starete tamponando... a distanza!

Impossibile chiudere senza citare l'IA avversaria. In una parola la si potrebbe definire “inesistente”. Se avete commesso l'errore madornale di acquistare il gioco, l'unico modo per divertirsi potrebbe essere quello di fermarsi ad attendere i vostri inseguitori: noterete così che faranno di tutto per non avere la meglio su di voi, schiantandosi in allegria contro le recinzioni della pista o addirittura eliminandosi tra loro...

 

FAMMI SCENDERE QUI!

Insomma, Fast & Furious – Showdown è una immonda porcheria. E', senza tema di smentita, il gioco più brutto per Nintendo Wii U mai sviluppato fino ad ora, ma anche uno dei titoli peggiori che ci sia capitato di recensire in 15 anni di Mario & Yoshi's friends Magazine.

Sviluppato con i piedi, rappresenta l'inferno sottoforma di prodotto videoludico. Impossibile divertirsi giocandoci, non solo per mancanza di spunti, ma anche perché una serie di errori tecnici grossolani mai visti mineranno fin dalle fondamenta la vostra serenità.

Vi basterà una sola partita di cinque minuti per realizzare che questo gioco è il male assoluto: non compratelo, girategli alla larga, oppure regalatelo alla persona che odiate maggiormente. Ma attenzione: dopo l'avrete sulla coscienza!

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 


A cura di : Carlo Terzano


pro_contro_piu Lasciato girare su di un televisore acceso potrebbe essere un insolito modo per spaventare i ladri
Tecnicamente orribile pro_contro_meno
Abbonda di una quantità esorbitante di bugs grafici. Non siamo riusciti a contarli: ci hanno sopraffatto! pro_contro_meno
Gestione della fisica semplicemente farsesca pro_contro_meno
Il peggior gioco mai recensito dal Mario & Yoshi's friends Magazine pro_contro_meno

Valutazione Fast & Furious - Showdown
pagella_termometro4_5
pagella_waluigi
1.0
pagella_termometro4_5
pagella_waluigi
1.2
pagella_termometro4_5
pagella_waluigi
1.1
pagella_termometro4_5
pagella_waluigi
1.2
pagella_termometro4_5
pagella_waluigi
1.0
pagella_waluigi2
1.1
pagella_stellina
In definitiva, Fast & Furious Showdown si merita il premio, inventato per l'occasione, del peggior gioco mai recensito dal Mario & Yoshi's friends Magazine: la pattumiera di stagno! Gli sviluppatori devono essersi impegnati parecchio per inanellare una così mostruosa dose di errori, sbavature, imperfezioni e scivoloni imperdonabili, tanto che forse nella loro opera potrebbero essere rinvenuti gli estremi di un qualche reato contro l'umanità, la pubblica morale, l'ordinamento costituito ed il buongusto!
pagella_bottom
Potrebbero interessarti anche:
fast-e-furious-showdown-wii-u-review-meyf-banner_1378056753097376200
Fast & Furious - Showdown
nintendo-land-wiiu-preview-banner-meyf_1347528570023383900
Nintendo Land
my-baby-pet-hotel-3d-3ds-recensione-meyf-banner_1391512405017755600
My Baby Pet Hotel 3D
xeno-banner_1429010307001826600
Xenoblade Chronicles 3D
logo
Fast Racing NEO, foto e sito
screen13
Fast Racing Neo, novità
screenshot11
Fast Racing Neo, 12 minuti di video
preview
Fast Racing Neo, prima immagine
border_tr